Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Sanatoria bolli auto – Regione Lombardia

Con la Legge Regionale n. 20/2015, la Regione Lombardia da modo agli automobilisti morosi di pagare il bollo auto senza maggiorazioni

Sanatoria bolli auto – Regione Lombardia - Con la Legge Regionale n. 20/2015, la Regione Lombardia da modo agli automobilisti morosi di pagare il bollo auto senza maggiorazioni

La Regione Lombardia, con Legge Regionale n. 20/2015 ha avviato una campagna di definizione agevolata delle posizioni relative alle tasse automobilistiche non pagate o pagate parzialmente. 

 

Tutti i proprietari o utilizzatori, siano essi persone fisiche che giuridiche, possono accedere alla sanatoria a patto di pagare integralmente il dovuto, senza sanzioni né interessi, entro la data del 31/03/2016, il tutto senza necessità di presentare alcuna istanza. 

 

L’agevolazione è estesa alle annualità non pagate o pagate parzialmente, ricomprese tra il 1999 e il 2014, sono quindi incluse: 

- le annualità dal 1999 al 2009 per le quali sono già state emesse le cartelle esattoriali; 

- le annualità dal 2010 al 2012 per le quali sono già stati emessi atti di accertamento; 

- le annualità 2013 e 2014 non ancora oggetto di controllo. 

 

L’anno 2015 è escluso, pertanto eventuali ritardi saranno sanati con l’aggiunta di sanzioni ed interessi. 

 

Sono inoltre escluse le annualità per le quali sono state emesse cartelle esattoriali e che per le quali, alla data dell’11/07/2015, siano già state avviate procedure di carattere esecutivo mobiliare o immobiliare (pignoramenti, vendite, ecc.) e per rapporti tributari definiti con sentenza passata in giudicato. 

 

Da sottolineare che Regione Lombardia ha disposto la sospensione di tutti i ruoli coattivi in carico ad Equitalia, in modo da evitare l’attivazione di nuovi provvedimenti cautelari o il passaggio a interventi esecutivi. 

 

I pagamenti potranno essere effettuati: 

- per le annualità dal 1999 al 2009: unicamente presso le Agenzie automobilistiche e delegazioni ACI convenzionate con Regione Lombardia, in quanto ha provveduto la stessa Regione Lombardia alla sospensione dei ruoli; 

- per le annualità dal 2010 al 2014: Poste Italiane, Tabaccherie abilitate, ricevitorie SISAL, Agenzie Pratiche automobilistiche, Delegazioni ACI autorizzate, on-line presso Banca Intesa, nel Portale Tributi di Regione Lombardia o tramite www.aci.it 

 

Il caso più complesso che merita un approfondimento è sicuramente quello relativo alle cartelle esattoriali per le quali siano stati effettuati pagamenti rateali. 

 

Le istruzioni di Regione Lombardia recitano: 

“In caso di rateizzazioni già concesse e ancora in corso, si procede come segue: 

 

1. se l’importo già corrisposto (inteso come somma di tassa + sanzione + interessi + spese) copre quanto dovuto a titolo di tassa, la posizione è considerata già regolarizzata; per la differenza non si fa luogo al rimborso; 

 

2. se, viceversa, l’importo già corrisposto (inteso come somma di tassa + sanzione + interessi + spese) non copre quanto dovuto a titolo di tassa, è necessario versare il saldo in unica soluzione entro il 31 marzo 2016.” 

 

Non è chiaro a chi debba essere fatto il pagamento delle differenza ancora a debito, come non è pacifico che le rateazioni iniziate prima della data di entrata in vigore del provvedimento rientrino in pieno nella somma dei pagamenti effettuati a riduzione del capitale, anche perché nel successivo paragrafo dedicato ai rimborsi, viene testualmente precisato che “Gli importi corrisposti prima dell’entrata in vigore della norma a titolo di sanzioni, interessi e spese non possono essere oggetto di rimborso.” Si vorrebbe dire che dovremmo calcolare le sanzioni, interessi e spese pro-rata per ogni rata pagata prima dell’11/07/2015 e scorporare l’importo dal totale pagato? 

