Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto dell`informatica

Corte Strasburgo, Jobs Act, controlli a distanza

L'azienda può licenziare il proprio dipendente sulla base dei controlli effettuati sugli strumenti utilizzati per lavorare (mail, messenger).

Corte Strasburgo, Jobs Act, controlli a distanza - L'azienda può licenziare il proprio dipendente sulla base dei controlli effettuati sugli strumenti utilizzati per lavorare (mail, messenger).

La Corte di Strasburgo conferma il Jobs Act in tema di controlli a distanza e licenziamento. 

La sentenza n. 61496/08 emessa dalla Corte dei diritti umani il 12 gennaio 2016 conferma che un datore di lavoro può licenziare il proprio dipendente a seguito di controlli –a distanza– effettuati sugli strumenti utilizzati dal lavoratore. 

Con la riforma del Jobs Act il datore di lavoro può installare, previo accordo sindacale, strumenti di controllo a distanza, in presenza di esigenze organizzative e produttive, di sicurezza del lavoro e di tutela del patrimonio aziendale, con esclusione di quegli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione  lavorativa, per i quali il datore non riscontra alcuna limitazione. Le informazioni così raccolte sono utilizzabili a tutti i fini connessi al rapporto di lavoro a condizione che sia data al lavoratore adeguata informazione delle modalità d'uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli e nel rispetto di quanto disposto dal D.lgs 196/2003

La vicenda. 

Dietro invito della propria azienda (rumena) i dipendenti utilizzavano Yahoo Messanger per rispondere ai clienti. A seguito di un periodo di monitoraggio sulle comunicazioni l’azienda riscontrava che un proprio dipendente aveva utilizzato il Messenger per scopi personali. Sulla base di tali riscontri l’azienda licenziava il dipendente il quale agiva in giudizio. 

Il lavoratore ha contestato il licenziamento sostenendo che il datore non aveva il diritto di monitorare le proprie conversazioni che avevano carattere personale: l’azienda aveva violato i propri diritti personali sia sotto il profilo della Carta costituzionale che del codice penale rumeni, ma anche sotto il profilo dell’art. 8 della Convenzione Europea dei diritti umani. 

Va precisato anche che il dipendente sebbene non abbia spiegato durante il giudizio le ragioni per cui aveva utilizzato Yahoo Messenger per scopi personali, aveva comunque dimostrato che l’account monitorato era quello personale e non quello aziendale (con un ID differente). 

La Corte di Strasburgo, nel rigettare il ricorso del lavoratore ha stabilito che: 

1) esistevano policy aziendali conosciute dal dipendente e che questi aveva violato; 

2) il controllo dei messaggi di comunicazione era l’unico modo per il datore di poter verificare che i propri dipendenti svolgessero correttamente le proprie mansioni; 

3) soltanto a mezzo di un adeguato monitoraggio il datore può evitare sia che attraverso l’utilizzo di internet il dipendente possa produrre danni all’azienda e al sistema IT aziendale, sia che addirittura un lavoratore scientemente svolga attività illecita e dannosa contro l’azienda medesima. 

Nel proprio ragionamento la Corte ha anche tenuto conto che pur se era vero che l’azienda aveva controllato l’account personale (e non quello aziendale) del dipendente, comunque lo aveva fatto nella convinzione che questi stesse utilizzando quello strumento per svolgere le proprie mansioni, visto che era stata la stessa impresa a consigliarne l’utilizzo. I giudici di Strasburgo hanno anche avuto modo di sottolineare che l’azienda si era limitata a controllare le comunicazioni sul Yahoo Messenger, ma non gli altri dati e documenti eventualmente memorizzati sul computer del dipendente 

Su tali presupposti la Corte hanno ritenuto del tutto ragionevole e giustificato che il datore di lavoro ponga in essere un’attività di controllo volta a verificare che i dipendenti stiano svolgendo correttamente il proprio lavoro

Perché ha vinto l’azienda? 

Dalla vicenda si possono sottolineare alcuni fondamentali elementi: 

1)                 L’azienda aveva delle policy comunicate a tutti i propri dipendenti; 

2)                 L’azienda ha utilizzato i controlli a distanza in modo circoscritto e proporzionato; 

3)              L’attività di controllo dell’azienda deve tener conto delle molteplici minacce che provengono da internet. 

Conclusioni. 

Sicuramente l’atteggiamento dei Tribunali (anche nostrani) a seguito dell’adozione di normative quali il Jobs Act permettono ai datori di lavoro di avere maggiore libertà in tema di controllo dei dipendenti. Ma è fondamentale sottolineare che questo sarà possibile sempre, solo e soltanto quando l’impresa si mette in condizioni strutturali ed imprenditoriali tali da rendere il controllo giustificato, circoscritto e proporzionato.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto dell`informatica

Studio Legale Avv. Emiliano Vitelli - Latina (LT)

Studio Legale Avv. Emiliano Vitelli

Avvocati / Penale

Viale Pablo Picasso 30

04100 - Latina (LT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Luci ed ombre del Privacy Shield

Dichiarato invalido Safe Harbor per il trattamento dei dati personali UE ed USA concordano sui principi di un nuovo Accordo: il Privacy Shield

Continua

Industria 4.0 e cyber security aziendale

Il patrimonio informativo aziendale si comincia a difenderlo dall’interno: educazione, formazione, difesa

Continua

Il nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy

Il 15 dicembre 201 c'è stato l'accordo in UE sul nuovo Regolamento della Privacy che avrà grande impatto sia per le persone che per le aziende

Continua

Man in the mail. Come tutelare l'impresa

Adottare le corrette policy, significa responsabilità e responsabilizzazione dei propri dipendenti, ma soprattutto difendere e far crescere l'impresa

Continua

Il subappalto responsabile esterno trattatamento

Quali gli obblighi per il titolare del trattamento e quali quelli del responsabile nell'ambito del subappalto? I provvedimenti del Garante Privacy

Continua

La Corte Europea sul concetto di stabilimento

La normativa di uno Stato membro sui dati personali può essere applicata a una Società straniera che svolge,in tale Stato, un’attività stabile

Continua

Il non disclosure agreement: scambio di informazioni

Per sviluppare il business è necessario condividere informazioni in tutta sicurezza. Diventa fondamentale redigere accordi di non diffusione

Continua

Sicurezza e smaltimento dei RAEE

Lo smaltimento dei rifiuti elettrici ed elettronici non è più soltanto una questione ambientale ma anche e un problema di gestione di dati

Continua

OCSE: sicurezza digitale e sviluppo economico

L'OCSE ha appena emanato una nuova raccomandazione:“La gestione del rischio nella sicurezza digitale per una prosperità economica e sociale”

Continua

Le imprese dopo l'illegittimità del Safe Harbor

La Corte di Giustizia Europea ha invalidato l'accordo Safe Harbor tra UE e USA ritenendo gli Stati Uniti non sicuri per la tutela della privacy

Continua

Le imprese eccellenti sono ancora poco digitali

Rapporto del MISE su PMI innovative eccellenti: l'innovazione salva dalla difficile congiuntura economica, ma sul digitale c'è ancora da fare.

Continua