Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Rivalutazione terreni: chiarite le decadenze

La CTR di Potenza assume la legittimità della cessione di terreni edificabili rivalutati ad un corrispettivo inferiore al valore periziato

Rivalutazione terreni: chiarite le decadenze - La CTR di Potenza assume la legittimità della cessione di terreni edificabili rivalutati ad un corrispettivo inferiore al valore periziato

La CTR di Potenza, con la sentenza n. 525/2/2015, affronta, tra le problematiche afferenti la decadenza dalla rivalutazione dei terreni, la cessione ad un corrispettivo inferiore al valore periziato. Il Legislatore, difatti, ha regolamentato la rivalutazione, ai fini delle imposte dirette ed indirette, dei terreni edificabili. Statuisce l’art. 7 L. 448/2001: “1. Agli effetti della determinazione delle plusvalenze e minusvalenze di cui all'articolo 81, comma 1, lettere a) e b), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, per i terreni edificabili e con destinazione agricola posseduti alla data del 1° gennaio 2002, può essere assunto, in luogo del costo o valore di acquisto, il valore a tale data determinato sulla base di una perizia giurata di stima, cui si applica l'articolo 64 del codice di procedura civile, redatta da soggetti iscritti agli albi degli ingegneri, degli architetti, dei geometri, dei dottori agronomi, degli agrotecnici, dei periti agrari e dei periti industriali edili, a condizione che il predetto valore sia assoggettato ad una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, secondo quanto disposto nei commi da 2 a 6”. 

Risulta di indubbia evidenza che il Legislatore ha permesso la rivalutazione dei terreni edificabili e l’acquisizione per i medesimi beni di un valore rideterminato opponibile alla Amministrazione Finanziaria per le “plusvalenze e minusvalenze” conseguenti alla cessione. Tuttavia, la problematica in esame consegue alla affermata sussistenza di ipotesi decadenziale nel caso di cessione del terreno ad un corrispettivo inferiore al valore di perizia. La C.M. 81/E/2002, a tal proposito, affermava che "occorre tener presente che, ai sensi dell'articolo 7, comma 6, della citata legge n. 448 del 2001, affinché il valore "rideterminato" possa assumere rilievo agli effetti della calcolo della plusvalenza, è necessario che esso costituisca valore normale minimo di riferimento anche ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali. Tale principio, che prevede la omogeneità del valore fiscale del terreno ai fini delle imposte dirette e delle imposte di registro, ipotecarie e catastali, fa sì che nel caso in cui nell'atto di trasferimento sia indicato un valore inferiore a quello rivalutato, tornino applicabili le regole ordinarie di determinazione delle plusvalenze indicate nel richiamato articolo 82 del TUIR, senza tener conto del valore rideterminato".  

La tesi esposta dall’Amministrazione Finanziaria è, tuttavia, contraddetta dal dettato testuale della norma che richiamando le eventuali “minusvalenze” conseguenti alla cessione dei beni prevede espressamente l’ipotesi che la vendita avvenga dietro il pagamento di un corrispettivo inferiore al valore rideterminato. La menzionata ipotesi è disciplinata dal Legislatore e la conseguenza è statuita espressamente nella considerazione del valore di costo del bene come coincidente al valore rivalutato. Conseguentemente, il legislatore ipotizza la emersione di una minusvalenza a seguito della rivalutazione e disciplina tale ipotesi con la conferma del valore rivalutato (con la ovvia conseguenza della indeducibilità della minusvalenza e della perdita dell’eccedenza del valore rivalutato). In alcun modo il Legislatore dispone la decadenza dalla rivalutazione in conseguenza di una cessione per un corrispettivo minore al valore rivalutato. Ulteriormente, è opportuno rilevare come l’eventuale decadenza dalla rivalutazione, qualificandosi come fattispecie di diritto sostanziale in conseguenza della determinazione della base imponibile, avrebbe dovuto essere espressamente stabilita da norma di legge primaria nel rispetto del dettato di cui all’art. 23 della Carta Costituzionale. Dalla mera analisi testuale della norma richiamata manca del tutto una previsione espressa di decadenza e, pertanto, tale fattispecie è inesistente. Al contrario, l’art. 7 L. 448/2001 al comma 6, dispone che il valore rideterminato sia sempre preso quale “valore normale” del bene. Tale previsione normativa impone la individuazione del valore rideterminato come valore minimo qualora si proceda alla applicazione di criteri presuntivi fondati sul valore normale. Pur tuttavia, mai prevede la decadenza del valore rivaluto. Al contrario ne afferma la vigenza. La norma menzionata, pertanto, dispone un avvertimento nei confronti del contribuente, rilevando che, a seguito della cessione ad un prezzo inferiore al valore rideterminato, si esporrebbe ad accertamenti fondati sul valore normale. La determinazione della plusvalenza, tuttavia, non è calcolata con riferimento al “valore normale” e, pertanto, rimane ancorata al valore rideterminato con perizia. Al contrario, si andrebbe a ledere il principio di affidamento e buona fede del contribuente che, avuto accesso ad un procedimento di rivalutazione, è addivenuto alla vendita del bene anche facendo affidamento sui valori fiscali del bene ottenuti a seguito del pagamento dell’imposta sostitutiva.   

