Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Stalking e alterazione delle abitudini di vita

L'alterazione delle abitudini di vita non rileva in termini quantitativi ma per il significato e le conseguenze emotive che produce sulla vittima.

Stalking e alterazione delle abitudini di vita - L'alterazione delle abitudini di vita non rileva in termini quantitativi ma per il significato e le conseguenze emotive che produce sulla vittima.

Ai fini della configurazione del reato di stalking, il legislatore richiede, tra gli altri presupposti indefettibili, che la vittima della condotta persecutoria si sia vista costretta ad alterare le proprie abitudini di vita

 

Temere di uscire di casa. Evitare di spostarsi da soli. Dover spegnere il telefono per non sentirlo più squillare. Smettere di frequentare luoghi abituali. Sono solo alcuni esempi di come un atteggiamento persecutorio possa incidere sulla quotidianità di chi lo subisce. 

 

Il Codice Penale, introducendo il reato di atti persecutori (stalking) all’art. 612 bis, ha inteso punire quelle condotte minatorie o moleste che, ripetendosi nel tempo, provochino un perdurante stato di ansia o di paura, o un timore per l’incolumità propria o di un proprio caro, o – per l’appunto -  una modificazione delle abitudini di vita. 

 

Proprio in relazione a quest’ultimo aspetto, in base al più recente principio espresso dalla Corte di Cassazione, la variazione della routine quotidiana non deve essere valutata dal Giudice secondo un parametro quantitativo, bensì considerando il significato e le conseguenze emotive che la condotta persecutoria esplica sulla persona offesa. 

 

In altri termini, non conta in che misura una vittima di stalking sia stata costretta a variare le proprie abitudini, ma quale valore e quale impatto emotivo quei cambiamenti obbligati abbiano avuto nella sua vita. 

 

Questo principio era già stato sancito dalla Suprema Corte in una sentenza del 2014: in quel caso, la persona offesa si era vista costretta a modificare di mezz’ora l’orario di uscita da casa, pur di non incontrare il proprio persecutore. I difensori dell’imputato avevano ritenuto che quella variazione delle abitudini di vita fosse marginale, e dunque non sufficiente a considerare la condotta posta in essere come persecutoria. 

 

Per i Giudici di legittimità, invece, non era rilevante che la donna avesse modificato le proprie uscite solo di mezz’ora, anziché in misura più significativa. 

 

Quel mutamento di orari, che la donna si era sentita costretta a introdurre nella propria vita, infatti, era già di per sé sufficiente a dimostrare l’effetto delle condotte persecutorie nella sfera relazionale ed emotiva della persona offesa. 

 

Alla luce di tale orientamento, confermato da ultimo nella sentenza n. 45453 del 2015, commette il reato di stalking chiunque, con comportamenti di tipo persecutorio, induca la persona offesa ad una modificazione delle abitudini di vita, in tutti i casi in cui detta alterazione, a prescindere da valutazioni quantitative, si mostri di significativo impatto nella percezione della vittima.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Domenico Attanasi - Francavilla Fontana (BR)

Avv. Domenico Attanasi

Avvocati / Penale

Via San Francesco D Assisi 205

72021 - Francavilla Fontana (BR)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sul confine tra diffamazione e diritto di critica

La Suprema Corte afferma il diritto dei lettori di conoscere i fatti in maniera puntuale e precisa, censurando la stampa scandalistica

Continua

Omesso versamento di ritenute e crisi d'impresa

Il mancato versamento di ritenute certificate non costituisce necessariamente reato, dovendosi valutare in concreto le cause dell'inadempimento

Continua

Educazione violenta e maltrattamenti in famiglia

I metodi violenti nell’educazione dei figli integrano il reato di maltrattamenti in famiglia e non quello meno grave di abuso dei mezzi di correzione

Continua