Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Il nuovo regime forfettario 2016

la legge di stabilità 2016 ha stabilito le nuove regole contabili e fiscali relative ai contribuenti minimi.

Il nuovo regime forfettario 2016 - la legge di stabilità 2016 ha stabilito le nuove regole contabili e fiscali relative ai contribuenti minimi.

Con la Legge 28/12/2015 n. 208 - cd. Legge Stabilità 2016 - art 1 - da comma 111 a comma 113, il Legislatore mettendo mano  al regime forfetario cerca di  renderlo maggiormente accattivante e più  somigliante al vecchio  regime dei minimi, essendo quello forfetario l’unico regime alternativo a quelli ordinari  e semplificati per le persone fisiche che a partire dal 01/01/2016 intendono avviare una nuova attività.

Requisiti d’accesso:
Possono accedere al regime forfetario le persone fisiche esercenti attività di d’impresa e lavoro autonomo che nell’anno precedente presentano i seguenti requisiti:

Ammontare ricavi e compensi percepiti ragguagliati ad anno, non superiori  ai limiti specifici dettati dalla norma, diversi a seconda del codice ATECO che contraddistingue l’attività esercitata. I limiti nella nuova versione variano tra i 25.000,00 e 50.000,00 euro. La verifica della soglia dei ricavi va effettuata con il criterio utilizzato per la determinazione del reddito cassa o competenza. Non rileva l’eventuale adeguamento agli studi di settore o ai parametri. Nel caso di esercizio contemporaneo di attività contraddistinte da differenti codici ATECO, si assume il limite più elevato dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività esercitate.

TAB. LIMITI RICAVI / COMPENSI E PERCENTUALE ABBATTIMENTO COSTI 

SETTORE                              Cod. ATECO 2007      Nuovi limiti ricavi    Coef. Abbatt. costi 

 

Ind. alimentari e delle bevande           (10 – 11)              45.000,00                     (100-40)=60% 

 

Comm. all’ingrosso e al dett. 45 – (da 46.2 a 46.9)           50.000,00                   (100-40) =60% 

                                                           (da 47.1 a 47.7) – 47.9 

 

Comm. ambul. aliment. e bev.               47.81              40.000,00                     (100-40)=60% 

Comm.ambul. altri prodotti              47.82 – 47.89        30.000,00                    (100-54)=46% 

 

Costruzioni e attività immobiliari   (41 – 42 – 43) – (68)  25.000,00                 (100-86)=24% 

 

Intermediari del commercio                      46.1            25.000,00                 (100-62)=38% 

 

Servizi di alloggio e di ristorazione        (55 – 56)          50.000,00                 (100-40)=60% 

 

Attività professionali, scientifiche,   (64 – 65 – 66) 

 

tecniche, sanitarie, di istruzione,      (69 – 70 – 71– 72 – 73 

 

servizi finanziari ed assicurativi    – 74 – 75) – (85) –(86  30.000,00                      (100-78)=22% 

 

   – 87 – 88) 

 

Altre attività                                          residuale                30.000,00                       (100-67) 33% 

Spese per l’impiego di lavoratori, a qualsiasi titolo, non superiori a euro 5.000 lordi annui. Tra le spese soggette al limite devono essere considerate oltre quelle sostenute per lavoratori dipendenti, collaboratori anche assunti secondo la modalità riconducibile a un progetto,  anche le somme erogate sotto forma di utili da partecipazione agli associati, e le spese per prestazioni di lavoro di cui all’articolo 60 del TUIR (ad esempio  compensi erogati al coniuge e ai familiari, anche se teoricamente indeducibili nel reddito d’impresa). Costo complessivo dei beni strumentali al 31.12, al lordo dell’ammortamento non superiore a euro 20.000,00. Ai fini del conteggio:
non rilevano i beni inferiori ad euro 516,46 ed i beni immobili;
per i beni in locazione finanziaria rileva il costo sostenuto dal concedente;
per i beni in locazione, noleggio e comodato rileva il valore normale dei medesimi determinato ai sensi dell’articolo 9 TUIR;
i beni, detenuti in regime di impresa o arte e professione, utilizzati promiscuamente per l’esercizio dell’impresa, dell’arte o professione e per l’uso personale o familiare del contribuente, concorrono nella misura del 50%;
non si tiene conto dell’IVA indetraibile assolta sull’acquisto;
non rilevano i beni immateriali come ad esempio l’avviamento

N.B  Il nuovo regime forfettario è un regime naturale: rispettandone i requisiti ci si entra in maniera automatica. Non sono previsti limiti di durata né vincoli legati all’età del contribuente con la conseguenza che lo stesso può essere applicato finché permangono i requisiti richiesti.

