Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza del lavoro

Cosa cambia nel contratto a tempo determinato

Contratto a tempo determinato dopo il Jobs Act

Cosa cambia nel contratto a tempo determinato - Contratto a tempo determinato dopo il Jobs Act

Il contratto di lavoro determinato detto anche a termine non può avere una durata superiore a tre anni, fatta eccezione per il lavoro stagionale.  

È tuttavia possibile un quarto anno di contratto solo se stipulato presso la Direzione Territoriale del Lavoro. 


Resta la possibilità massima di cinque proroghe purché non si superi il limite di 3 anni. 


Ogni impresa non può avere più del 20 per cento di lavoratori a tempo determinato, salvo diverse indicazioni dei contratti collettivi (per le imprese fino a 5 dipendenti è ammesso averne solo uno a termine). Questo limite non vale per l’avvio di nuove attività, per le attività stagionali o di spettacolo, per la sostituzione di lavoratori assenti, per lavoratori oltre i 55 anni, per enti di ricerca e culturali. 


Solo in caso di violazione dei limiti quantitativi, a differenza degli altri casi, non è prevista la conversione in contratto a tempo indeterminato ma una sanzione economica per l’impresa pari al 20 per cento della retribuzione per un lavoratore a tempo determinato in eccesso e al 50 per cento delle retribuzioni se sono più di uno. 


Il trattamento economico e normativo è uguale a quello del dipendente a tempo indeterminato di pari livello e il lavoratore a termine che ha prestato attività lavorativa per un periodo superiore a sei mesi nella stessa azienda ha diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal datore di lavoro entro i successivi dodici mesi con riferimento alle mansioni già espletate. Un ulteriore diritto di precedenza è previsto per le lavoratrici che abbiano fruito del congedo di maternità durante precedenti contratti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza del lavoro

Laura Senesi Consulente Del Lavoro Asseveratore Retributivo E Contributivo - Roma (RM)

Laura Senesi Consulente del Lavoro Asseveratore Retributivo e Contributivo

Consulenti del Lavoro / Sviluppo e Lavoro

Via Tuscolana 1064/a

00174 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Cosa cambia nel nuovo modello 730

Disponibile dal 15 aprile, contiene diverse novità tra cui bonus e premi di produttività

Continua

JOBS ACT, variato il bonus assunzioni 2016

Variati i tempi di agevolazione da 36 a 24 mesi e lo sgravio da 8.060,00 euro a 3.250,00 euro ridotto al 40%

Continua

Contratti a progetto spariti

Coloro che erano inquadrati con contratto a progetto ora sono inquadrati con un contratto di lavoro a tempo indeterminato

Continua

Apprendistato dopo il Jobs Act

Modifiche del contratti di apprendistato

Continua

Il lavoro part-time con il Jobs Act

Jobs Act - Modifiche introdotte per i part-time

Continua

Demansionamento della qualifica dei lavoratori

Demansionamento per gli operai, gli impiegati e i dirigenti

Continua

Jobs Act - Abolizione dei contratti a progetto

Il Jobs act è decisamente il più corposo dei decreti che riscrive la disciplina di molti contratti di lavoro

Continua

Abolizione della Tasi per la prima casa

Finalmente abolita la Tasi sulla prima casa, eccetto ville, castelli e immobili di pregio artistico o storico

Continua