 

Altro dubbio da chiarire: nel caso il contribuente, in assenza di rateazione, abbia pagato un acconto ad Equitalia, l’importo viene considerato? E come viene considerato se pagato prima dell’11/07/2015?

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Sed Studio Commercialisti Associati - Seveso (MB)

SED Studio Commercialisti Associati

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Antonio Monti, 15

20030 - Seveso (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Assegnazione dei beni ai soci … con trabocchetto

L'assegnazione dei beni ai soci di Società non è soggetta solo all'imposta sostitutiva, bensì anche all'imposta di registro, all'IVA e ad IRPEF

Continua

Cassa Mutua Sanitaria, opportunità per le aziende

In un momento come l'attuale dove il sistema sanitario è sempre più a carico del cittadino, è opportuno valutare se sottoscrivere una polizza Mutua

Continua

Novità Autovetture dalla Legge di Stabilità 2016

La Legge di Stabilità 2016 offre la possibilità di ammortizzare al 140% gli investimenti effettuati nel periodo tra il 15/10/2015 e il 31/12/2016.

Continua

Il nuovo regime forfettario 2016

la legge di stabilità 2016 ha stabilito le nuove regole contabili e fiscali relative ai contribuenti minimi.

Continua

Niente ricevuta fiscale nell'e-commerce

Gli operatori B2C per servizi di TLC, teleradiodiffusione e di e-commerce, sono dispensati dall'obbligo di emissione di scontrini e ricevute fiscali.

Continua

Per i minimi si ritorna (in parte) al vecchio

Dal 1 gennaio 2016 tutti i contribuenti minimi saranno assoggettati alla nuova normativa

Continua

Dal 2016 in vigore il nuovo bilancio abbreviato

Dal prossimo anno entrerà in vigore la riforma del bilancio d'esercizio compreso quello in forma abbreviata. Non facciamoci trovare impreparati

Continua

Il bilancio super-semplificato, un`analisi

La Direttiva 2013/34/UE recepita dal D.Lgs 139/2015, ha introdotto un nuovo schema di bilancio notevolmente più semplificato rispetto ai precedenti

Continua

Il bilancio super-semplificato delle micro s.r.l.

Dal 2016 le micro-imprese potranno redigere il bilancio da depositare al Registro delle Imprese in forma super-semplificata

Continua

L’importanza (a volte) di essere aulici

Essere aulici aiuta il lessico e la psiche. E' salutare anche per il corpo

Continua

Cassazione – ordinanza 10/07/2015, n. 14501

La mancata redazione dell’inventario di fine anno delle rimanenze di magazzino giustifica l’accertamento induttivo da parte dell’Agenzia delle Entrate

Continua

Il Governo con una mano dà, con le altre due prende

Ridurre le imposte di 50 miliardi e mantenere gli impegni con l'Europa: una sfida per il governo Renzi. Mentre la disoccupazione non diminuisce

Continua

In Italia non diminuisce il costo del lavoro

Molti paesi europei hanno attuato politiche per il rilancio dell'economia. Non così in Italia

Continua

Risposta a quei petulanti economisti di sinistra

La Scolastica, con i suoi quattro pilastri, è strettamente attuale. Quasi 800 anni fa S. Tommaso d'Aquino ha enunciato l'attuale teoria economica

Continua

IVA sui beni significativi: la miopia dell’Agenzia

Il rilancio dell'artigianato passa anche dalla normativa tributaria

Continua

È lecito il rilascio di assegni post-datati?

L'emissione di un assegno post-datato è di per sé illecita, ma può essere regolarizzata.

Continua

Creditori insoddisfatti alla cessazione d`azienda

Se al termine della procedura di liquidazione dell'azienda, rimangono dei debiti, chi li paga? Si può procedere alla cancellazione presso la CCIAA?

Continua

I voucher: cosa sono, chi e come si utilizzano

Le prestazioni accessorie svolte da pensionati, studenti, disoccupati, extra-comunitari e altri possono essere retribuite con i "voucher"

Continua

Le prestazioni occasionali: distinguo da operare

Esiste una netta distinzione tra "prestazioni occasionali di lavoro autonomo" e le "collaborazioni occasionali"

Continua