Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

L'adozione ed il superiore interesse del minore

La Corte d'appello di Milano sentenzia su un'istanza di adozione piena da persone dello stesso sesso interpretando il concetto di ordine pubblico

L'adozione ed il superiore interesse del minore - La Corte d'appello di Milano sentenzia su un'istanza di adozione piena da persone dello stesso sesso interpretando il concetto di ordine pubblico

Con sentenza in data 16.10.2015, la Corte d'appello di Milano ha deciso su un ricorso presentato da una donna che, instaurata, a partire dal 1999, una relazione affettiva con una persona dello stesso sesso, con quest'ultima ha condiviso anche la nascita e la crescita della figlia dalla stessa partorita nel 2003. In virtù del matrimonio che hanno contratto in Spagna, in data 08.05.2009 le due donne, nell'ambito del“JuzgadodePrimeraInstanciaeInstruccion” hanno anche ottenuto l’adozione della minore da parte di una delle due, «in quanto coniuge della madre biologica della bambina, in base alla legislazione spagnola (artt. 175 e segg. del Codigo Civil)», conl'attribuzione della piena responsabilità genitoriale (patria potestad); infine, con sentenza del 25.02.2013, «su domanda congiunta delle coniugi, la stessa autorità giudiziaria spagnola ha dichiarato sciolto mediante divorzio il matrimonio» con approvazione dell’accordo regolatore intervenuto il 21.12.2012 tra le parti. In data 10.12.2013, la madre adottiva chiede «il riconoscimento agli effetti civili interni dell’ordinanza di adozione spagnola della figlia, con riconoscimento degli effetti legittimanti della predetta adozione e con ordine all’Ufficiale di Stato Civile di trascrizione del provvedimento; con decreto 18 marzo/4 aprile 2014, il Tribunale per i Minorenni ha respinto la domanda» rilevando che nel caso di specie si discute non già di un’adozione internazionale, ma di un’adozione nazionale realizzata all’estero da parte di cittadina italiana di altra minore italiana figlia della coniuge (...)» e che sussiste «la regola generale riguardante la competenza della Corte d’Appello con riguardo al riconoscimento di sentenze e provvedimenti stranieri». Si arriva quindi alla Corte d'appello di Milano la quale accoglie la domanda di riconoscimento nell’ordinamento giuridico italiano e di conseguente trascrizione nei registri dello Stato Civile, in base al disposto di cui all’art. 28 del predetto DPR, dell’ordinanza del giudice spagnolo che (...) ha dichiarato l’adozione piena» della bambina (figlia della compagna), alla quale «con successiva ordinanza in data 1.6.2010, ha attribuito alla minore i cognomi» di entrambe le donne. La Corte motiva la decisione con gli articoli 65 e 66 della L. 31 maggio 1995, n. 218 «Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato» ove è previsto che i provvedimenti stranieri relativi alla capacità delle persone, nonché all’esistenza di rapporti di famiglia, come quelli di volontaria giurisdizione siano riconosciuti e direttamente applicati nel nostro ordinamento a condizione che essi producano effetti nell’ordinamento dello stato in cui sono stati pronunciati, non siano contrari all’ordine pubblico e siano stati rispettati i diritti della difesa e «l’ordinanza di adozione della minore di cui si discute ha piena efficacia in Spagna ed è stata emessa da