Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

"L'abuso di diritto"

Disporre di un potere non è condizione sufficiente di un suo legittimo esercizio

"L'abuso di diritto" - Disporre di un potere non è condizione sufficiente di un suo legittimo esercizio

“L’abuso di diritto” è un istituto giuridico che, pur in mancanza di una norma positiva che lo riconosca (solo recentemente con il d.lgs. 128/2015 è stato ammesso nei rapporti tra fisco e contribuente), la Cassazione da qualche anno lo ha enucleato dai principi di correttezza, buona fede e solidarietà (art. 1175 e 1375 c.c.) che nel loro insieme costituirebbero un principio generale che regola la nostra vita sociale perchè costituzionalizzato dall’art. 2 della nostra Corte Costituzionale. 

 

“Disporre di un di un potere non è condizione sufficiente di un suo legittimo esercizio…” (Cass. 3° Sez. – 18/9/2009 n. 2106), nel senso che l’esercizio di un diritto per essere valido deve rispettare detto principio che impone la garanzia di un giusto equilibrio tra gli interessi contrapposti. 

Va, cioè, tenuto presente anche “l’interesse del debitore” in modo che ciascun contraente sia tenuto a salvaguardare l’interesse dell’altro se ciò non comporti un eccessivo sacrificio dell’interesse proprio. 

 

Pertanto avremo “abuso di diritto” (e conseguente nullità dell’atto) ogni qual volta l’esercizio di un diritto soddisfi un interesse assolutamente sproporzionato rendendolo non meritevole di tutela giuridica rispetto ai sacrifici imposti al debitore o che realizzino un interesse palesemente divergente rispetto alla finalità tipica salvaguardata dalla norma. 

Così, ad esempio, se la patologia del rapporto possa essere superata facendo ricorso a rimedi giudiziari che incidano sugli interessi contrapposti in modo più proporzionati (Cass. 3° Sez. 18/9/2009 n. 2106). 

 

E’ il caso in cui il creditore chieda la risoluzione del contratto per un inadempimento che potrebbe essere superato con mezzi meno dannosi per il debitore (risarcimento danni, azione di rendiconto, azione ex art. 1381 c.c. ecc.). 

Va ricordato, infine, che il principio dell’abuso di diritto costituisce una norma “di ordine pubblico” perché riferita all’art. 2 della Costituzione; pertanto può essere sollevata come eccezione in qualsiasi stato e grado di giudizio e può essere sollevata d’ufficio dal giudice.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Publio Fiori - Roma (RM)

Avv. Publio Fiori

Avvocati / Civile

Via Federico Confalonieri 5

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Contratto di mandato-obbligo di rendiconto

Obbligo del mandatario di dare conto delle attività realmente svolte e non solo di fornire ricevute e fatture delle spese e degli incassi

Continua

Sospensione efficacia esecutiva sentenza tribunale

I gravi e fondati motivi e la possibilità d’insolvenza – art. 283 c.p.c.

Continua

Edilizia e Urbanistica, permesso di costruire

Pergotenda installata su pareti esterne - attività di edilizia libera senza permessi comunali

Continua

"Culpa in educando" e "Culpa in vigilando"

Responsabilità dei genitori, dei precettori e dei maestri d'arte per i fatti illeciti del minore

Continua

Invalidità della notificazione

Distinzione tra nullità e inesistenza: conseguenze

Continua

Liquidazione del danno in via equitativa: ammissibilità

Il risarcimento del danno (patrimoniale e non patrimoniale) può essere liquidato in via equitativa solo se ne è provata l'esistenza

Continua

Condanna pecuniaria e Iva

La condanna al pagamento di una somma di danaro si estende automaticamente all'obbligo di versare l'Iva

Continua

Il principio del "bilanciamento" dei diritti

"L'invasione" della corte Costituzionale nei territori della politica e del Parlamento

Continua

La nuova sentenza della Corte Costituzionale

Confermata la sostanziale intangibilità di stipendi e pensioni

Continua

Il governo si "accanisce" contro i pensionati

Incostituzionale anche la proposta del ricalcolo delle pensioni con il metodo contributivo

Continua

Pensioni, diritti acquisiti e Corte Costituzionale

I principi di "affidamento" e "ragionevolezza" nella giurisprudenza della Corte Costituzionale nella difesa delle pensioni

Continua