Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Esame di avvocato: le domande della prova orale

Se la commissione non predetermina le domande della prova orale, l'eventuale bocciatura è illegittima e l'esame va ripetuto

Esame di avvocato: le domande della prova orale - Se la commissione non predetermina le domande della prova orale, l'eventuale bocciatura è illegittima e l'esame va ripetuto

Nei confronti delle modalità di celebrazione delle prove (sia scritte che orali) dell'esame di abilitazione alla professione forense si registra una crescente attenzione da parte della giurisprudenza. Nel solco di una sempre maggiore trasparenza e pubblicità di tali procedure si registra un condivisibile orientamento, secondo cui le domande da rivolgere ai candidati nelle sessioni orali devono essere predeterminate ed estratte a sorte, pena l'illegittimità dell'eventuale bocciatura.
La norma di riferimento è l’art. 12, comma 1, d.p.r. 9 maggio 1994, n. 487, secondo cui “le commissioni esaminatrici […] immediatamente prima dell’inizio di ciascuna prova orale, determinano i quesiti da porre ai singoli candidati per ciascuna delle materie di esame. Tali quesiti sono proposti a ciascun candidato previa estrazione a sorte”.
L'obbligo di predeterminare le domande da sottoporre ai candidati trova la sua ratio evidentemente nella necessità che (i) le domande siano il frutto del confronto collegiale tra i membri della commissione e (ii) siano garantiti i principi di imparzialità, trasparenza e parità di trattamento.
Esattamente in questo senso si registrano significative pronunce di alcuni Tribunali amministrativi, in cui è stato affermato che:
- “il ricorso risulta fondato nel merito e deve essere accolto, sulla base dell’assorbente censura sollevata nel III motivo, tenuto conto del fatto che la sottocommissione ha effettivamente omesso, come descritto in ricorso, di predisporre preventivamente l’elenco delle domande da somministrare ai candidati, previa estrazione a sorte, durante la prova orale, come previsto dal citato art. 12 del D.P.R. 487/1994 e come suggerito anche dalla Commissione centrale” (TAR Sicilia, Catania, Sez. IV, 14 maggio 2014, n. 1340; ID., 19 dicembre 2013, n. 3030);
- “il mancato previo sorteggio tra domande preparate dalla Commissione, oltre a violare l’art. 12 d.p.r. 9 maggio 1994, n. 487, contrasta con i principi di trasparenza e di parità di trattamento dei candidati che presiedono allo svolgimento delle procedure concorsuali (Consiglio di Stato, sez. VI, 14 novembre 2011, n. 6001)” (TAR Sicilia, Catania, Sez. IV, 11 luglio 2013, n. 1994).
L’orientamento è stato, ancora recentemente, confermato dal Cons. Giust. Amm. Sicilia che - nel riformare i provvedimenti del TAR Sicilia, Palermo - ha confermato la “necessità di predisporre per iscritto domande da sottoporre per sorteggio ai candidati, come per altro aveva raccomandato la Commissione centrale” (CGA ord. 11 luglio 2014, n. 361).
Appare dirimente rilevare come, secondo il Giudice di secondo grado, l’obbligo della predisposizione e del sorteggio delle domande discenda direttamente dall’applicabilità alle procedure di abilitazione per la professione forense dell’art. 12, cit.: infatti, è stato ritenuto che “in relazione alla applicabilità dell’art. 12 DPR n. 487/1994 allo svolgimento delle prove orali oggetto di contestazione, le censure sollevate dalla parte appellante presentano profili di fumus, con particolare riguardo al criterio del sorteggio delle domande” (CGA 17 gennaio 2014, n. 41).
Orbene, al fine di sottrarsi ai richiamati principi, si è verificato tuttavia che alcune commissioni (è il caso della commissione presso la Corte di Appello di Catania) hanno espressamente deliberato (nei verbali precedenti all'apertura delle prove orali) di porre ai candidati le domande in modo estemporaneo, ossia senza alcuna predeterminazione.
A parere di chi scrive, tale modus operandi si manifesta illegittimo. E ciò per diverse ragioni. Innanzitutto, in tal modo la commissione deroga a un obbligo di legge che, come tale, risulta imperativo e inderogabile, con la conseguenza che gli assunti verbali risultano in parte qua nulli per mancanza di un elemento essenziale del provvedimento amministrativo, ossia liceità della causa, giusta l’art. 21-septies l. 241/1990. Da diverso angolo visuale, può rilevarsi come l’obbligo di predeterminazione ed estrazione delle domande orali discenda direttamente da una disposizione di rango primario (art. 12, cit.: così CGA ord. 41/2014). Ora, tale disposizione pone una norma di azione, rispetto alla quale l'amministrazione, pur potendo meglio dettagliare le operazioni di svolgimento dell’azione amministrativa, deve sempre rispettarne i fondamentali principi sottesi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Giuseppe La Rosa - Milano (MI)

Avv. Giuseppe La Rosa

Avvocati / Civile

Via Santa Maria Segreta 6

20123 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Gli scatti di anzianità per i docenti precari

Anche i docenti precari hanno diritto a ottenere gli scatti di anzianità

Continua

Sui titoli di preferenza nei concorsi pubblici

L’esistenza di figli a carico prevale sull’età

Continua

Il nulla osta paesaggistico e il silenzio assenso

Sulla formazione del silenzio assenso rispetto alle istanze per il rilascio del nulla osta paesaggistico si esprimerà l’adunanza plenaria

Continua

Benefici combattentistici per i militari

L’urgenza per i militari di tutelare il diritto al riconoscimento dei benefici combattentistici in attesa della sentenza della Corte Costituzionale

Continua

L’economista spagnolo non si iscrive all’albo

Secondo il Consiglio di Stato gli economisti spagnoli non possono iscriversi all’albo italiano dei commercialisti

Continua

Per il muro di cinta basta la Scia

Il Consiglio di Stato, con sentenza 4 gennaio 2016, n. 10, ha affermato che la realizzazione di muri di cinta di modesta altezza è soggetta a Scia

Continua

La cessione di volumetria a fini edificatori

Focus sui requisiti per la cessione di volumetria

Continua

L' indennità di trasferimento delle forze armate

Per il riconoscimento dell'indennità di trasferimento per i componenti delle forze armate, deve sussistere la distanza di 10 km tra sedi di servizio

Continua

Esame di avvocato: non basta il voto numerico

Secondo il TAR Lombardia, Milano, le prove scritte valutate unicamente con un voto numerico devono essere ricorrette da diversa commissione

Continua

Assunzioni nella scuola: T.F.A. e G.A.E.

Gli abilitati T.F.A. hanno diritto a essere inseriti nelle G.A.E. potendo così partecipare al piano straordinario di assunzioni nella scuola?

Continua