Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Come ridurre i debiti con Equitalia

Grazie alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento si possono ridurre i debiti dei consumatori anche nei confronti di Equitalia

Come ridurre i debiti con Equitalia - Grazie alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento si possono ridurre i debiti dei consumatori anche nei confronti di Equitalia

Capita sempre più frequentemente che a noi commercialisti venga chiesto come è possibile stralciare in tutto o in parte i debiti nei confronti di Equitalia.
Negli ultimi tempi si parla spesso della procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento, introdotta dalla Legge n. 3/2012, e la stampa, non solo quella specializzata, ha dato ampio risalto ad alcuni aspetti di questa disciplina e ad alcune pronunce di Tribunali favorevoli ai consumatori, fra le quali quella del Tribunale di Busto Arsizio del 15/9/2014.
Appare tuttavia necessario approfondire meglio questo nuovo istituto in quanto anche l’Agenzia delle Entrate se ne è interessata con una recente circolare.
 

I soggetti interessati dalle disposizioni in oggetto sono:
- le persone fisiche che hanno assunto debiti per scopi estranei all’attività di carattere imprenditoriale o professionale eventualmente svolta;
- gli imprenditori commerciali che non superano le soglie dimensionali previste per la fallibilità;
- altri soggetti non fallibili (a esempio: imprenditori agricoli, associazioni professionali, start-up innovative).
Tali soggetti possono quindi risanare anche i debiti di natura tributaria attraverso la composizione della crisi da sovraindebitamento.
In particolare:
- il soggetto non fallibile può presentare un accordo del debitore;
- il consumatore che ha assunto obbligazioni esclusivamente per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta può chiedere l’omologazione del piano del consumatore.
Tale ultima procedura, a differenza della prima, non prevede l’adesione dei creditori, basandosi esclusivamente su una valutazione giudiziale di fattibilità della proposta e di meritevolezza della condotta d’indebitamento adottata dal consumatore;
- sia il consumatore che il debitore non fallibile possono accedere alla procedura di liquidazione dei beni.
I crediti non soddisfatti integralmente attraverso la liquidazione del patrimonio sono dichiarati inesigibili grazie alla procedura di esdebitazione.
Grazie a queste procedure, pertanto, si offrono importanti opportunità anche ai privati per far fronte alle pendenze tributarie.
 

L’Agenzia delle Entrate ricorda che:
- analogamente a quanto stabilito per la transazione fiscale (art. 182-ter L.F.), è esclusa la possibilità di falcidiare l’IVA e le ritenute operate e non versate, i cui debiti potranno essere solamente dilazionati;
- la procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento si estende anche i tributi locali, a differenza di quanto previsto dall’art. 182-ter L.F.
La proposta di accordo o di piano va presentata entro tre giorni dal deposito in Tribunale all’Agente della riscossione e agli Uffici fiscali da parte dell’organismo di composizione della crisi.
L’Ufficio nel più breve tempo possibile provvede alla liquidazione dei tributi risultanti dalle dichiarazioni, alla notifica degli avvisi di irregolarità e degli avvisi di accertamento, nonché a predisporre e a trasmettere al debitore una certificazione attestante il complessivo debito tributario.

Se hai bisogno di ulteriori chiarimenti contattami.

Dott. Stefano Bonaldo

http://www.studioconsulenzabonaldo.it/

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dott. Stefano Bonaldo - Venezia (VE)

Dott. Stefano Bonaldo

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Guglielmo Pepe 12 Venezia Mestre

30172 - Venezia (VE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Professionisti e agenti pagano l'IRAP?

In vista della scadenza della prossima dichiarazione dei redditi professionisti, agenti e piccoli imprenditori dovranno valutare se pagare o meno IRAP

Continua

Esclusione da IRAP anche con un dipendente

La Corte di Cassazione ha stabilito che manca l'autonoma organizzazione, e quindi vi è esclusione dall'IRAP, anche in presenza di un dipendente

Continua

Sempre assoggettato ad Iva il compenso riscosso

La Corte di Cassazione ha stabilito che il compenso riscosso è imponibile ai fini IVA anche se incassato dopo la cessazione dell'attività

Continua

Il nuovo leasing finanziario abitativo

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto un nuovo strumento volto ad agevolare l'acquisto di immobili ad uso abitativo

Continua

La riforma degli interpelli - parte seconda

La circolare n. 9/E dell'Agenzia delle Entrate commenta la riforma della disciplina degli interpelli tributari