La ricostruzione sopra esposta è sostenuta da plurimi pronunciamenti di merito tra cui si inserisce la sentenza n. 525/2/2015 della CTR di Potenza che enuncia il principio di diritto della insussistenza di alcuna fattispecie decadenziale o di rinuncia alla rivalutazione in conseguenza della cessione ad un corrispettivo inferiore al valore rivalutato. 

Utile rammentare che con  la Circolare n. 1 del 15.02.2013, l'Agenzia delle Entrate ha  "cambiato rotta" e consentito al contribuente di evitare di redigere, in ogni caso, una nuova perizia al fine di scongiurare il disconoscimento del precedente valore di perizia (più basso rispetto a quello di vendita).Con la nuova posizione l’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto la possibilità di indicare, nell’atto di cessione, il valore periziato, ancorché il prezzo concordato di cessione del terreno risulti inferiore. Per effetto di detta indicazione, la rivalutazione mantiene efficacia, con la conseguenza che, ai fini delle imposte dirette la plus/minusvalenza è determinata sulla base del valore rivalutato. Quest’ultimo assume rilievo anche ai fini delle imposte di registro ed ipocatastali. Detta posizione è ribadita da ultimo nella Circolare n. 53/E del 27 maggio 2015. 

Tuttavia, la posizione della giurisprudenza di merito tende ad escludere qualsiasi rilievo dei formalismi richiesti dall'Amministrazione Finanziaria, riconducendo la rivalutazione tra i diritti quesiti del contribuente e rilevando che la ipotizzata decadenza dalla rivalutazione sarebbe lesiva del principio della buona fede e dell'affidamento nei rapporti tra contribuente ed Amministrazione Finanziaria.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto tributario

Studio Legale De Bonis - Potenza (PZ)

Studio Legale De Bonis

Avvocati / Civile

Piazza Martiri Lucani 5

85100 - Potenza (PZ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L’Affidamento legittimo esclude l’imposta

La CTR di Potenza afferma l’idoneità del principio di legittimo affidamento ad escludere la debenza dell’imposta

Continua

Raddoppio dei termini per Sanzioni ex D.L. 78/2009

Affermata la irretroattività del raddoppio dei termini per la irrogazione di sanzioni conseguente alla mancata compilazione del quadro RW

Continua

Il Redditometro non ha efficacia retroattiva

Le modifiche al redditometro non operano con efficacia retroattiva ed escludono la rilevanza di indici di spesa post 2009 ad anni precedenti

Continua

IVA agevolata alle Cooperative sociali

Le cooperative sociali godono dell'aliquota IVA agevolata per le prestazioni socio-sanitarie ivi comprese le prestazioni di trasporto disabili

Continua

Fotovoltaico, diritto di superficie non imponibile

La CTP di Potenza accerta la non imponibilità della costituzione di diritto di superficie da parte di soggetto non imprenditore

Continua

Ammissibile la lite sull'avviso del C.U.T.

E’ impugnabile l’avviso bonario con il quale la segreteria della commissione tributaria richiede il pagamento del contributo unificato

Continua

Presunzioni D.L. 78/2009 non retroattive

Affermata la irretroattività della presunzione legale conseguente alla mancata compilazione del quadro RW in presenza di investimenti esteri

Continua

Contraddittorio obbligatorio anche per il registro

La CTR di Potenza pone al vaglio il contraddittorio endoprocedimentale negli accertamenti di registro affermandone la necessarietà

Continua

ICI sul fotovoltaico: affidamento e buona fede

La CTP Potenza tutela l’affidamento del contribuente in riferimento alle imposte locali (I.C.I. ed I.M.U.) su impianti fotovoltaici anteriori al 2013.

Continua

Non sanzionabile la compensazione oltre limite

La CTP di Potenza ritiene non sanzionabile l'utilizzo del credito in compensazione oltre i limiti di cui alla L. 388/2000.

Continua