un’autorità giudiziaria spagnola (...) con l’accertato pieno consenso della madre della bambina» ricorda il Giudice Milanese. Restava tuttavia da valutare il profilo relativo all'Ordine Pubblico che la Corte di Milano identifica con «complesso di principi fondamentali caratterizzanti l'ordinamento interno in un determinato periodo storico o fondati su esigenze di garanzia, comuni ai diversi ordinamenti, di tutela dei diritti fondamentali dell'uomo», ritenendo che «nessuna violazione dell’ordine pubblico internazionale comporta» il riconoscimento di «tutti i doveri e i diritti che derivano dalla filiazione naturale»: sulla base di ciò la Corte di Milano «dichiara l’efficacia nella Repubblica Italiana dell’Ordinanza emessa il 21.05.2010 dal Juzgado de Primera Instancia e Instruccion (...) con cui è stata dichiarata l’adozione della minore» ma lo fa in aperta antitesi con i presuposti che la legge italiana prevede per l'adozione piena o legitimiante e indicati al dalla legge 04.05.1983, n. 184 intitolata «Diritto del minore ad una famiglia», al TITOLO II Dell'adozione, Capo II Della dichiarazione di adottabilità, all'art. 8, ove si prevede che «Sono dichiarati in stato di adottabilità dal tribunale per i minorenni del distretto nel quale si trovano, i minori di cui sia accertata la situazione di abbandono perché privi di assistenza morale e materiale da parte dei genitori o dei parenti tenuti a provvedervi, purché la mancanza di assistenza non sia dovuta a causa di forza maggiore di carattere transitorio». La decisione per l'adozione piena viene presa pur risultando pacifico che la bambina non versa in stato di abbandono, anzi «è stata concepita e partorita dalla madre (...); che ha vissuto con entrambe sin dalla nascita, per quasi dieci anni e sino alla cessazione della convivenza tra le due donne, avvenuta nel 2012 in Spagna, che da loro è stata alllevata, curata e mantenuta e che con loro ha evidentemente costruito stabili e forti relazioni affettive ed educative riconosciute dalle stesse donne, tanto che nel dicembre 2012; (...) la madre biologica (...) non ha in nessun modo contestato l’esistenza di rapporti significativi» tra sua figlia e la ex compagna» oltre alla «necessità per il benessere della bambina del mantenimento della relazione affettiva ed educativa con la ex compagna», in tal modo dovendosi radicalmente escludere lo stato di abbandono. Peraltro, anche a voler ricavare dall'ambito internazionale la legittimazione per un decisione di tal genere, ai sensi dell'art. 6 del Trattato sull'Unione Europea, così come è adesso, la Carta di Nizza ha il medesimo valore giuridico dei trattati e la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea oggi è pienamente vincolante per le istituzioni europee e per gli Stati membri, quindi, in base all'art. 117 della Cost., essa si applica direttamente al nostro ordinamento. Tuttavia, proprio l'art. 9 della Carta Europea dei Diritti Fondamentali prevede, in tema di «Diritto di sposarsi e di costituire una famiglia» sono garantiti secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l'esercizio», lasciando in tal modo all'esclusiva prerogativa del legislatore nazionale la regolamentazione della materia restando al Giudice il compito di applicarla.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Giuseppe Mazzotta - Pisa (PI)