Continua

La riforma degli interpelli - parte prima

La riforma della disciplina degli interpelli operata dal D.Lgs. 156/2015 viene ora spiegata da una circolare dell'Agenzia delle Entrate

Continua

Primi orientamenti sul raddoppio dei termini

Le Commissioni Tributarie hanno emesso le prime pronunce a favore dei contribuenti in materia di raddoppio dei termini per violazioni penali

Continua

L`Agenzia delle Entrate spiega il nuovo regime forfetario

L’Agenzia delle Entrate con una recente circolare ha fornito chiarimenti in ordine al nuovo regime forfetario

Continua

Finanziamento soci e prova della infruttuosità

La norma di comportamento n. 194 dell'AIDC illustra quali sono i documenti utilizzabili per provare l'infruttuosità dei finanziamenti dei soci

Continua

Detrazione Irpef del 50% dell`Iva versata al costruttore

La legge di stabilità del 2016 ha introdotto una detrazione dall’IRPEF del 50% dell’IVA relativa all’acquisto di particolari tipologie di immobili

Continua

Si può ridurre l'Iva nel concordato preventivo

Si è aperto uno spiraglio per chi deve presentare una proposta di concordato preventivo che preveda la falcidia dell'iva

Continua

Ecco le novità della dichiarazione IRAP 2016

La principale novità della dichiarazione IRAP è la deducibilità dei costi dei dipendenti a tempo indeterminato, ma non è l'unica

Continua

Cambia la tassazione nelle vendite giudiziarie

Immobili all`asta: regime agevolato riguardante le imposte di registro, ipotecaria e catastale nelle vendite giudiziarie

Continua

Redditometro, due sentenze pro contribuente

La Commissione Tributaria Regionale di Milano si è espressa in favore del contribuente con due recenti pronunce

Continua

Il bilancio delle micro imprese

Regime semplificato per la redazione del bilancio delle cosiddette "micro imprese"

Continua

Quali termini per la decadenza dell'accertamento?

In caso di oneri detraibili rateizzati l'accertamento può essere effettuato non oltre il quarto anno successivo a quello di sostenimento della spesa

Continua

Non tutti i contribuenti devono pagare l'IRAP

Professionisti, agenti e piccoli imprenditori devono monitorare la propria situazione soggettiva per verificare l'assoggettamento o meno ad IRAP

Continua

Vanno pagate le imposte sui canoni non incassati?

Un tema di grande attualità a causa della perdurante crisi economica riguarda il fatto se sia obbligatorio pagare le imposte su canoni non riscossi

Continua

La rateizzazione con Equitalia può essere parziale

Nella domanda di rateazione ad Equitalia non è necessario chiedere la rateizzazione dell’intero debito, ma si può chiedere la dilazione anche parziale

Continua

Come compensare i debiti con Equitalia - parte 2

Il debito verso Equitalia per tributi erariali può essere estinto mediante compensazione con crediti relativi alle imposte erariali stesse

Continua

Come compensare i debiti con Equitalia - parte 1

Il debito verso Equitalia per tributi erariali può essere estinto mediante compensazione con crediti relativi alle imposte erariali stesse

Continua

Come pagare a rate le cartelle di Equitalia

L'articolo indica le diverse possibilità offerte al contribuente in materia di dilazione dei debiti nei confronti di Equitalia

Continua

Le "armi" a disposizione di Equitalia - parte 2

Equitalia ha alcune "armi" a disposizione quali fermo amministrativo, ipoteca, pignoramento, espropriazione forzata

Continua

Le "armi" a disposizione di Equitalia - parte 1

Equitalia ha alcune "armi" a disposizione quali fermo amministrativo, ipoteca, pignoramento, espropriazione forzata

Continua

Credito per imposte pagate all'estero

Con la circolare n. 9/E del 2015 l'Agenzia delle Entrate ha approfondito la disciplina del credito per le imposte pagate all'estero

Continua

E' tassabile la cessione del contratto preliminare

Secondo l'Agenzia delle Entrate la cessione del preliminare di compravendita immobiliare da parte di un soggetto non imprenditore è reddito diverso

Continua

Con un clic si rateizzano le cartelle di Equitalia

Nel sito di Equitalia sono a disposizione alcune funzioni rivolte ai contribuenti utili alla semplificazione del rapporto di riscossione dei tributi

Continua