Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Geometri

Elaborato tecnico della copertura

Un po' di chiarezza su chi redige, i casi in cui viene previso ed i contenuti minimi dell'Elaborato Tecnico della Copertura

Elaborato tecnico della copertura - Un po' di chiarezza su chi redige, i casi in cui viene previso ed i contenuti minimi dell'Elaborato Tecnico della Copertura

Per elaborato tecnico della copertura si intende l'unione, in un unico documento, delle indicazioni progettuali, delle prescrizioni tecniche, delle certificazioni di conformità e quanto altro necessario per prevenire e proteggere dai rischi di caduta dall'alto tutti i lavoratori che, nel corso degli anni, dovranno eseguire interventi di manutenzione alla copertura. Questo documento è, a tutti gli effetti, un allegato tecnico al Fascicolo dell'Opera di cui all'art. 91, comma 1, lettera b) ed all'allegato XVI del D.Lgs. n° 81/08 e s.m.i. 

L'Elaborato Tecncio della Copertura dovrà essere realizzato durante la progettazione e realizzazione di ogni intervento edilizio ed impiantistico sulla copertura di nuove costruzioni e di edifici esistenti, ad esclusione di interventi di manutenzione ordinaria, di interventi su pergolati e coperture di manufatti temporanei, di interventi su coperture che espongono i lavoratori a cadute dall'alto da altezze inferiori ai 2,00 mt. 

L'Elaborato Tecnico della Copertura deve essere redatto in fase di  progettazione dal Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione o, nei casi in cui detta figura non sia prevista, dal progettista dell'intervento. Nell'eventualità si renda necessario la presentazione di Varianti in corso d'opera, l'Elaborato dovrà essere aggiornato nel corso delle lavorazioni per mano del Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione o, nei casi dove detta figura non sia prevista, dal Direttore dei Lavori. Il documento dovrà esse, infine, completato entro la fine dei lavori. 

L'Elaborato Tecnico della Copertura dovrà essere presentato, presso il Comune di competenza, unitamente alla pratica edilizia (istanza di Permesso di Costruire, Segnalazione Certificata di Inizio Attività, Variante in corso d'opera, istanza di Sanatoria) occorrente per l'esecuzione dei lavori. All'atto dell'inoltro della pratica il Coordinatore della Sicurezza o, in sua assenza, il progettista ne attesta la conformità alle misure preventive e protettive. Nei casi di attività edilizia libera e di lavori impiantistici la conformità è attestata direttamente al committente dal Coordinatore della Sicurezza o, in sua assenza, dal progettista; copia della documentazione dovrà essere consegnata all'Amministrazione Comunale solamente su richiesta di questa, durante le attività istituzionali di vigilanza e controllo. 

L'Elaborato Tecnico della Copertura dovrà essere composto dai seguenti elaborati minimi

Elaborati grafici, redatti in scala adeguata; 

Relazione Tecnica Illustrativa delle soluzioni progettuali; 

Relazione di calcolo, redatta da professionista abilitato, contenenet la verifica del sistema di fissaggio e l'accertamento della resistenza degli elementi strutturali; 

Certificazione del fabbricante dell'impianto anticaduta; 

Dichiarazione di Conformità dell'installatore dell'impianto anticaduta; 

Manuale d'Uso dell'impianto anticaduta; 

Programma di manutenzione dell'impianto anticaduta. 

Il committente è tenuto a garantire nel tempo la funzionalità dell'impianto anticaduta facendo eseguire, da imprese specializzate, la manutenzione prevista dal manuale d'uso e dal programma di manutenzione. Ogni volta che vengono eseguiti dei lavori di manutenzione sull'impianto anticaduta dovrà essere registrato l'esito dul Registro di Controllo. 

Nel corso della progettazione dell'impianto anticaduta, secondo i principi sostenuti nell'art. 15 del D.Lgs. 81/08 e per la necessità di poter eseguire interventi di soccorso in caso di caduta, se le caratteristiche della copertura lo consentano, dovranno essere scelti dispositivi di ancoraggio che consentano l'utilizzo contemporaneo da più operatori. 

Laddove intervengano modifiche all'opera, nel corso della sua esistenza, il committente avrà l'onere di garantire l'aggiornamento dell'Elaborato Tecnico della Copertura. Per interventi su opere esistenti dotate di Fascicolo, l'aggiornamento è predisposto a cura del Coordinatore della Sicurezza o, dove non presente, dal progettista.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Geometri

Studio Tecnico Geom. Innesti Matteo - Signa (FI)

Studio Tecnico Geom. Innesti Matteo

Geometri / Studio Tecnico

Via Della Chiesa, 9 A

50058 - Signa (FI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo