Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Separazione in cui un coniuge si scopre omosessuale

Nessun padre e nessuna madre omosessuale dovrà temere per i propri diritti di genitore

Separazione in cui un coniuge si scopre omosessuale - Nessun padre e nessuna madre omosessuale dovrà temere per i propri diritti di genitore

Aumentano i casi di separazione la cui causa e’ la scoperta della propria omosessualità di uno dei due coniugi

Il primo caso che seguii risale all’inizio degli anni ’90. 

Il cliente era abbastanza giovane e la figlioletta aveva tre anni. 

Era preoccupatissimo: disse che del resto non gli interessava nulla, l’importante era poter continuare a vedere la figlia. 

Gli risposi che l’unica soluzione era tenere ben nascosta la sua omosessualità, se si fosse conosciuta avrebbe davvero rischiato che il giudice gli accordasse solo rapporti molto sporadici con la figlia, avrebbe avuto ogni difficoltà possibile a fare il padre. 

Mi diede retta, ma con un prezzo alto: non poté essere mai sincero con i suoi cari e, soprattutto, rinunciò per anni alla sua affettività. 

 

Oggi mi capita spesso di seguire casi simili, ma, fortunatamente, non devo confermare o rafforzare timori, ne’ evocare giudici “castigatori”. 

In Italia purtroppo non abbiamo ancora una legge che riconosca le unioni omosessuali, ma i giudici sono andati molto più avanti nel riconoscere, anzi garantire, i diritti dei genitori omosessuali

 

Tribunali, Corti d’appello, Corte di Cassazione e, perfino, Corte Costituzionale hanno detto a chiare lettere che l’omosessualità non è un vizio, non e’ una malattia o una devianza, ma una “variante” del comportamento umano. 

Nessun padre e nessuna madre omosessuale dovrà temere per i propri diritti di genitore

La propria omosessualità non impedirà di vedersi affidati i figli secondo le regole dell’affido condiviso. 

 

Al di fuori di ingiustificati pregiudizi, resta comunque un aspetto da considerare: essendo ancora prevista la “separazione con addebito” per i casi in cui la rottura dell’unione e’ dovuta unicamente a una relazione extraconiugale, anche la relazione omosessuale potrebbe avere le stesse caratteristiche. Le conseguenze sarebbero la perdita dei diritti ereditari, del diritto al proprio mantenimento e la possibilità (molto rara) di dover pagare una somma a titolo di risarcimento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Saveria Ricci - Firenze (FI)

Avv. Saveria Ricci

Avvocati / Civile

Via Del Gelsomino 5

50125 - Firenze (FI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Negoziazione assistita per separazioni e divorzi: i primi bilanci

Dopo oltre due anni dall’entrata in vigore della legge che ha introdotto la Negoziazione Assistita, è tempo di fare i primi bilanci

Continua

Separazione e divorzio: come scegliere l'avvocato

Nel disorientamento che porta ogni vicenda di separazione e divorzio, un passaggio fondamentale è la scelta dell’avvocato

Continua

Fondo di solidarietà per il coniuge bisognoso

Il vostro ex non ha pagato il mantenimento? Anticipa lo Stato (FORSE…)

Continua