Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Terapia del Dolore

Uso terapeutico dei Cannabinoidi: cosa c'è da sapere

Numerose ricerche scientifiche hanno evidenziato i molteplici effetti terapeutici. Molte sono le patologie individuate che possono giovarsi di tali sostanze

Uso terapeutico dei Cannabinoidi: cosa c'è da sapere - Numerose ricerche scientifiche hanno evidenziato i molteplici effetti terapeutici. Molte sono le patologie individuate che possono giovarsi di tali sostanze

I cannabinoidi sono sostanze presenti nella Cannabis sativa. Il capostipite è il Tetraidrocanninolo.Tutti i cannabinoidi agiscono attraverso recettori presenti nel sistema nervoso centrale e in periferia. Da alcuni anni sono state portate a termine numerose ricerche scientifiche, che hanno messo in luce l’elevato potere terapeutico dei cannabinoidi in molte patologie. Tra le principali azioni si ricorda l’azione analgesica, il rilassamento muscolare, un’azione antiepilettica, abbassamento della pressione oculare, prevenzione e trattamento del vomito (particolarmente utile per i pazienti in trattamento chemioterapico), la stimolazione dell’appetito e un’azione immunomodulatrice, che riduce la risposta infiammatoria. Per queste ragioni recentemente anche in Italia è stata autorizzata l’impiego terapeutico dei cannabinoidi. 

  

Le patologie che possono giovarsi dell’uso dei cannabinoidi sono molte e vanno dalla Sclerosi Multipla alla Fibromialgia e più in generale a patologie dolorose, resistenti al trattamento con gli analgesici maggiori. Il miglioramento clinico dei pazienti fibromialgici è oramai ampiamente documentato e sembra essere legato oltre che all’effetto analgesico diretto, anche dall’azione rilassante sulla muscolatura e da quella antinfiammatoria. Nei pazienti che sono già in trattamento con farmaci oppioidi (Morfina e derivati sintetici) e che avrebbero bisogno di incrementare il dosaggio perché il dolore non è coperto, ma che non possono per via degli effetti collaterali, occorre considerare che basse dosi di cannabinoidi potenziano l’azione analgesica degli oppioidi, diminuendo i fastidiosi effetti collaterali di quest’ultimi, quali la nausea e il vomito, la perdita dell’appetito e la stitichezza. 

  

I prodotti attualmente in commercio in Italia includono formulazione che possono essere assunte per via inalatoria, attraverso specifici macchinari che evitano la combustione e quindi l’effetto cancerogeno, o per via orale in forma di tisane o gocce di olio essenziale. La via inalatoria garantisce un’azione più rapida, ma più breve, mentre l’assunzione orale causa un inizio più lento, ma più duraturo nel tempo. L’assunzione tramite “spinello” non è raccomandata, sia per gli effetti cancerogeni e la concomitante inalazione di nicotina, che per il fatto che buona parte del principio attivo viene perso con la combustione. In caso di assunzione di cannabinoidi occorre sapere che l’uso concomitante di bevande alcoliche aumenta notevolmente gli effetti psichici e che i comuni farmaci antinfiammatori, riducendo la velocità di eliminazione dei cannabinoidi, ne aumentano l’effetto. 

  

Il fatto che non siano presenti recettori per i cannabinoidi nel Tronco Encefalico, dove sono presenti i centri di controllo della respirazione e delle principali attività vitali, rende questi farmaci molto sicuri. Tuttavia bisogna sottolineare il fatto che, come tutti i farmaci, presentano effetti collaterali non da sottovalutare, quali una ridotta capacità di attenzione, una riduzione della memoria, effetti psichici che possono portare nel tempo a disturbi d’ansia e soprattutto dipendenza. 

  

Attualmente i cannabinoidi sono prescrivibili a carico del Sistema Sanitario Nazionale solo se il trattamento inizia in ambito ospedaliero. In tutti gli altri casi sono completamente a pagamento, il che rischia di limitarne l’impiego, in quanto i costi non sono irrilevanti. Qualsiasi medico può prescrivere cannabinoidi, tramite ricettario bianco, tuttavia è preferibile che sia un medico specialista nella Terapia del Dolore a seguire il paziente nel percorso terapeutico, in quanto più esperto nella gestione e nell’applicazione delle principali tecniche analgesiche.  

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Terapia del Dolore

Dr. Michele Naclerio - Milano (MI)

Dr. Michele Naclerio

Medici legali / Medicina del Dolore (Terapia del Dolore)

Via G.b. Grassi 74 C/o A.o. Ospedale L. Sacco

20100 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il mal di schiena: perché e come trattarlo

È una tra le patologie più comuni nei paesi occidentali e spesso ha come causa delle alterazioni della colonna vertebrale che non devono essere trascurate

Continua

Radiofrequanza e Crioanalgesia: indicazioni e tecnica

Se correttamente impiegate, in alcuni tipi di patologie possono portare una riduzione significativa del dolore per un periodo variabile da tre a sei mesi

Continua

I Cannabinoidi: indicazioni e uso terapeutico

I farmaci cannabinoidi costituiscono una risorsa importante nell'ambito della Terapia del Dolore. Recentemente in Italia è stato approvato il loro uso terapeutico

Continua

Il dolore postoperatorio cronico

Un trattamento mirato può risolvere il problema o comunque portare a una riduzione significativa del dolore

Continua

Dolore postoperatorio persistente

E’ un evento molto più comune di quanto si possa pensare. Una diagnosi precoce evita inutili sofferenze

Continua

Il Dolore Pelvico Cronico

Il Dolore Pelvico Cronico richiede un approccio multispecialistico. La Terapia del Dolore prevede l’impiego di più farmaci, tra i quali i Cannabinoidi

Continua

Nevralgia Occipitale o Nevralgia di Arnold

La Nevralgia occipitale è una patologia rara, sebbene non rarissima, dovuta a un’irritazione del nervo occipitale (nervo di Arnold). Il trattamento può essere medico o chirurgico

Continua

La Neuropatia Diabetica

Il trattamento della Neuropatia Diabetica è complesso e richiede un approccio polispecialistico. Una corretta Terapia del Dolore può migliorare la qualità di vita dei pazienti

Continua

Nevralgia Posterpetica: perché alcuni pazienti guariscono e altri no?

I pazienti sottoposti agli stessi trattamenti spesso hanno risultati clinici differenti: non sempre viene attuata una strategia terapeutica razionale

Continua

La disfunzione delle articolazioni sacro-iliache

Le alterazioni del bacino sono una causa frequente di lombalgia acuta persistente

Continua

La Mesoterapia non serve solo a dimagrire

La Mesoterapia è un valido strumento terapeutico per molti tipi di dolore, soprattutto di natura muscoloscheletrica

Continua

Che cosa è la Terapia del Dolore

Il dolore da sintomo può diventare in alcuni casi malattia. Combatterlo significa rifiutare il dolore inutile

Continua

Herpes Zoster: perché non sottovalutarlo

L'Herpes Zoster, o Fuoco di Sant'Antonio, in alcuni casi può essere responsabile della Nevralgia Posterpetica. Un trattamento tempestivo e mirato è sempre opportuno

Continua