Soggetti già in attività :
Per i soggetti già in attività la condizioni di accesso dal 2016 vanno verificate nel 2015 e successivamente anno per anno.

Nell’ambito dei soggetti in attività una particolare attenzione va prestata a coloro che erano  nel corso del 2015  nel regime dei minimi. Il vecchio regime dei minimi a decorrere dall’1.1.2016 pur essendo stato  soppresso resta  in vigore fino alla relativa scadenza naturale, ossia al termine del quinquennio dall’inizio attività o al compimento del 35° anno di età, sia per coloro che già lo applicavano, sia per coloro che, avendone i requisiti, hanno iniziato l’attività entro la fine del 2015.

Cause di esclusione:
le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini dell’imposta sul valore aggiunto o di regimi forfetari di determinazione del reddito;
i soggetti non residenti, ad eccezione dei residenti in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni e che producono nel territorio dello Stato italiano redditi che costituiscono almeno il 75 per cento del reddito complessivamente prodotto;
i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili o di mezzi di trasporto nuovi di cui all’articolo 53, comma 1, del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427;
gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone o associazioni di cui all’articolo 5 del TUIR, ovvero a società a SRL trasparenti di cui all’articolo 116.;

N.B : non costituisce causa ostativa all’accesso al regime il possesso di una partecipazione in società di capitali non trasparente

Attenzione:  alle cause di esclusione se ne aggiunge una nuova contraddistinta dalla lettera d-bis, che preclude l’accesso al regime forfetario ai contribuenti che nell’anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente / assimilato ex artt. 49 e 50, TUIR (compreso il reddito da pensione) eccedenti euro 30.000,00. Il rispetto di tale limite non rileva laddove il rapporto di lavoro dipendente o assimilato risulti cessato.

Nuove iniziative:
Viene prevista la riduzione del carico fiscale per le nuove iniziative gestite in regime forfetario: 
per i primi  5 anni è prevista la tassazione  del 5% . Tale beneficio si rende applicabile anche a coloro che hanno iniziato l’attività nel 2015 adottando il regime forfettario, nel senso che potranno beneficiare della riduzione da tassazione per i restanti 4 anni, fino quindi a tutto il periodo d’imposta 2019.

Le condizioni per applicare la riduzione sono gli stessi di quelli stabiliti per il regime dei minimi:
il contribuente non deve aver svolto nei tre anni precedenti l’inizio dell’attività, né attività d’impresa né attività professionale, nemmeno in forma associata o familiare; non rileva l’attività d’impresa o di lavoro autonomo svolta in qualità di collaboratore dell’impresa familiare.la nuova attività non deve costituire mera prosecuzione di altra attività svolta in precedenza sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, ad esclusione del caso in cui tale attività precedente fosse quella di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di una professione;qualora l’attività sia il proseguimento di un’attività esercitata da un altro soggetto, l’ammontare dei ricavi o compensi del periodo d’imposta precedente non sia superiore ai limiti di ricavi o compensi previsti per il regime forfetario.

Il regime previdenziale
E’ stata prevista una agevolazione contributiva, su opzione, per i soggetti che aderiscono al regime forfetario:  il reddito forfetario costituisce base imponibile ai fini previdenziali ma la contribuzione è ridotta del 35% rispetto a quella applicata in base all’attività svolta.
Rimangono inalterate le ulteriori previsioni che accompagnano tale regime contributivo opzionale,
vale a dire:
l’accredito dei contributi proporzionale al versamento, in termini di copertura di mesi maturati ai fini dell’anzianità contributival’impossibilità di far valere le ulteriori riduzioni, quali quella per i collaboratori familiari di età non superiore a 21 anni e quella della riduzione al 50% del soggetto con età superiore a 65% che abbia già maturato una pensione.

La norma continua a far riferimento alle “imprese”, quindi la riduzione pare non possa interessare né i professionisti assoggettati a gestione separata né tantomeno i contributi versati alle altre casse previdenziali.

Le semplificazioni del regime forfettario:
Di seguito riepiloghiamo  le semplificazioni a cui dà diritto il regime forfettario :

non assoggettamento ad IVA delle operazioni attive ed indetraibilità dell’IVA sugli acquisti; esonero dalle liquidazioni  periodiche IVA, dalla dichiarazione annuale, dalla comunicazione clienti e fornitori e black-list; esonero dalla tenuta delle scritture contabili, sia ai fini IVA che del reddito; non assoggettamento a ritenuta alla fonte dei ricavi / compensi; non assunzione della qualifica di sostituto d’imposta; il soggetto forfetario non opera ritenute alla fonte; esclusione dall’IRAP; esclusione dall’applicazione degli studi di settore e dai parametri; determinazione del reddito in via forfetaria attraverso l’applicazione di un coefficiente di redditività ai ricavi e/o  compensi percepiti, con conseguente irrilevanza dei costi ; applicazione al reddito conseguito di un’imposta sostitutiva del 15% (ridotta al 5% per i primi 5 anni di attività), da liquidare con le consuete modalità dell’IRPEF.introduzione dal 2016, limitatamente alle imprese, sono esclusi i lavoratori autonomi e professionisti, di un regime agevolato opzionale ai fini previdenziali che prevede la contribuzione ridotta del 35%;

