Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Il Binge Drinking causa danni ai neuroni e al DNA.

Gravi conseguenze alle funzioni cognitive, alla struttura delle membrane cellulari e all'addensamento della cromatina nel DNA nei bevitori compulsivi.

Il Binge Drinking causa danni ai neuroni e al DNA. - Gravi conseguenze alle funzioni cognitive, alla struttura delle membrane cellulari e all'addensamento della cromatina nel DNA nei bevitori compulsivi.

Il “Binge Drinking” è l’abbuffata alcolica con la quale un soggetto ingerisce velocemente una grande quantità di bevande alcoliche fuori dai pasti, fino a sentire l’effetto desiderato: euforia, maggior sicurezza, stordimento ed appiattimento di ogni pensiero e preoccupazione. È un fenomeno diverso dall’alcool dipendenza intesa in senso classico. Può sicuramente tramutarsi in dipendenza, ma può esser un fenomeno ricreazionale e del fine settimana per un lungo periodo di tempo. Non per questo è esente da gravi danni fisici e rischi sociali, dovuti al discontrollo degli impulsi causato dall'euforia alcoolica.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità nel “Rapporto Globale su alcol e salute 2014″ dichiara che i "binge drinkers" rappresentano complessivamente il 6,3% della popolazione adolescenziale, con un rapporto 5:1 tra maschi e femmine. Il binge drinking è un fenomeno consolidato tra i maschi di 18-24 anni, mentre una riduzione si registra tra le donne di qualsiasi età e tra gli uomini nella fascia d’età over 45.

Quali sono, dunque, le conseguenze fisiche sul cervello nei soggetti che praticano “binge drinking”in adolescenza e prima età adulta?
Il cervello subisce significativi cambiamenti strutturali e funzionali tra infanzia e l'adolescenza, con la maturazione che inizia nella prima età adulta (Pfefferbaum et al., 1994). Tratti di fibre di sostanza bianca continuano a svilupparsi fino ai 24-25 anni per consentire la comunicazione più efficiente e rapida tra varie regioni cerebrali. Quest’ultime sono specialmente aree del cervello associate a funzioni cognitive di ordine superiore, quali le regioni frontali e pre-frontali che regolano l’attenzione, il controllo e l’inibizione degli impulsi, nonché la pianificazione delle azioni e le zone subcorticali correlate alle emozioni e il ricordo emotivo degli eventi, specialmente l'ippocampo (Sowell et al, 1999, 2004; Shaw et al., 2008; Giedd e Rapoport, 2010; Lebel et al, 2012).
Di fronte ad uno sviluppo cerebrale che non si è ancora concluso, possiamo immaginare come grandi dosi di etanolo possano compromettere il consolidamento di importanti connessioni tra gli impulsi e la capacità di controllarli. Infatti, gli esperimenti sugli animali hanno dimostrato che grandi quantità di alcool sono in grado di produrre neurodegenerazione necrotica nelle aree del cervello più strettamente legate l'ippocampo e una diminuita attività dei neuroni nella zona prefrontale in base alla quantità di etanolo iniettata (Journal of Neuroscience, Tu, Y et al. 2007).
Ciò avviene perché il rilascio di glutammato nell’ippocampo (neurotrasmettitore eccitatorio, che assieme alla dopamina causa la fase di esaltazione e euforia) è seguita dal rilascio di neurotrasmissione GABA-ergica (una neurotrasmissione inibitoria-depressiva per il Sistema Nervoso Centrale). Più aumenta l’attività inibitoria delle funzioni nervose, più si riducono le capacità di memoria a breve termine e apprendimento visuo-spaziale con conseguente disorientamento (Argenti et al., 2003).
Un recentissimo studio comparativo, condotto da Adela Rendón e collaboratori nel 2015, tra un gruppo di ragazzi messicani che praticavano “binge drinking” e ragazzi non bevitori o bevitori moderati, ha mostrato che i binge drinkers presentano danni ossidativi doppi alle membrane cellulari rispetto all’altro gruppo. Un ultimo dato riguarda l'analisi del materiale genetico presente nelle cellule linfocitarie del sangue dei soggetti che praticavano binge drinking, i quali presentano cellule danneggiate in misura 5:1, se confrontati ai bevitori moderati. Bere in maniera compulsiva per lunghi periodi di tempo, può danneggiare irreversibilmente il DNA, comportando danni alle cellule del fegato, del cervello, dello stomaco e dell’intestino, come già osservato negli alcolisti di lunga data.

Considerando le gravi conseguenze bio-psico-sociali del Binge Drinking, e l'elevata sensibilità all'alcool della popolazione giovanile, non possiamo non augurarci che queste straordinarie ricerche portino a nuove strategie terapeutiche per coloro che abusano di alcool e un approccio sempre più mirato e in linea con le nuove tendenze per le famiglie di adolescenti e giovani adulti con questo grave disturbo comportamentale. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza psicologica

Dr.ssa Silvia Colizzi Psicologa Esperta In Neuropsicologia - Cividate al Piano (BG)

Dr.ssa Silvia Colizzi Psicologa Esperta In Neuropsicologia

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via Romano, 2b

24050 - Cividate al Piano (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Siddharta, il musical. Una lettura psicologica

Una lettura psicologica attuale del musical Siddharta". "La vera felicità sta nel costruire un io che si erge dignitoso e indomabile" Daisaku Ikeda.

Continua

Processi di crescita dell`autostima

L'autostima può crescere senza accettare consigli e forzature, ma attraverso un percorso di conoscenza del proprio sé e delle proprie potenzialità

Continua

Terapie dell'Alimentazione Incontrollata

L'Alimentazione Incontrollata è un disturbo multifattoriale con matrice principalmente psicologica, trattabile con un approccio multidisciplinare

Continua

Prospettive sui Disturbi Specifici d'Apprendimento

Non basta dispensare da eccessive fatiche e compensare le difficoltà. Il vissuto dei bambini con DSA va supportato adeguatamente. Come aiutarli?

Continua

Parkinson Disease e Trattamenti Non-Farmacologici

Trattamenti non farmacologici per il M. di Parkinson: ottimi alleati della farmacoterapia. Rallentano la malattia e migliorano la qualità della vita

Continua