Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

La cessione di volumetria a fini edificatori

Focus sui requisiti per la cessione di volumetria

La cessione di volumetria a fini edificatori - Focus sui requisiti per la cessione di volumetria

La realizzazione di qualsiasi intervento edilizio impone che sia rispettato l'indice di cubatura stabilito dagli strumenti urbanistici rilevanti.
Nel caso in cui questo indice non possa essere soddisfatto unicamente mediante la capacità edificatoria di un determinato lotto, è possibile avvalersi della cubatura di un lotto vicino con il conseguente asservimento dell’area, consistente nella volontaria rinuncia alle possibilità edificatorie. 
L’asservimento di un area e il conseguente trasferimento di capacità edificatoria ad un altro lotto viene realizzato mediante il negozio atipico di cessione di cubatura o trasferimento di volumetria (se i due lotti sono di diversi proprietari) ovvero di concentrazione di volumetria (nel caso in cui i due lotti siano di un unico proprietario).
Tuttavia, il presupposto dell’asservimento è rappresentato dall’indifferenza, ai fini del corretto sviluppo della densità edilizia, della materiale collocazione dei fabbricati, atteso che assume esclusiva rilevanza il fatto che il rapporto tra area edificabile e volumetria realizzabile in una certa zona resti entro i limiti fissati.
Alla luce di quanto sopra, dunque, la legittimità della cessione di cubatura è legata alla sussistenza di due condizioni, ossia (i) la contiguità dei due lotti e (ii) la omogeneità dell’area territoriale entro cui si trovano gli stessi. 

Per ciò che attiene al requisito della contiguità, si ritiene che questo non debba essere necessariamente inteso nel senso della adiacenza fisica dei due fondi, bensì come effettiva e significativa vicinanza. In questo senso, infatti, la giurisprudenza ha avuto occasione di rilevare che “la contiguità dei due fondi non deve intendersi nel senso della adiacenza, ossia della contiguità fisica tra tutte le particelle catastali interessate, bensì come effettiva e significativa vicinanza tra i fondi asserviti per raggiungere la cubatura desiderata” (Cons. Stato, sez. V, 30 ottobre 2003, n. 6734). Ne consegue, dunque, che il requisito della contiguità non sembra possa venir meno per il solo fatto che i due lotti risultino separati unicamente dalla presenza di una strada. Del resto, sul punto, la giurisprudenza ha affermato che “deve ritenersi ammissibile l'asservimento, allo scopo di raggiungere una più consistente volumetria edificabile, di un'area ad un'altra contigua direttamente interessata alla costruzione, pur se tra i due fondi si interpongano una strada o un fosso di scolo delle acque” (Cons. Stato, sez. V, 4 gennaio 1993, n. 26. In termini, anche Tar Sicilia, Catania, sez. I, 9 febbraio 2005, n. 189).           

Il secondo requisito consiste nel fatto che i due lotti (il cedente e il cessionario volumetria) si trovino all’interno di un’area omogenea, affinché la cessione di cubatura non abbia alcuna incidenza sugli standards urbanistici. In sostanza, perché questo requisito possa dirsi soddisfatto sembra necessario che il lotto cessionario e quello cedente insistano su un’area avente la medesima destinazione urbanistica. In questo senso, il Giudice amministrativo ha affermato che “l’asservimento della volumetria realizzabile su un lotto a favore di un altro, per consentire in quest’ultimo una maggiore edificabilità, è consentito solo per lotti aventi la medesima destinazione urbanistica, in quanto l’opposta soluzione comporterebbe una evidente alterazione delle norme urbanistiche che mirano a realizzare determinate caratteristiche tipologiche della zona” (Cons. Stato, sez. V, 3 marzo 2003, n. 1172). 

La concentrazione di volumetria incide, da un lato, sul piano privatistico, comportando il trasferimento dello ius aedificandi e, dall’altro lato, sul piano pubblicistico, necessitando dell’assenso della pubblica amministrazione. Il rapporto tra le due fasi è nel senso che l’atto privatistico rappresenta il presupposto per il trasferimento della volumetria che necessita comunque dell’atto assentivo del Comune per la sua concreta realizzazione. A tal riguardo, infatti, la giurisprudenza ha definito il trasferimento di cubatura come “contratto atipico ad effetti obbligatori avente natura di atto preparatorio, finalizzato al trasferimento di volumetria che si realizza soltanto con il provvedimento amministrativo” (Cons. Stato, sez. V, 21 marzo 2000, n. 3637).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Giuseppe La Rosa - Milano (MI)

Avv. Giuseppe La Rosa

Avvocati / Civile

Via Santa Maria Segreta 6

20123 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Gli scatti di anzianità per i docenti precari

Anche i docenti precari hanno diritto a ottenere gli scatti di anzianità

Continua

Sui titoli di preferenza nei concorsi pubblici

L’esistenza di figli a carico prevale sull’età

Continua

Il nulla osta paesaggistico e il silenzio assenso

Sulla formazione del silenzio assenso rispetto alle istanze per il rilascio del nulla osta paesaggistico si esprimerà l’adunanza plenaria

Continua

Benefici combattentistici per i militari

L’urgenza per i militari di tutelare il diritto al riconoscimento dei benefici combattentistici in attesa della sentenza della Corte Costituzionale

Continua

L’economista spagnolo non si iscrive all’albo

Secondo il Consiglio di Stato gli economisti spagnoli non possono iscriversi all’albo italiano dei commercialisti

Continua

Per il muro di cinta basta la Scia

Il Consiglio di Stato, con sentenza 4 gennaio 2016, n. 10, ha affermato che la realizzazione di muri di cinta di modesta altezza è soggetta a Scia

Continua

Esame di avvocato: le domande della prova orale

Se la commissione non predetermina le domande della prova orale, l'eventuale bocciatura è illegittima e l'esame va ripetuto

Continua

L' indennità di trasferimento delle forze armate

Per il riconoscimento dell'indennità di trasferimento per i componenti delle forze armate, deve sussistere la distanza di 10 km tra sedi di servizio

Continua

Esame di avvocato: non basta il voto numerico

Secondo il TAR Lombardia, Milano, le prove scritte valutate unicamente con un voto numerico devono essere ricorrette da diversa commissione

Continua

Assunzioni nella scuola: T.F.A. e G.A.E.

Gli abilitati T.F.A. hanno diritto a essere inseriti nelle G.A.E. potendo così partecipare al piano straordinario di assunzioni nella scuola?

Continua