Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Mater sempre certa: e se vi è scambio di embrioni?

La vicenda dello scambio di embrioni all'Ospedale Pertini di Roma nell'ordinanza che conferma i principi dell'ordinamento in materia di filiazione

Mater sempre certa: e se vi è scambio di embrioni? - La vicenda dello scambio di embrioni all'Ospedale Pertini di Roma nell'ordinanza che conferma i principi dell'ordinamento in materia di filiazione

Il caso, assai noto, è quello dei due coppie che, presso l'Ospedale Sandro Pertini di Roma, avevano avuto accesso ad un trattamento sanitario di procreazione medicalmente assistita, ricorrendo al prelievo dalla donna di gameti che, una volta fecondati, per errore del personale medico, sono stati successivamente impiantati in utero di una donna facente parte di un'altra coppia e che, portata felicemente a termine la gravidanza, ha successivamente dato alla luce due gemelli. La coppia dei genitori che aveva inizialmente donato i gameti propone, in via cautelare, un ricorso d'urgenza a tutela del «diritto di incontrare i propri figli genetici minori [Trib. Roma, Sez. I civ., Ord., 2 ottobre 2015]» che «avevano acquisito lo status giuridico di figli della partoriente e del marito e come tali erano stati registrati all'Ufficio di Stato civile [Trib. Roma, cit.]» al fine di «instaurare con gli stessi un rapporto, anche fissando le modalità di esercizio del diritto [Ivi]». Le istanze dei genitori genetici sono state inizialmente respinte dal Tribunale di Roma che aveva assunto a prevalente criterio di giudizio l'interesse «dei minori a rimanere nel contesto famigliare costituitosi con la gestazione e nei primi mesi di vita [Ivi]» (il parto era avvenuto a l'Aquila il 03.08.2014 e i ricorsi venivano notificati in data 26.03.2015 mentre la discussione degli stessi ancora pendeva alla data del 11.09.2015) a fronte delle argomentazioni dei genitori genetici secondo i quali doveva considerarsi, invece, prevalente «l'interesse dei minori alla verità genetica della propria ascendenza e a crescere nel proprio nucleo famigliare e cioè con la coppia che aveva dato luogo al concepimento in via di fecondazione medicalmente assistita [Ivi]» sostenendo anche il diritto dei minori «a conoscere le proprie origini e a sviluppare fin dalla più tenera età il fisiologico rapporto con i genitori genetici [Ivi]». In sostanza i genitori genetici hanno richiesto di «anticipare in via d'urgenza gli effetti di una sentenza, attinente allo stato di figli minori, di natura costitutiva e idonea a determinare i suoi effetti con il giudicato [Ivi]», e già in sede cautelare è possibile procedere previamente indicando le norme mediante le quali nel nostro ordinamento si individua lo status di filiazione dei nati sia rispetto alla madre che rispetto al padre. L'art. 8 della legge 19 febbraio 2004, n. 40, dettante Norme in Materia di Procreazione Medicalmente Assistita, al capo III, recante Disposizioni concernenti la Tutela del Nascituro, all'art. 8 in tema di Stato giuridico del nato, stabilisce che «1. I nati a seguito dell'applicazione delle tecniche di procreazione medicalmente assistita hanno lo stato di figli nati nel matrimonio o di figli riconosciuti della coppia che ha espresso la volontà di ricorrere alle tecniche medesime ai sensi dell'articolo 6» ma tale norma «non può riferirsi all'embrione fecondato in vitro [Ivi]» ma, anche alla luce della sentenza 162 del 2014 della Corte Costituzionale «l'impianto dell'embrione nell'utero materno, il suo sviluppo nel corso della gravidanza e la nascita [Ivi]» deve considerarsi «elemento decisivo ai fini dell'acquisto della stato di filiazione [Ivi]» proprio anche dovendosi prendere atto del fatto che l'intervento della scienza, giungendo talvolta a divaricare il momento della fecondazione da quello dell'impianto, pone le basi di potenziali conflitti tra madre genetica e madre partoriente. Per tali motivi la norma da applicare, senza timore di incompatibilità con la legge 40 del 2004, resta l'art. 269, 3° comma del codice civile, dettato in tema di dichiarazione giudiziale della paternità e della maternità, secondo il quale «la maternità è dimostrata provando la identità di colui che si pretende essere figlio e di colui che fu partorito dalla donna, la quale si assume essere madre».  

