Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Neuroni specchio e Psicoterapia

Perchè la psicologia ritiene così importante la scoperta dei neuroni specchio? Quale utilità essi possono avere all'interno di una psicoterapia?

Neuroni specchio e Psicoterapia - Perchè la psicologia ritiene così importante la scoperta dei neuroni specchio? Quale utilità essi possono avere all'interno di una psicoterapia?

I neuroni specchio sono cellule nervose che si trovano nella parte anteriore della neocorteccia cerebrale. Tra le loro funzioni  si ipotizza ci sia anche la capacità di promuovere l’EMPATIA. Fondamentale però è che i neuroni specchio siano attivi.  

 

L’empatia origina da un processo psichico che coinvolge la  parte preconscia del nostro apparato psichico. E’ una forma di comunicazione che non è legata esclusivamente al linguaggio, e quindi non dipendente dalla parola espressa. In essa avviene, nel soggetto, un incontro tra la sua psiche e il corpo, nel quale, il corpo e la mente in simultanea percepiscono emozioni e sentimenti che passano successivamente tra le due persone che stanno comunicando. Estremamente interessante è che, mentre siamo in grado di interpretare la comunicazione dell’altro, non siamo consapevoli di “come noi” stiamo comunicando. Questo accade perché, a parte la parola, la nostra comunicazione, non sottostà al nostro controllo conscio. Nel parlare con l’altro il linguaggio del suo corpo  è quella parte della comunicazione che ci impressiona per prima e che, se ne siamo consapevoli, ci invia il reale messaggio su ciò che sta pensando l’altro.  

 

Nel linguaggio corporeo includiamo: il tono e la modalità con cui si sta parlando, la gestualità che accompagna la parola, il tipo di sguardo che si rivolge o non si rivolge all’altro in dialogo con noi e la postura che si assume mentre di sta parlando. Quindi non è il significato letterale delle parole che arriva per primo alla nostra comprensione. Se, nella persona che ci sta parlando, la parola del suo discorso e il suo linguaggio gestuale sono coincidenti  il messaggio che l’altro ci invia per noi diventa  chiaro e comprensibile. Se però, chi comunica, mentre sta dicendo qualcosa ne sta pensando una opposta e contraria (per esempio: “ti voglio bene”, usando un tono duro o indifferente, o con sguardo freddo, o con postura rigida, che messaggio arriva a noi? Quanto meno saremo confusi ma più facilmente sentiremo che sta mentendo) verrà, da noi, interpretato per primo il linguaggio posturale. La comprensione, di questa doppia comunicazione, viene facilitata dall’attivazione dei neuroni specchio. 

 

Diverso è per il bambino molto piccolo. Se l’adulto usa con lui questa doppia comunicazione, accade che: il bambino “vuole credere” alle sue parole perché non concepisce che l’adulto gli possa mentire su questo, in particolare, quando c’è un legame affettivo tra i due. Il bambino “ha bisogno di credere” che l’adulto non gli sta mentendo e che lo ama. A livello inconsapevole però, nel bambino, rimarrà depositata anche la contraddizione del comportamento dell’adulto che causerà, in seguito, incertezza e confusione nel corso del suo sviluppo e che potrebbe portare a patologie psichiche nell’infanzia o in età adulta. Il bambino confuso, in seguito, potrebbe addossarsi la colpa per la sua incapacità di capire e/o darsi delle risposte razionalizzate “non può essere vero che non mi ama”, “forse sono stato cattivo e non merito di essere amato”, negando la realtà/verità. Inoltre la mancanza o la scarsa empatia del genitore che si prende cura del bambino non facilita in esso la fiducia necessaria alla costruzione di sani rapporti d’amore. 

 

La psicoterapia, che è l’incontro di due persone, nel quale l’una, il terapeuta, attraverso l’accoglienza e  la partecipazione empatica è in grado di cogliere la reale sofferenza e la richiesta di aiuto che la persona porta in terapia. Particolare attenzione viene rivolta alla richiesta percepita, dal terapeuta, presente nella comunicazione non verbale del paziente. Il terapeuta ascolta ciò che il paziente dice ma soprattutto osserva e “ascolta” ciò che non dice ma che inconsapevolmente comunica attraverso il corpo. Ciò aiuta il paziente, nel dipanare “la sua storia”, a comprendere quali siano state le cause della sua sofferenza. Ma soprattutto è nella condivisione empatica con lo psicoterapeuta che il paziente inizia a intravedere la possibilità di uscire dal tunnel della malattia.    

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Dott.ssa Bertilla Maddalena - Vicenza (VI)

Dott.ssa Bertilla Maddalena

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Levà Degli Angeli 18

36100 - Vicenza (VI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Quando i padri...scappano

All'inizio si è coppia e, quindi, l'uno per l'altro. Il tempo e le attenzioni sono condivise tra i due partner, a volte, anche con l'esclusione di chi sta loro attorno

Continua

NEURONI SPECCHIO, rispecchiamento, empatia (pt.2°)

Alla comprensione del funzionamento della mente un forte contributo è stato dato dalle neuroscienze con la scoperta dei neuroni specchio

Continua

Neuroni specchio, l`imitazione, l`autismo (pt. 1)

Cosa sono i neuroni specchio, che funzione hanno, come influiscono nella vita di relazione, cosa accade se sono disfunzionanti o poco attivi?

Continua

L`EMICRANIA e la sua predisposizione psicosomatica

Emicrania psicosomatica da conflitti non risolti nel tempo. Accentuata dallo stress eccessivo quotidiano che abbassa la soglia del dolore

Continua

Ipocondria, ferma convinzione di malattia fisica

Perché la persona si ritiene convintamente malata quando il medico, dopo analisi e accertamenti, lo ritiene sano? Cosa la conduce a questa convinzione

Continua

Le fobie: come ci limitano e come superarle

Le fobie quali cause psichiche che limitano e/o impediscono una vita normale

Continua

La capacità trasformativa del sogno nella “cura”

Apporto del sogno; in terapia, nella progressione verso la guarigione

Continua

STRESS UTILE E STRESS DANNOSO (Seconda parte)

Correlazione stress, psiche e corpo

Continua

STRESS UTILE E STRESS DANNOSO (Prima parte)

Correlazione stress, psiche e corpo

Continua