Studio Legale Giuseppe Mazzotta

Avvocati / Civile

Via San Concordio n. 3

56122 - Pisa (PI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La legge Gelli/Bianco: la riforma sulla colpa medica

Un sistema di regole per il risarcimento del danno, economicamente sostenibile ed efficacemente garantito

Continua

In Italia è prevista l’adozione del minore e non la maternità surrogata

Anche per la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, la pratica di maternità surrogata fonda il legittimo allontanamento del bambino dalla coppia comittente

Continua

Il contratto di locazione deve avere forma scritta

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione chiariscono in via definitiva gli specifici casi di deroga alla forma scritta nel contratto di locazione

Continua

Legge sull'adozione e piena tutela degli affetti

Permettendo l'adozione anche alle famiglie affidatarie, la legge garantisce la continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare

Continua

Investimenti sicuri? Studiare bene il contratto

Sottoscrivere un contratto di investimento, anche in banca, è operazione economica utilissima, ma occorre osservare le più accorte regole di prudenza

Continua

Mater sempre certa: e se vi è scambio di embrioni?

La vicenda dello scambio di embrioni all'Ospedale Pertini di Roma nell'ordinanza che conferma i principi dell'ordinamento in materia di filiazione

Continua

Gli indirizzi mail utilizzati dai social network

Ricordate sulla mail la frase «Vorrei aggiungerti al mio network professionale su LinkedIn!»? La richiesta deve essere autorizzata salvo risarcimento

Continua

Nozze gay, il matrimonio in ambito di diritto internazionale

Il Consiglio di Stato fa il punto sulle fonti, sia nazionali che sovranazionali, che regolano il matrimonio anche per l'ordinamento di stato civile

Continua

La famiglia ricostituita e l'assegno divorzile

Secondo la Corte di Cassazione (6855/2015), con la famiglia ricostituita da coniugi precedentemente divorziati, cessa per sempre l'assegno divorzile

Continua

Il disoccupato e il suo effettivo reinserimento

La legislazione di Riforma del Diritto del Lavoro prevede strumenti di reinserimento del disoccupato mediante l'acquisto di nuova professionalità

Continua

Quando il venditore offre anche il finanziamento

Le principali regole a tutela del consumatore che, aumentando la propria possibilità di acquisto, sceglie di pagare a rate mediante un finanziamento

Continua

Tutela dei minori e responsabilità dei maggiori

La possibilità per i nonni di agire in giudizio per superare gli ostacoli eventualmente frapposti alla frequentazione dei nipoti e le regole a tutela

Continua

Separazione: le spese straordinarie in Cassazione

L'ordinanza della Cassazione n. 16175 del 30/07/2015 chiarisce definitivamnete cosa deve intendersi per "spese straordinarie" e i criteri di rimborso

Continua

Genitori e garanzia degli obblighi verso i figli

In caso di separazione e divorzio, i rimedi, anche sanzionatori, per il caso di genitori che si sottraggano agli obblighi previsti dal Giudice

Continua

Pignorabile la pensione versata su conto corrente

L'accredito della pensione, in data anteriore al pignoramento, permette di pignorare la pensione in misura eccedente il triplo dell’assegno sociale

Continua

La disabilità a scuola e gli strumenti di tutela

Nel passaggio dall'uso del termine «handicap» a quello «disabile» un percorso normativo di garanzie sempre maggiori e di uguali opportunità per tutti

Continua

Negoziazione Assistita – Il Punto - Ultima parte

L'assistenza dell'avvocato garantisce nella sostanza, con l'accordo tra i coniugi, la tutela di tutti i soggetti, in primis quella dei figli

Continua

La Negoziazione Assistita - Il Punto Parte Seconda

Dopo la circolare 29.07.2015 del Ministero della Giustizia permane l'esigenza di chiarire natura, contenuto e imiti del parere del Pubblico Ministero

Continua

La negoziazione assistita – Il Punto – Parte prima

Il procedimento semplifica le procedure ma valorizza il ruolo dell'avvocato che sia competente e capace di consigliare il proprio cliente

Continua

Agevolazioni prima casa: le regole per la famiglia

In caso di acquisto, in comunione legale, di una casa, il requisito della residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile è riferito alla famiglia.

Continua

Provvigione all'agente immobiliare. Quando e come

E' necessario leggere con attenzione le clausole della proposta di acquisto che si sottoscrive, proponendo anche modifiche rispetto alla provvigione

Continua

Voli internazionali e smarrimento del bagaglio

In caso di perdita del bagaglio in un viaggio all'estero occorre individuare: giudice a cui rivolgersi, norme da applicare, diritti da far valere.

Continua

Legge 44/2015: Sì al prestito dopo i sessant'anni

Il prestito vitalizio ipotecario, con la legge 44/2015, consentirà un agile accesso al credito anche ad ultrasessantenni proprietari di immobili

Continua

Esami invasivi e rapporto medico e paziente

L'articolo esamina il tema del diritto all'informazione medica nell'ambito specifico della medicina predittiva relativa a patologie genetiche feto.

Continua

La pensione è ancora impignorabile?

L'articolo esamina le conseguenze della legge che, dal 2014, impone di versare la pensione su conto corrente e rende pignorabile la pensione stessa

Continua

Divorzio breve

Il DDL del 22 aprile 2015 che introduce il divorzio breve. Ambito applicativo e Profili di criticità

Continua

Crisi da sovraindebitamento

Il Regolamento per l'iscrizione nel registro degli organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento

Continua

Tutela dei minori e responsabilità dei maggiori

L’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano. Diritto interno e sovranazionale nel quadro della giurisprudenza di merito e di legittimità

Continua