Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Diritto all'oblio e diffusione dati via web

Prima sentenza italiana di merito in tema di tutela dei dati personali via web

Diritto all'oblio e diffusione dati via web - Prima sentenza italiana  di merito in tema di tutela dei dati personali via web

Il Tribunale di Roma , con la sentenza n. 23771 del 3 dicembre 2015, ha formalizzato per la prima volta in Italia il c.d. diritto all’oblio,  quale espressione del diritto alla privacy nei dati e vicende personali diffusi via web . 

La sentenza romana ha applicato i principi stabiliti con la decisione del 13 maggio 2015 dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea  nella vicenda promossa contro Google Spain, ove è stato riconosciuto il c.d. diritto all’oblio, stabilendo però che si debba verificare se l’interessato abbia diritto a che l’informazione riguardante la sua persona non venga più collegata al suo nome da un elenco di risultati visibili al pubblico a seguito di una ricerca avviata a partire dal suo nome.  

 

La Corte di Giustizia, infatti, ha stabilito che – in base agli artt. 7-8 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, questi  diritti fondamentali debbono prevalere non solo sull’interesse  economico del motore di ricerca (Google, nel caso specifico),  ma anche sull’interesse pubblico, a meno che  non esista una particolare giustificazione nell’ingerenza  nella vita pubblica della persona (ad es. per cariche politiche e pubbliche che tale persona ricopre, professionisti, importanti uomini d’affari, etc.): in tali casi, a riguardo della specificità dei ruoli ricoperti, è l’interesse del pubblico a prevalere, consentendo l’ accesso alle informazioni sulla vita della persona. 

 

La vicenda romana partiva dalla denuncia di un avvocato che chiedeva a Google di cancellare i risultati della ricerca che compariva digitando il proprio nominativo e che lo ricollegavano a vicende giudiziarie molto gravi accadute nel 2012/2013 in cui era rimasto coinvolto senza riportare alcuna condanna; il professionista chiedeva inoltre il risarcimento dei danni a lui derivanti dal trattamento dei suoi dati personali operato nel motore di ricerca. 

Il Tribunale di Roma ha respinto la richiesta del Professionista eccependo che, stante il breve lasso di tempo trascorso dall’accadimento delle vicende giudiziarie, dette informazioni si possono definire ancora recenti, mantenendo una loro attualità  anche in considerazione del ruolo del professionista, che esercita l’attività di avvocato in Svizzera; tali notizie quindi mantengono la caratteristica dell’attualità e sono ancora di interesse pubblico, per cui il diritto all’informazione tutela la loro divulgazione: se il motore di ricerca riporta notizie false, l’interessato potrà agire per tutelare la sua privacy e reputazione solo nei confronti dei siti terzi che hanno pubblicato  le false informazioni, ma non contro il motore di ricerca che opera quale caching provider ai sensi dell’art. 15 del d. lgs. 70/2003.  

 

Il Tribunale di Roma, nel definire la questione in oggetto,  ha richiamato infatti la giurisprudenza della Suprema Corte (Cass.civ. sez. III , n. 5525 del 5/4/2012), che ha sancito come il diritto all’oblio esiga “che non vengano ulteriormente divulgate notizie che per il trascorrere del tempo risultino ormai dimenticate o ignote alla generalità dei consociati” , affermando quindi che -  nel caso particolare -  il ruolo particolare dell’attore (ruolo pubblico, quale avvocato iscritto  in albo professionale) richiede trasparenza nell’esercizio delle sue mansioni professionali e quindi prevale il diritto dell’opinione pubblica a conoscere le sue vicende professionali.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Losavio Avv. Daniela Studio Legale - Bologna (BO)

Losavio Avv. Daniela Studio Legale

Avvocati / Civile

Via Guglielmo Marconi 5

40122 - Bologna (BO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Locazione e simulazione del canone, conseguenze

In caso di canone simulato, maggiorato rispetto a quello risultante dal contratto, l`accordo simulatorio è affetto da nullità insanabile

Continua

Casa familiare e tutela dei terzi acquirenti

Opponibilità al terzo acquirente del provvedimento di assegnazione: accertamento dei presupposti per l'assegnazione e revoca su richiesta del terzo

Continua