 

Il punto decisivo è rappresentato dal nodo della maternità surrogata ossia il procedimento mediante il quale, con molteplici, a dir poco inquietanti, variabili, sostanzialmente la gestazione viene condotta da una donna diversa rispetto a quella che ha fornito i gameti e una sentenza come quella cui è chiamato il Tribunale di Roma non può legittimare lo status di figlio della madre genetica a colui il quale è nato dal grembo di una mamma diversa da quest'ultima, e ciò solo perché lo scambio di embrioni e la relativa gravidanza, è avvenuta per errore. Di qui alla legittimazione della maternità surrogata il passo sarebbe troppo ed irrimediabilmente breve, o lo ha ben presente il Giudice di Roma il quale ricorda come «il diritto alla filiazione non tolleri la moltiplicazione delle figure genitoriali dal lato materno e si può rilevare come il nostro ordinamento in ogni ipotesi di surrogazione di maternità abbia risposto con la prevalenza della madre partoriente sulla madre genetica e abbia comunque ribadito la contrarietà all'ordine pubblico di ogni progetto di genitorialità disgiunto dal profilo biologico [Ivi]». Se, come è ovvio che sia, la maternità surrogata è vietata non la si può legittimare per l'assenza di una volontà diretta a realizzarla ma si potrà eventualmente ipotizzare un rimedio legislativo a garanzia della verità genetica con meccanismi per i quali si può considerare, tra gli istituti esistenti, quello previsto in materia adozione legittimante all'art. 28, commi 5 e seguenti, della L. 04/05/1983, n. 184, dettata in materia di “Diritto del minore ad una famiglia”: Anche rispetto al diritto sovranazionale si rileva come «la tutela della vita famigliare dei minori, per come declinata dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, appaia direttamente legata all'interesse dei minori alla conservazione del legame di fatto costituito con la gestante fin dall'inizio della gravidanza e con il marito di lei fin dalla nascita [Ivi]».

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Giuseppe Mazzotta - Pisa (PI)

Studio Legale Giuseppe Mazzotta

Avvocati / Civile

Via San Concordio n. 3

56122 - Pisa (PI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Lavoratore licenziato e riorganizzazione aziendale

Il Tribunale di Milano e l'interpretazione costituzionalmente orientata del giustificato motivo oggettivo del licenziamento individuale

Continua

Nesso tra decreto ex art. 709 ter cpc e art 96 cpc

Un decreto di inammissibilità del ricorso ex art 709 ter cpc condanna ex art 96 cpc in mancanza di allegazione di danno: non si rinvengono precedenti

Continua

Tutela del nascituro e accordi di separazione

Il Tribunale di Mantova, in linea con l'orientamento della CEDU, tutela il nascituro in sede di omologa gli accordi di separazione tra coniugi

Continua

Charlie Gard e la responsabilità genitoriale

Se si elimina l’architrave che unisce il diritto alla responsabilità, il principio della quality of life produce il corto circuito della libertà

Continua

Cyberbullismo e tutela della dignità del minore

La legge sul cyberbullismo, introducendo un nuovo termine nella legislazione restituisce, all’art. 2, significato alla originaria dignità del minore

Continua

La legge Gelli/Bianco: la riforma sulla colpa medica

Un sistema di regole per il risarcimento del danno, economicamente sostenibile ed efficacemente garantito

Continua

In Italia è prevista l’adozione del minore e non la maternità surrogata

Anche per la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, la pratica di maternità surrogata fonda il legittimo allontanamento del bambino dalla coppia comittente

Continua

L'adozione ed il superiore interesse del minore

La Corte d'appello di Milano sentenzia su un'istanza di adozione piena da persone dello stesso sesso interpretando il concetto di ordine pubblico

Continua

Il contratto di locazione deve avere forma scritta

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione chiariscono in via definitiva gli specifici casi di deroga alla forma scritta nel contratto di locazione

Continua

Legge sull'adozione e piena tutela degli affetti

Permettendo l'adozione anche alle famiglie affidatarie, la legge garantisce la continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare

Continua

Investimenti sicuri? Studiare bene il contratto

Sottoscrivere un contratto di investimento, anche in banca, è operazione economica utilissima, ma occorre osservare le più accorte regole di prudenza

