Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza aziendale

Riqualificazione del Rating

Rating: implicazioni e vantaggi, perchè, come

Riqualificazione del Rating - Rating: implicazioni e vantaggi, perchè, come

Rating = giudizio espresso da una banca sulla probabilità che un’impresa sia solvibile, in grado di restituire il denaro preso in prestito. Migliore è il “punteggio” assegnato, maggiore sono le possibilità che l’impresa acceda al finanziamento ed ottenga condizioni di maggior favore, pagando tassi di interesse inferiori. Considerate le difficoltà ad accedere al credito ed i costi che si devono sostenere, è vitale capire quali sono i fattori che determinano il rating e cercare di migliorarli. Migliorare il rating aziendale significa: accedere alle fonti di finanziamento delle banche, pagare costi meno elevati in termini di tassi di interesse.
Come si calcola. In conformità agli accordi di Basilea, le banche devono calcolare per ogni impresa la probabilità che diventi insolvente. Sulla base di questo calcolo probabilistico, la banca attribuisce un rating, una valutazione necessaria ai fini della concessione del credito, che indica alla banca: se l’impresa è meritevole e può avere accesso al credito, l’importo che può essere finanziato, a quale costo concedere il finanziamento, vale a dire i tassi di interesse. Non esiste un sistema di valutazione unico; il rating potrebbe variare (e non di poco) in funzione dell’istituto di credito. I fattori che sono analizzati sono però uguali per tutte le banche. Conoscere questi fattori può aiutare l’azienda a capire quali correzioni apportare, quali attività intraprendere per finanziare le attività e pagare tassi di interesse meno onerosi. Il giudizio è espresso sulla base di tre aspetti diversi: aspetti qualitativi, aspetti quantitativi, aspetti sull’andamento. 

Aspetti qualitativi. Riguardano le strategie, i piani e le azioni intraprese dall'azienda. La banca ha il compito di valutare la capacità dell’azienda di adottare strategie e mettere in atto piani di azioni efficaci, considerando: il settore merceologico di appartenenza, la storia dell’azienda e i cambiamenti più o meno recent, capacità di operare un controllo di gestione e di pianificazione a medio – lungo termine.
La banca pone attenzione, in particolare, se l’azienda esaminata sta vivendo una situazione di difficoltà legata al proprio settore, se è a conduzione familiare in caso di passaggio generazionale oppure se attraversa una situazione di carattere “straordinario” come una ristrutturazione o una diversificazione. Come intervenire? Occorre: organizzare l’attività strategicamente anche attraverso il business plan, operare il Controllo di Gestione, fare un’attenta azione di pianificazione e controllo finanziario/fiscale.
Aspetti quantitativi. Gli aspetti quantitativi riguardano i bilanci ed i principali indici di equilibrio. Gli indicatori principalmente analizzati dalle banche nel formulare il giudizio sul grado di solvibilità aziendale: l‘indice di capitalizzazione, che esprime il rapporto tra le risorse finanziarie proprie e quelle ricevute dalle banche; il costo degli interessi bancari o, meglio ancora, il rapporto che esiste tra l'incidenza di questi ed i margini operativi. Se i tassi di interesse sono elevati, occorre capirne la reale motivazione e rinegoziare le condizioni creditizie; l’equilibrio tra debiti a breve e debiti a medio – lungo termine. Da un punto di vista finanziario, l’azienda è in equilibrio quando le fonti durevoli di capitale coprono integralmente gli immobilizzi con ulteriore margine. In alcuni casi i debiti a medio – lungo termine sono preferibili rispetto ai fidi a breve perché non possono essere revocati (o comunque risultano più “stabili”) e sono generalmente più convenienti rispetto a quelli a breve. 

Rimanenze e crediti commerciali: sono due voci che meritano un approfondimento. In genere le banche valutano in modo negativo un aumento di crediti commerciali (a parità di fatturato) perché questo significa un allungamento dei tempi di incasso dai clienti. Per evitare l’innescarsi di fenomeni che possano generare crisi di liquidità, è sempre opportuno valutare la convenienza a concedere sconti a fronte di tempi di pagamento brevi, mantenere basso il livello di scorte e assicurare i crediti commerciali (con determinati presupposti). 


Aspetti che riguardano l’andamento. Si concentra l’attenzione sulle movimentazione dei conti, l’effettivo utilizzo dei prestiti, eventuali insoluti, scoperti o segnalazione in Centrale Rischi. Cosa fare per migliorare l’andamento dell’azienda? Applicare le 5 regole d’oro per avere un rating positivo...

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza aziendale

Tutor Consulting Di Stella Roberto - Bellaria-Igea Marina (RN)

Tutor Consulting Di Stella Roberto

Consulenti aziendali / Organizzazione e Programmazione d`Impresa

Via E. Mauro 22 A

47814 - Bellaria-Igea Marina (RN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La mia professione

Consulente Aziendale, Controllo di Gestione, Controller, il mestiere della crisi...perché?

Continua

Il Prezzo - Parte seconda

Importanza delle politiche di prezzo, approcci, domanda, analisi dei costi, profitto, valore per il Cliente, concorrenza

Continua

Il prezzo - Parte prima

Importanza delle politiche di prezzo, approcci, domanda, analisi dei costi, profitto, valore per il Cliente, concorrenza

Continua

Tutela rapporti con le banche - Parte seconda

Ecco le azioni a tutela in caso di possibili `conflitti` con la propria banca

Continua

Tutela rapporti con le banche - Parte prima

La banca ha addebitato somme su interessi non dovuti? Probabilmente hai subito un caso di Anatocismo o Usura Bancaria

Continua

Analisi dei costi per il successo aziendale

Un corretto inquadramento dei costi aziendali è di fondamentale importanza per poter avviare un qualunque sistema per il controllo di gestione soprattutto in periodi di crisi

Continua

Break Even Analisys

Perché effettuarla, come farla, benefici; comportamento dei costi a seconda della natura e degli scenari, andamento aziendale, conoscenza e governo

Continua

Check - up economico, finanziario e patrimoniale

Cos'è il Check Up, perchè, modularità, vantaggi

Continua