Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Auto-trasfusione: sì all'indennizzo..

Auto-trasfusione: sì all'indennizzo se il macchinario è contaminato!

Auto-trasfusione: sì all'indennizzo.. - Auto-trasfusione: sì all'indennizzo se il macchinario è contaminato!

La recente sentenza della Corte di Cassazione, la n. 9148 del 16 aprile 2013, ha affermato che i benefici previsti dalla legge 210 del '92 debbano essere estesi ai casi di emodialisi. Invero l'unico precedente giurisprudenziale al riguardo era costituito da una sentenza della cassazione sez lavoro del 2008; in questa sentenza si affermava testualmente che un soggetto a cui si iniettasse il proprio sangue non rischiava di contrarre infezioni nuove rispetto a quelle di cui era già portatore, aggiungendo che l'attribuzione dei benefici, previsti dalla normativa di cui sopra, costituiva un'inammissibile applicazione della normativa in via analogica. Infine si sosteneva che, nell'ipotesi la patologia fosse stata causata dalla insufficiente pulizia della macchina per emodialisi dalle sostanze lasciate da altro paziente, la fonte del risarcimento avrebbe tuttalpiù dovuto essere individuata nella responsabilità contrattuale per danni che lega l'azienda ospedaliera al paziente e non nella legge 210 del '92, la quale prevedeva, all'epoca, la corresponsione di indennizzi unicamente a favore di soggetti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie o da trasfusioni di sangue.  

 

Orbene nella sentenza del 16 aprile la corte di cassazione ritiene l'orientamento interpretativo della Sezione Lavoro superato dalle successive novelle legislative, che costituiscono il prodotto di pronunce della Corte Costituzionale, e che hanno attribuito alla norma dell'art. 1, comma 3, della L. n. 210 del 1992 un significato che ora consente all'interprete di pervenire ad una lettura opposta a quella precedentemente propinata dalla giurisprudenza del 2008.  

In particolare secondo i giudici di cassazione, la pronuncia di incostituzionalità contenuta nella sentenza n. 28 del 2009 ha permesso, in base ad una lettura conforme alla Costituzione, una ricostruzione della norma de qua che annoverasse una fattispecie di contagio da emodialisi. 

 

In conclusione si può pacificamente affermare che la situazione di rischio per la quale è previsto l’indennizzo da trasfusione ex legge 210/92 è configurabile anche nell’ipotesi in cui il contagio sia derivato da contaminazione di sangue proprio del paziente durante un’operazione di emodialisi, a causa di una insufficiente “pulizia” della macchina dalle sostanze ematiche lasciate da altro paziente.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Avv. Peppino Basile - Marsala (TP)

Avv. Peppino Basile

Avvocati / Civile

Contrada Berbaro,349

91025 - Marsala (TP)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

EmoTrasfusione, responsabilità e prescrizione

Trasfusione da sangue infetto – Responsabilità extracontrattuale del Ministero - Prescrizione quinquennale-iure hereditatis, decennale-iure proprio

Continua

Obbligo di mantenimento anche in stato di disoccupazione

La perdita della capacità lavorativa del coniuge obbligato a versare l’assegno di mantenimento deve essere dettata da ragioni a lui non imputabili

Continua