Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Geometri

Casette da giardino. Edilizia libera?

Facciamo luce sugli adempimenti necessari per l’installazione di casette ad uso “deposito attrezzi da giardino”.

Casette da giardino. Edilizia libera? - Facciamo luce sugli adempimenti necessari per l’installazione di casette ad uso “deposito attrezzi da giardino”.

L’installazione di manufatti pertinenziali di modeste dimensioni, le cosiddette “casette in legno”, di solito piccoli prefabbricati costituiti da panelli in legno da assemblare, sta sempre più prendendo piede al fine di soddisfare le esigenze di ricovero degli attrezzi da giardino o per semplicemente creare un’area gioco per bambini all’interno dei nostri giardini.

Quali sono però gli adempimenti necessari per poterle installare?

Nella Regione FRIULI VENEZIA GIULIA la situazione è piuttosto chiara, ma è importante e necessario affidarsi ad un tecnico abilitato (geometra, ingegnere, architetto etc.) al fine rispettare le norme vigenti.

Vediamo perché:

- DAL PUNTO DI VISTA URBANISTICO, ai sensi dell’Art. 16, L.R. 19/2009, l’installazione di pertinenze di edifici esistenti che comportino volumetria, quali depositi attrezzi e simili, nei limiti del 10% del volume utile dell’edificio o dell’unità immobiliare principale esistente, se a destinazione residenziale, o nei limiti del 5% della superficie utile dell’edificio o dell’unità immobiliare esistente, se diverso dalla residenza (in ogni caso con la volumetria del deposito deve essere inferiore a 100 Mc) è soggetta a COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI per interventi di edilizia libera (art. 16, comma 5, LR 19/2009).
Ecco che molto frequentemente queste “casette in legno” rientrano in questa casistica.
Questa “comunicazione” deve essere sottoscritta sia dal titolare dell’intervento e deve essere asseverata da un tecnico abilitato che ne attesti la conformità agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti, nonché il rispetto delle normative tecniche vigenti (norme in materia strutturale, sismica, energetica etc.) con particolare attenzione al rispetto delle distanze dai confini, il rispetto alle puntuali norme del Piano Regolatore vigente, il rispetto dei vincoli paesaggistici e culturali, nonché individuare la presenza di eventuali limiti edificatori e determinare le massime dimensioni realizzabili in base ai limiti vigenti.
Se l'intervento esula dai limiti soprascritti si dovrà invece, presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) o una Richiesta di Permesso a Costruire.
Nel caso in cui la casetta venga installata in un complesso condominiale sarà inoltre opportuno richiedere il consenso al Condominio stesso.

- DAL PUNTO DI VISTRA STRUTTURALE, ai sensi del DPReg 27/07/2011 n. 0176/Pres. e ss.mm.ii. – art. 4 – bis, co. 7, i manufatti leggeri ad uso deposito attrezzi, con altezza massima inferiore a mt. 3,00 e superficie inferiore a mq. 15, realizzati in struttura lignea, rientrano nella tipologia delle “OPERE MINORI DI NUOVA COSTRUZIONE”, se strutturalmente autonome e non di pertinenza di opere strategiche o rilevanti.
Anche dal punto di vista strutturale ecco che la realizzazione della semplice “casetta in legno”, con le caratteristiche sopraindicate, è soggetta a semplice DEPOSITO DELL'ASSEVERAZIONE STRUTTURALE a firma di un tecnico abilitato, corredata di idoneo schema grafico strutturale, presso il Servizio Edilizia della Regione FVG.

- DAL PUNTO DI VISTA CATASTALE, ai sensi del DECRETO 2 gennaio 1998, n.28, i manufatti isolati con superficie ≥ mq 8, sono oggetto di censimento catastale, quindi necessitano di accatastamento. Se invece i manufatti sono aderenti ad un fabbricato principale, essi devono essere sempre accatastati, a prescindere dalla loro superficie. Anche in questi casi l’accatastamento deve essere redatto da un tecnico abilitato.

In conclusione vediamo gli "STEP" necessari per l’installazione di una “casetta in legno” nel giardino di casa:
1)    affidarsi ad un tecnico abilitato per la preliminare verifica delle leggi e norme vigenti e per stabilire l'iter necessario in base alle caratteristiche e dimensioni del manufatto;
2)    presentare i documenti necessari ai rispettivi enti competenti al fine di adempiere agli obblighi legislativi;
3)    eseguire l’intervento secondo le indicazioni del tecnico.
E’ importare rispettare questi step al fine di rispettare tutte le leggi e norme vigenti e di conseguenza non incorrere in spiacevoli sanzioni amministrative e nelle più gravi ipotesi sanzioni penali con conseguente demolizione del manufatto che si attesti non regolare.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Geometri

Geom. Erik Canciani - Palmanova (UD)

Geom. Erik Canciani

Geometri / Studio Tecnico

Via Gorizia, 32/a

33057 - Palmanova (UD)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sostituzione dei sanitari. Detrazione fiscale?

L’Agenzia delle Entrate risponde alle questioni interpretative in materia

Continua

Metri quadrati in visura catastale. Cosa cambia?

L’Agenzia delle Entrate rende disponibile nella visura catastale l’identificazione della superficie

Continua