Ovviamente lo Studio è a disposizione per approfondimenti o chiarimenti sull’argomento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Sed Studio Commercialisti Associati - Seveso (MB)

SED Studio Commercialisti Associati

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Antonio Monti, 15

20030 - Seveso (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Assegnazione dei beni ai soci … con trabocchetto

L'assegnazione dei beni ai soci di Società non è soggetta solo all'imposta sostitutiva, bensì anche all'imposta di registro, all'IVA e ad IRPEF

Continua

Cassa Mutua Sanitaria, opportunità per le aziende

In un momento come l'attuale dove il sistema sanitario è sempre più a carico del cittadino, è opportuno valutare se sottoscrivere una polizza Mutua

Continua

Novità Autovetture dalla Legge di Stabilità 2016

La Legge di Stabilità 2016 offre la possibilità di ammortizzare al 140% gli investimenti effettuati nel periodo tra il 15/10/2015 e il 31/12/2016.

Continua

Niente ricevuta fiscale nell'e-commerce

Gli operatori B2C per servizi di TLC, teleradiodiffusione e di e-commerce, sono dispensati dall'obbligo di emissione di scontrini e ricevute fiscali.

Continua

Sanatoria bolli auto – Regione Lombardia

Con la Legge Regionale n. 20/2015, la Regione Lombardia da modo agli automobilisti morosi di pagare il bollo auto senza maggiorazioni

Continua

Per i minimi si ritorna (in parte) al vecchio

Dal 1 gennaio 2016 tutti i contribuenti minimi saranno assoggettati alla nuova normativa

Continua

Dal 2016 in vigore il nuovo bilancio abbreviato

Dal prossimo anno entrerà in vigore la riforma del bilancio d'esercizio compreso quello in forma abbreviata. Non facciamoci trovare impreparati

Continua

Il bilancio super-semplificato, un`analisi

La Direttiva 2013/34/UE recepita dal D.Lgs 139/2015, ha introdotto un nuovo schema di bilancio notevolmente più semplificato rispetto ai precedenti

Continua

Il bilancio super-semplificato delle micro s.r.l.

Dal 2016 le micro-imprese potranno redigere il bilancio da depositare al Registro delle Imprese in forma super-semplificata

Continua

L’importanza (a volte) di essere aulici

Essere aulici aiuta il lessico e la psiche. E' salutare anche per il corpo

Continua

Cassazione – ordinanza 10/07/2015, n. 14501

La mancata redazione dell’inventario di fine anno delle rimanenze di magazzino giustifica l’accertamento induttivo da parte dell’Agenzia delle Entrate

Continua

Il Governo con una mano dà, con le altre due prende

Ridurre le imposte di 50 miliardi e mantenere gli impegni con l'Europa: una sfida per il governo Renzi. Mentre la disoccupazione non diminuisce

Continua

In Italia non diminuisce il costo del lavoro

Molti paesi europei hanno attuato politiche per il rilancio dell'economia. Non così in Italia

Continua

Risposta a quei petulanti economisti di sinistra

La Scolastica, con i suoi quattro pilastri, è strettamente attuale. Quasi 800 anni fa S. Tommaso d'Aquino ha enunciato l'attuale teoria economica

Continua

IVA sui beni significativi: la miopia dell’Agenzia

Il rilancio dell'artigianato passa anche dalla normativa tributaria

Continua

È lecito il rilascio di assegni post-datati?

L'emissione di un assegno post-datato è di per sé illecita, ma può essere regolarizzata.

Continua

Creditori insoddisfatti alla cessazione d`azienda

Se al termine della procedura di liquidazione dell'azienda, rimangono dei debiti, chi li paga? Si può procedere alla cancellazione presso la CCIAA?

Continua

I voucher: cosa sono, chi e come si utilizzano

Le prestazioni accessorie svolte da pensionati, studenti, disoccupati, extra-comunitari e altri possono essere retribuite con i "voucher"

Continua

Le prestazioni occasionali: distinguo da operare

Esiste una netta distinzione tra "prestazioni occasionali di lavoro autonomo" e le "collaborazioni occasionali"

Continua