Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto immobiliare

Beneficio prima casa

Le agevolazioni operano interamente anche quando i coniugi non abbiano entrambi la residenza nell’abitazione acquistata

Beneficio prima casa - Le agevolazioni operano interamente anche quando i coniugi non abbiano entrambi la residenza nell’abitazione acquistata

La Corte di Cassazione ha recentemente mutato orientamento in un particolare aspetto della disciplina della c.d. “prima casa”, e lo ha fatto pronunciando una sentenza in favore dei contribuenti con riguardo al requisito della residenza. Nel recente passato l’Agenzia delle Entrate sosteneva la revocabilità pro quota del beneficio relativamente all'acquisto di un'abitazione, se entrambi i coniugi non provvedevano al tempestivo trasferimento della residenza nel Comune dell'abitazione acquistata.

Oggi la Corte Suprema riconosce la sufficienza della residenza di un solo coniuge "in regime di comunione legale" al momento dell'acquisto, e riconosce l'agevolazione integrale, e non soltanto pro quota, a favore del suddetto.

Afferma la Corte di Cassazione (Sez. Sez. V, Sent., 23-12-2015, n. 25892) che il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui, ove l'immobile acquistato venga adibito a residenza della famiglia, non rileva la diversa residenza del coniuge di chi ha acquistato in regime di comunione; i coniugi non sono tenuti ad una comune residenza anagrafica, ma reciprocamente alla coabitazione. L’art. 144 c.c., secondo il quale i coniugi fissano la residenza della famiglia secondo le esigenze di entrambi e quelle preminenti della famiglia stessa, mentre da una parte riconosce che i coniugi possano avere delle esigenze diverse ai fini della residenza individuale, dall'altra tende a privilegiare le esigenze della famiglia, quale soggetto autonomo rispetto ai coniugi.

Su tali premesse anche la norma tributaria va letta ed applicata nel senso che è prevalente l'interesse della famiglia rispetto a quello dei singoli coniugi, per cui il metro di valutazione dei requisiti per ottenere il beneficio deve essere diverso in considerazione della presenza della famiglia.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto immobiliare

Avv. Raffaele Specchi - Siracusa (SR)

Avv. Raffaele Specchi

Avvocati / Civile

Corso Gelone 83

96100 - Siracusa (SR)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Condominio: il riparto dei costi previsto dalla legge è inderogabile

E` nulla la delibera dell`assemblea che modifica il criterio legale di ripartizione delle spese previsto dal codice civile anche se si raggiunge l`unanimità

Continua

Risarcimento dei danni causati ante alienazione

A chi spetta il risarcimento del danno verificatosi prima della alienazione dell’immobile? Il diritto di credito non segue l’immobile...

Continua

Il comodato in favore del nucleo familiare

Viene impresso un vincolo di destinazione alle esigenze abitative familiari incompatibile con la provvisorietà che caratterizza il comodato precario

Continua

Art. 1132 - Riparto spese giudiziarie nel condominio

Quando il condomino può esprimere il proprio dissenso alle liti. Come ripartire le spese delle controversie giudiziarie

Continua