Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

SCIA: luci e ombre anche dopo la riforma della PA

Lettura critica della segnalazione certificata di inizio attività

SCIA: luci e ombre anche dopo la riforma della PA - Lettura critica della segnalazione certificata di inizio attività

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività, c.d. Scia, è stata introdotta dalla legge 122/2010, entrata in vigore il 31 luglio 2010 e ha sostituito la Dia. 

 

Come noto, il proprietario di un immobile per determinati interventi a fronte della presentazione di una semplice segnalazione, asseverata da un tecnico abilitato, non è più tenuto ad attendere i canonici 30 giorni ma può, immediatamente dopo il protocollo comunale, attuare il proprio progetto e dare avvio ai lavori. 

 

Il tutto in un'ammirevole ottica di semplificazione e snellimento delle procedure amministrative, che dovrebbe portare, nelle intenzioni del legislatore, anche alla tanto auspicata ripresa economica. 

 

Ma è proprio così semplice e lineare utilizzare questo strumento? 

 

Innanzitutto, va tenuto in considerazione che il ruolo dei tecnici è certamente più importante rispetto al passato. 

 

E ciò è dato da un significativo aumento delle responsabilità in capo allo stesso, poiché la segnalazione deve essere corredata dalle dichiarazioni, attestazioni e asseverazioni nonché dei relativi elaborati tecnici necessari per consentire le verifiche di competenza dell’amministrazione. 

 

Compito del tecnico è quello di asseverare la conformità delle opere progettate alla disciplina urbanistico-edilizia vigente. 

 

Il comma 6, dell'art. 19, legge 241/1990 prevede una specifica responsabilità in merito a queste attestazioni, chiarendo che, ove il fatto non costituisca più grave reato, chiunque, nelle dichiarazioni o attestazioni o asseverazioni che corredano la segnalazione di inizio attività, dichiara o attesta falsamente l’esistenza dei requisiti o dei presupposti previsti ai fini della presentazione della segnalazione è punito con la reclusione da uno a tre anni

 

Se, da una prima lettura, detta disposizione non dovrebbe preoccupare il tecnico, poiché per lo stesso dovrebbe essere agevole verificare la piena conformità degli interventi in progetto a tutte le pertinenti previsioni di legge, nella prassi la notoria complessità e frammentarietà della normativa tecnica comunale potrebbero spingere il professionista a plurimi accessi presso gli uffici comunali, con una conseguente dilatazione delle tempistiche che la Scia è diretta ad evitare. 

 

Si pone poi un'ulteriore problematica: conviene davvero iniziare subito i lavori con il rischio che possano essere sospesi? 

 

L'art. 19, legge 241/1990 prevede invero la possibilità per l'amministrazione competente, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti, di adottare - nei 30 giorni successivi alla presentazione - provvedimenti motivati di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa. 

 

Ci si chiede, pertanto, se non sia opportuno attendere il decorso di tale termine, così escludendo il rischio di dover sospendere i lavori già iniziati, con ogni intuibile ripercussione sugli investimenti già effettuati e sui contratti d'appalto stipulati. 

 

A tal proposito si evidenzia come la riforma intervenuta con la legge n. 124/2015 ha addirittura ampliato il potere del Comune, prevedendo, anche dopo il termine di 30 giorni, la possibilità di adottare provvedimenti in autotutela, persino entro ben 18 mesi dal momento dell’adozione dei provvedimenti di autorizzazione o di attribuzione di vantaggi economici. 

 

Ma come si concilia detta norma con l'istituto della segnalazione certificata?  

 

La dottrina e la giurisprudenza, corroborate da ultimo anche dal dato legislativo, affermano infatti che la Scia, trattandosi di una segnalazione del privato, non comporta l'adozione di alcun provvedimento autorizzativo. 

 

Nell'impossibilità di individuare, dunque, il momento dell'adozione di un provvedimento, si può ragionevolmente ritenere che il momento in cui vi sia l'attribuzione di vantaggi economici possa coincidere con il momento in cui si può dare avvio ai lavori e, cioè, con il deposito della Scia in Comune.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale - Bergamo (BG)

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale

Avvocati / Civile

Via Jacopo Palma Il Vecchio 45

24122 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Precetto: mancato avviso di composizione crisi

Precetto valido: commento a Tribunale di Milano, n. 4347/2016

Continua

Convivente more uxorio: opposizione dell`archiviazione

Il convivente more uxorio può presentare opposizione nel caso in cui la persona offesa sia deceduta in conseguenza del reato

Continua

Immobile assegnato al coniuge

Quale tutela per il terzo acquirente di immobile assegnato al coniuge non proprietario ma affidatario dei figli minori?

Continua

Stepchild adoption a due papà

L`istituto è di fatto già esistente nel nostro ordinamento. Sentenza storica del Tribunale per i Minorenni di Roma

Continua

Minori: omessa corresponsione mezzi sostentamento

Lettura critica del delitto: è necessario un inadempimento serio e sufficientemente protratto a prescindere da un provvedimento del giudice civile

Continua

Direttiva 2014/17/UE

Con l`attuazione della Direttiva 2014/17/UE, l`abrogazione del divieto di patto commissorio?

Continua

Incostituzionale la legge pinto

La Consulta boccia il termine per il procedimento volto all’equo indennizzo determinato da irragionevole durata del processo

Continua

Identità genere: cambio di sesso senza operazione

La Suprema Corte interviene sulla necessità o meno dell’intervento chirurgico quale presupposto per la rettifica anagrafica del sesso

Continua

Consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto

Azione revocatoria: la prescrizione è interrotta dalla consegna all’ufficiale giudiziario dell’atto, indipendentemente dalla ricezione

Continua

Opposizione a D.I.: a chi spetta la mediazione

Spetta all`opponente, a pena di improcedibilità, esperire il tentativo di mediazione obbligatoria

Continua

Ristrutturazione: edifici crollati o demoliti

Rassegna della giurisprudenza sull'art. 3, d.p.r. 380/2001 così come modificato dal c.d. Decreto del Fare.

Continua

Gestione dei rifiuti: natura del FIR

Brevi precisazioni in merito alla sentenza della Corte di Cassazione N. 43613 del 29/10/2015 sulla distinzione tra il FIR e il certificato di analisi dei rifiuti

Continua

La compensazione delle spese di lite

Come la compensazione delle spese premierebbe la contumacia dei debitori di crediti “irrisori” – Quali diritti per chi agisce?

Continua