Continua

Gli indirizzi mail utilizzati dai social network

Ricordate sulla mail la frase «Vorrei aggiungerti al mio network professionale su LinkedIn!»? La richiesta deve essere autorizzata salvo risarcimento

Continua

Nozze gay, il matrimonio in ambito di diritto internazionale

Il Consiglio di Stato fa il punto sulle fonti, sia nazionali che sovranazionali, che regolano il matrimonio anche per l'ordinamento di stato civile

Continua

La famiglia ricostituita e l'assegno divorzile

Secondo la Corte di Cassazione (6855/2015), con la famiglia ricostituita da coniugi precedentemente divorziati, cessa per sempre l'assegno divorzile

Continua

Il disoccupato e il suo effettivo reinserimento

La legislazione di Riforma del Diritto del Lavoro prevede strumenti di reinserimento del disoccupato mediante l'acquisto di nuova professionalità

Continua

Quando il venditore offre anche il finanziamento

Le principali regole a tutela del consumatore che, aumentando la propria possibilità di acquisto, sceglie di pagare a rate mediante un finanziamento

Continua

Tutela dei minori e responsabilità dei maggiori

La possibilità per i nonni di agire in giudizio per superare gli ostacoli eventualmente frapposti alla frequentazione dei nipoti e le regole a tutela

Continua

Separazione: le spese straordinarie in Cassazione

L'ordinanza della Cassazione n. 16175 del 30/07/2015 chiarisce definitivamnete cosa deve intendersi per "spese straordinarie" e i criteri di rimborso

Continua

Genitori e garanzia degli obblighi verso i figli

In caso di separazione e divorzio, i rimedi, anche sanzionatori, per il caso di genitori che si sottraggano agli obblighi previsti dal Giudice

Continua

Pignorabile la pensione versata su conto corrente

L'accredito della pensione, in data anteriore al pignoramento, permette di pignorare la pensione in misura eccedente il triplo dell’assegno sociale

Continua

La disabilità a scuola e gli strumenti di tutela

Nel passaggio dall'uso del termine «handicap» a quello «disabile» un percorso normativo di garanzie sempre maggiori e di uguali opportunità per tutti

Continua

Negoziazione Assistita – Il Punto - Ultima parte

L'assistenza dell'avvocato garantisce nella sostanza, con l'accordo tra i coniugi, la tutela di tutti i soggetti, in primis quella dei figli

Continua

La Negoziazione Assistita - Il Punto Parte Seconda

Dopo la circolare 29.07.2015 del Ministero della Giustizia permane l'esigenza di chiarire natura, contenuto e imiti del parere del Pubblico Ministero

Continua

La negoziazione assistita – Il Punto – Parte prima

Il procedimento semplifica le procedure ma valorizza il ruolo dell'avvocato che sia competente e capace di consigliare il proprio cliente

Continua

Agevolazioni prima casa: le regole per la famiglia

In caso di acquisto, in comunione legale, di una casa, il requisito della residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile è riferito alla famiglia.

Continua

Provvigione all'agente immobiliare. Quando e come

E' necessario leggere con attenzione le clausole della proposta di acquisto che si sottoscrive, proponendo anche modifiche rispetto alla provvigione

Continua

Voli internazionali e smarrimento del bagaglio

In caso di perdita del bagaglio in un viaggio all'estero occorre individuare: giudice a cui rivolgersi, norme da applicare, diritti da far valere.

Continua

Legge 44/2015: Sì al prestito dopo i sessant'anni

Il prestito vitalizio ipotecario, con la legge 44/2015, consentirà un agile accesso al credito anche ad ultrasessantenni proprietari di immobili

Continua

Esami invasivi e rapporto medico e paziente

L'articolo esamina il tema del diritto all'informazione medica nell'ambito specifico della medicina predittiva relativa a patologie genetiche feto.

Continua

La pensione è ancora impignorabile?

L'articolo esamina le conseguenze della legge che, dal 2014, impone di versare la pensione su conto corrente e rende pignorabile la pensione stessa

Continua

Divorzio breve

Il DDL del 22 aprile 2015 che introduce il divorzio breve. Ambito applicativo e Profili di criticità

Continua

Crisi da sovraindebitamento

Il Regolamento per l'iscrizione nel registro degli organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento

Continua

Tutela dei minori e responsabilità dei maggiori

L’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano. Diritto interno e sovranazionale nel quadro della giurisprudenza di merito e di legittimità

Continua