Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Ristrutturazione: edifici crollati o demoliti

Rassegna della giurisprudenza sull'art. 3, d.p.r. 380/2001 così come modificato dal c.d. Decreto del Fare.

Ristrutturazione: edifici crollati o demoliti - Rassegna della giurisprudenza sull'art. 3, d.p.r. 380/2001 così come modificato dal c.d. Decreto del Fare.

Con il cd. “Decreto del Fare” n. 69/2013 la fattispecie della “ristrutturazione” si è notevolmente ampliata, limitando l'obbligo del rispetto della sagoma ai soli immobili vincolati ed introducendo la possibilità di ristrutturazione degli edifici crollati o demoliti. 

 

La ristrutturazione edilizia può quindi riguardare anche “gli edifici, o parti di essi, eventualmente crollati” o “demoliti” che potranno essere ricostruiti, fermo il requisito della volumetria preesistentepurché sia possibile accertarne la preesistente consistenza”.  

 

Il novellato art. 3 quindi non prevede affatto la permanenza in loco di un edificio affinché possa essere ristrutturato, ammettendo viceversa la facoltà di ricostruire edifici ancorché già (in passato) demoliti o crollati, senza imporre la contemporaneità tra detta attività demolitoria e la ricostruzione. 

 

La giurisprudenza ha avuto modo di esprimersi in merito con alcune interessanti pronunce

 

Innanzitutto è stato statuito che l'accertamento della preesistente consistenza “dovrà essere effettuato con il massimo rigore e dovrà necessariamente fondarsi su dati certi ed obiettivi, quali documentazione fotografica, cartografie etc., in base ai quali sia inequivocabilmente individuabile la consistenza del manufatto preesistente” (cfr. Sez. 3, n. 5912 del 22/01/2014, Moretti e altri, Rv. 258597; Sez. 3 n. 26713 del 25/06/2015)” (Corte di Cassazione, Sez. III penale, 11.11.2015 n. 45147). 

 

Non è quindi sufficiente che si dimostri che un immobile sia esistito e che attualmente risulti crollato per poter accedere alla sua ricostruzione come <ristrutturazione edilizia>, ma è necessario che in concreto si dimostri non solo il profilo dell’an (che un certo immobile attualmente crollato è esistito) ma anche quello del quantum (che cioè si dimostri l’esatta consistenza dell’immobile preesistente del quale si richiede la ricostruzione) (cfr. Tar Toscana, sez. III, n. 567/2014; Tar Sicilia, n. 3273/2014). 

 

In altre parole anche i Tar confermano la possibilità di ricostruire un fabbricato demolito o crollato precisando che "dimostrare la <preesistente consistenza> vuol dire dare contezza della destinazione d'uso e dell'ingombro planivolumetrico complessivo del fabbricato crollato, profilo quest'ultimo che richiede certezza in punto di murature perimetrali e di strutture orizzontali di copertura, ai fini del calcolo del volume preesistente occupato dal fabbricato crollato". 

 

Si segnala da ultimo la recente ordinanza cautelare del Tar Lombardia, sez. di Brescia, n. 2082/2015 del 11.11.2015 che pare limitare l'utilizzo di detta norma, posto che afferma come non vi sarebbe motivo di discostarsi, neppure alla luce della novella del 2013, dal principio secondo cui “tra la demolizione dell’edificio e la istanza del titolo edilizio tesa alla sua ricostruzione (o dichiarazione tesa alla sua formazione) occorre sussista una continuità anche temporale tale da non interrompere la ontologica continuità che caratterizza l’intervento di cui si tratta”: se, dunque, la nuova formulazione della norma può aver ammesso che vi sia una scissione temporale tra la demolizione e la ricostruzione, non può, invece, ammettersi che la ricostruzione possa avvenire dopo che sul sedime dell’edificio abbattuto siano state realizzate altre e diverse opere, legittime o... abusive”.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale - Bergamo (BG)

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale

Avvocati / Civile

Via Jacopo Palma Il Vecchio 45

24122 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Precetto: mancato avviso di composizione crisi

Precetto valido: commento a Tribunale di Milano, n. 4347/2016

Continua

Convivente more uxorio: opposizione dell`archiviazione

Il convivente more uxorio può presentare opposizione nel caso in cui la persona offesa sia deceduta in conseguenza del reato

Continua

Immobile assegnato al coniuge

Quale tutela per il terzo acquirente di immobile assegnato al coniuge non proprietario ma affidatario dei figli minori?

Continua

Stepchild adoption a due papà

L`istituto è di fatto già esistente nel nostro ordinamento. Sentenza storica del Tribunale per i Minorenni di Roma

Continua

Minori: omessa corresponsione mezzi sostentamento

Lettura critica del delitto: è necessario un inadempimento serio e sufficientemente protratto a prescindere da un provvedimento del giudice civile

Continua

Direttiva 2014/17/UE

Con l`attuazione della Direttiva 2014/17/UE, l`abrogazione del divieto di patto commissorio?

Continua

Incostituzionale la legge pinto

La Consulta boccia il termine per il procedimento volto all’equo indennizzo determinato da irragionevole durata del processo

Continua

Identità genere: cambio di sesso senza operazione

La Suprema Corte interviene sulla necessità o meno dell’intervento chirurgico quale presupposto per la rettifica anagrafica del sesso

Continua

Consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto

Azione revocatoria: la prescrizione è interrotta dalla consegna all’ufficiale giudiziario dell’atto, indipendentemente dalla ricezione

Continua

Opposizione a D.I.: a chi spetta la mediazione

Spetta all`opponente, a pena di improcedibilità, esperire il tentativo di mediazione obbligatoria

Continua

Gestione dei rifiuti: natura del FIR

Brevi precisazioni in merito alla sentenza della Corte di Cassazione N. 43613 del 29/10/2015 sulla distinzione tra il FIR e il certificato di analisi dei rifiuti

Continua

La compensazione delle spese di lite

Come la compensazione delle spese premierebbe la contumacia dei debitori di crediti “irrisori” – Quali diritti per chi agisce?

Continua

SCIA: luci e ombre anche dopo la riforma della PA

Lettura critica della segnalazione certificata di inizio attività

Continua