Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto dei consumatori

Patteggiamento penale e giudizio civile

Quali conseguenze civili ha una sentenza di condanna patteggiata?

Patteggiamento penale e giudizio civile - Quali conseguenze civili ha una sentenza di condanna patteggiata?

La sentenza di patteggiamento ex art 444 c.p.p. , è un accordo tra il P.M. e l’imputato con il quale si chiede al Giudice penale di applicare una pena (sostitutiva o pena pecuniaria  o detentiva) con lo “sconto” della diminuzione fino ad un terzo

Anche se non è paragonabile ad una sentenza penale di condanna ex art. 651 c.p.p. (in considerazione del “profilo negoziale che la caratterizza  poiché  non fondata sull’accertamento pieno della responsabilità dell’imputato” sent. Corte Cost. 11 dicembre 1995, n.499), può costituire, tuttavia, un elemento di prova di responsabilità nella ricostruzione dei fatti in un giudizio civile. 

Pertanto, la sentenza di patteggiamento non è vincolante per il giudice civile ma può essere da quest’ultimo liberamente valutata in un quadro di prove più generale, associandosi o meno ad essa a seconda del proprio personale orientamento, ai sensi dell’art. 116 c.p.c. 

 

Quindi la sola sentenza di patteggiamento potrebbe non bastare per convincere il giudice ad una condanna in sede civile (si cfr. Cass. sent. n. 19871/13). 

Ciò vuol dire che è sempre meglio produrre in giudizio ulteriori elementi di prova (testimonianze, documenti, perizie, etc.) per far giungere ad un pieno convincimento del giudice alla condanna dell’imputato in sede civile. 

 

In ogni caso, il giudice di merito,  qualora dovesse disconoscere la responsabilità dell’imputato in sede civile, ha l’obbligo di spiegarne le motivazioni perché, ricordiamo, la sentenza di patteggiamento pur non configurandosi come sentenza di condanna presuppone una ammissione di colpevolezza che esonera la controparte dall’onere della prova (si cfr. Sent. Cass. S.U. 17289/2006, Cass. 5 maggio 2005, n. 9358). 

 

Ma perché una condanna di patteggiamento non equivale automaticamente ad una condanna in sede civile? 

Essa è da ricercare in una sorta di premio per la scelta del rito alternativo in sede penale (ricordiamo che con tale rito l’ imputato rinuncia a difendersi, ed accetta una condanna definitiva), in ottica di diminuzione del carico giudiziario, vista con particolare favore da parte del legislatore. 

Precisiamo che l’opzione del patteggiamento rappresenta un diritto per l’imputato (se è d’accordo anche il P.M.) ed espressivo del più generale diritto di difesa. 

Andando a ricercare ulteriori motivazioni della parziale inefficacia  si deve considerare anche il principio di separazione del giudicato penale da quello civile, principio confermato dall’art 295 c.p.c. in tema di sospensione del giudizio civile in attesa della sentenza di un processo penale vertente sugli stessi fatti. 

Inoltre,  la non estensione automatica degli effetti extrapenali della sentenza di patteggiamento nei giudizi civili e amministrativi di danno, ha come obiettivo quello di tutelare processualmente la stessa parte danneggiata, la quale non ha potuto svolgere le proprie difese (non aprendosi il processo ) costituendosi parte civile in sede penale per contestarne le risultanze in sede risarcitoria (si cfr. sent. 62/2014 Corte dei Conti Abruzzo). 

Infatti, la parte civile è il soggetto maggiormente sacrificato dalla condanna patteggiata perché quest’ultima non comporta pronuncia sulla domanda di risarcimento. 

Come ulteriori effetti del superiore principio, non può trascurarsi che, nel nostro sistema giudiziario, non sono previsti meccanismi automatici di espulsione dei dipendenti dalla Pubblica Amministrazione per effetto di condanne penali: sarà, pertanto, necessario da parte del datore di lavoro instaurare un apposito giudizio civile che decida sull’eventuale licenziamento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto dei consumatori

Studio Legale Avv. Giuseppe Freni - Messina (ME)

Studio Legale Avv. Giuseppe Freni

Avvocati / Civile

Via Ettore Lombardo Pellegrino 111

98123 - Messina (ME)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Errore medico: cosa fare?

I casi di responsabilità medica sono in aumento a seguito dell’incremento delle prestazioni sanitarie. Cosa fasre se subiamo un danno in ambito sanitario?

Continua

Come chiedere risarcimento danni ad eBay

E' possibile chiedere un risarcimento danni in caso di sospensione illegittima del proprio account eBay

Continua

Phishing: cosa fare se rubano i nostri soldi

Quando incappiamo a nostra insaputa in una frode online, può essere particolarmente rischioso per i nostri risparmi. Vediamo perché e cosa fare

Continua

L'ordine del giorno dell'assemblea di condominio

L’ordine del giorno nelle assemblee di condominio: che contenuti deve avere e come si può contestare?

Continua

Stalking condominiale

I vicini molesti possono essere denunciati alle autorità. Ma bisogna sapere quando e come procedere

Continua