Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Voucher per l段nnovazione nel campo delle ICT

Finanziamenti a fondo perduto fino a 10mila euro per le PMI per favorire l'utilizzo di tecnologie digitali

Voucher per l段nnovazione nel campo delle ICT - Finanziamenti a fondo perduto fino a 10mila euro per le PMI per favorire l'utilizzo di tecnologie digitali

La Commissione Ue ha definito un nuovo schema di finanziamento denominato ICT Innovation voucher.
I voucher ICT mirano a incoraggiare le microimprese e le PMI dell'Unione europea all’utilizzo di tecnologie digitali, al fine di aumentare la loro competitività e migliorare le loro possibilità di crescita. Si tratta di “buoni” di dimensioni limitate, il cui valore può variare secondo le esigenze delle PMI (ma non può essere superiore a 10.000 euro).
Le PMI di tutti i settori possono utilizzare questi voucher come “buoni” per ottenere servizi ICT da aziende private, università, centri di ricerca e altri fornitori di know-how/servizi accreditati. I voucher offriranno alle aziende un facile accesso a servizi specialisti come l'assistenza nella creazione di un sito web aziendale, l’utilizzo di strumenti di e-commerce o di più sofisticati strumenti ICT per lo sviluppo di processi interni, come ad esempio nella pianificazione della produzione, nella gestione della supply chain o delle relazioni con i clienti.
RUOLO DELLE AUTORITÀ REGIONALI
Le autorità regionali saranno responsabili per l'attuazione e l'adeguamento di tale sistema alle esigenze locali. Microimprese e PMI potranno quindi inviare la richiesta per ottenere i voucher direttamente all'organismo regionale competente.
Nella fase pilota, le Regioni possono ricevere assistenza, guida e formazione da parte dell'UE. I voucher ICT saranno finanziati attraverso il Fondi strutturali europei (FESR) - strumenti strategici per le autorità regionali per offrire supporto alle microimprese e alle PMI - e cofinanziati dalle Regioni per il 20%. Per voucher di maggior valore, è possibile applicare una quota di cofinanziamento anche da parte dall’impresa richiedente il voucher. I buoni sono normalmente assegnati attraverso bandi annuali.
Questo nuovo sistema non solo faciliterà l'accesso delle PMI al know-how tecnologico, ma incentiverà i fornitori di questo tipo di servizi a lavorare con le PMI, ampliandone i mercati e creando delle relazioni di lungo periodo con i fornitori stessi. Lo schema dei voucher è stato progettato in modo da essere di facile implementazione per le PMI grazie a una semplice procedura amministrativa da seguire.
PROCEDURA AMMINISTRATIVA DI RICHIESTA DEL VOUCHER
Per i dettagli sulla procedura amministrativa di richiesta del voucher e per conoscere le diverse caratteristiche del nuovo sistema è possibile consultare la “Guida per le Regioni: voucher per l’innovazione ICT”, scaricabile al link: http://ec.europa.eu/digital-agenda/en/ict-innovation-vouchers-scheme
Il sistema è di facile funzionamento riassunto nel seguente schema:
Step 1
Richiesta del voucher Le PMI che hanno intenzione di fare richiesta di un voucher per l’innovazione ICT devono rivolgersi agli organismi regionali competenti e presentare un concreto piano di utilizzo di un sevizio ICT, finalizzato a introdurre un’innovazione tecnologica all’interno della loro impresa. Il piano deve contenere una stima del costo del servizio ICT scelto e può fare riferimento ad una lista di fornitori di servizi ICT accreditati.
Step 2
Allocazione dei voucher Gli organismi regionali competenti valutano i progetti basandosi su criteri pre-definiti. Nel caso di valutazione positiva l’organo competente fornisce il voucher per l’innovazione ICT all’impresa basandosi sul criterio “first come first served”.  L’approvazione o il rifiuto dell’applicazione dovrebbe avvenire entro pochi giorni lavorativi.
Step 3
Utilizzo e rimborso del voucher La PMI la cui proposta è stata approvata, compra il servizio ICT da fornitori accreditati e paga il servizio con il voucher. A seconda dell’implementazione locale delle norme, la PMI o il fornitore di servizi ICT riceverà il rimborso del voucher dagli organismi regionali competenti.
CONTESTO ITALIANO
Sul versante italiano Antonio Catricalà, Viceministro dello Sviluppo economico con delega alle comunicazioni, sta lavorando ad un emendamento al “Decreto del Fare” per introdurre un voucher per la digitalizzazione delle PMI.
L'emendamento al DL prevede finanziamenti a fondo perduto, tramite voucher di importo massimo di 10 mila euro, per favorire la digitalizzazione dei processi aziendali e l’ammodernamento tecnologico. Con tale misura si punta ad incentivare le PMI per l'acquisto di software, hardware o servizi che consentano lo sviluppo di soluzioni di e-commerce, la connettività a banda larga, lo sviluppo di iniziative di innovazione sociale anche nel mondo no profit.
Secondo la proposta, i voucher potranno finanziare anche la formazione qualificata nel campo delle ICT.
L’Italia soffre più degli altri Paesi UE per la carenza di professionisti dell’ICT (eSkill); le carenze più evidenti, secondo il recente rapporto Glocus, si rilevano per progettisti di sistemi informatici, consulenti di software, analisti e sviluppatori di applicazioni, esperti di usabilità e accessibilità, medici e operatori sanitari specializzati nell’assistenza domestica grazie alla domotica, ingegneri esperti nella tecnologie a basso impatto ambientale, esperti di sicurezza dei sistemi. E di questa mancanza di digital skills comincia a soffrire anche il comparto manifatturiero italiano, il secondo in Europa per esportazioni dopo la Germania.
Lo stanziamento sul quale si ragiona, al momento, sarebbe di circa 200 milioni a valere su fondi europei che l'Italia rischierebbe di perdere se non saranno spesi in tempi rapidi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilit circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornir all'Autorit Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Fragnelli - Finanza Agevolata - Napoli (NA)

Studio Fragnelli - Finanza Agevolata

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Sebastiano Veniero 17

80125 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Prorogate le detrazioni IRPEF su ristrutturazioni

La Legge di Stabilità per l誕nno 2017 ha prorogato le agevolazioni fiscali riguardanti i lavori di ristrutturazione edilizia ed il bonus mobili

Continua

Legge di Stabilità 2017: proroga Sabatini Ter

Legge di Stabilità 2017: proroga Sabatini Ter per acquisto di nuovi macchinari, 20% delle risorse per PMI che investono in digitalizzazione

Continua

Finanziamenti agevolati per internazionalizzazione

Nelle Circolari SIMEST tutti i chiarimenti sui finanziamenti per l'internazionalizzazione delle imprese a valere sul Fondo rotativo 394/81

Continua

Cultura Crea

Il regime di aiuto per la filiera culturale e creativa nelle Regioni in ritardo di sviluppo - cioè Basilicata, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia

Continua

Garanzia Giovani - Al via la Misura 7.1

Nell誕mbito del programma Garanzia Giovani Campania è attiva la Misura 7.1 鄭ttività di Accompagnamento all誕vvio di impresa e supporto allo start-up"

Continua

Cedolare secca

Per usufruire dell段mposizione sostitutiva sul reddito fondiario assume rilievo l弾ffettiva destinazione abitativa dell段mmobile

Continua

Rafforzamento della rete regionale dei Confidi

12 milioni di euro per la concessione di garanzie da parte dei Confidi sui prestiti bancari concessi alle piccole e medie imprese

Continua

Nuovo Regime Forfettario 2016

Dal 2016 il regime forfetario resta l'unica alternativa al regime ordinario per le persone fisiche che svolgono o iniziano un'attività d'impresa.

Continua

Legge di Stabilità 2016

Esonero contributivo per gli assunti a tempo indeterminato nel 2016

Continua

Credito d'imposta per il Sud

Il credito d段mposta riguarda gli investimenti per l誕cquisto di beni strumentali come macchinari e impianti

Continua

Tranched cover: finanziamenti per PMI

In Campania Banca Popolare di Bari, Monte dei Paschi di Siena e Unicredit hanno avviato la fase di presentazione delle domande da parte delle PMI

Continua

Nuove Imprese a Tasso Zero

Disponibili oltre 100 milioni di euro per le micro e piccole imprese costituite in maggioranza da giovani fino a 35 anni e donne senza limità di età.

Continua

SELFIEmployment - Finanziamenti a tasso zero

Più facile chiedere prestiti a tasso zero per l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali

Continua

120 milioni di euro per le PMI della Campania

Intervento Straordinario per la Competitività

Continua