Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Nuovo Regime Forfettario 2016

Dal 2016 il regime forfetario resta l'unica alternativa al regime ordinario per le persone fisiche che svolgono o iniziano un'attività d'impresa.

Nuovo Regime Forfettario 2016 - Dal 2016 il regime forfetario resta l'unica alternativa al regime ordinario per le persone fisiche che svolgono o iniziano un'attività d'impresa.

Requisiti

Possono aderire al regime, senza alcun limite di età e di durata, le persone fisiche esercenti attività d'impresa o arte e professione che nell'anno solare precedente:
1. abbiano conseguito ricavi o compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a determinate soglie che variano a seconda del codice ATECO specifico dell'attività svolta. A decorrere dal 2016, le soglie dei ricavi e dei compensi sono generalmente incrementate di 10.000 Euro, e di 15.000 Euro per le attività svolte dagli esercenti arti e professioni; 

2. abbiano sostenuto spese per l'acquisizione di lavoro per importi complessivamente non superiori a 5.000 Euro lordi; 

3. il costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, di beni mobili strumentali al 31.12 non superiore a 20.000 Euro. 

In caso di esercizio di attività di lavoro dipendente nell'anno precedente, va rispettato il limite di 30.000 Euro, che non rileva se il rapporto di lavoro è cessato.

Le semplificazioni per chi utilizza il regime agevolato forfetario
Per quanto riguarda l'Iva sono in generale esonerati dal versamento dell'imposta (e di contro non hanno diritto alla detrazione dell'Iva a credito). 

Per quanto riguarda le imposte sui redditi: sono esonerati dagli obblighi di registrazione e tenuta delle scritture contabili; determinano il reddito d'impresa o di lavoro autonomo in maniera semplificata, applicando ai ricavi/compensi percepiti un coefficiente di redditività, e scomputando da tale ammontare i contributi previdenziali obbligatori versati; sono obbligati alla conservazione dei documenti ricevuti ed emessi. 

Per quanto riguarda l'IRAP, essi sono esclusi da tale imposta. 

Per quanto riguarda gli studi di settore, essi sono esonerati dalla loro presentazione (anche dai parametri). 

Per quanto riguarda gli adempimenti in qualità di sostituti d'imposta, essi non subiscono la ritenuta alla fonte e a tal fine rilasciano apposita dichiarazione che può essere inserita anche nella fattura; non effettuano la ritenuta alla fonte. Sussiste comunque l’obbligo di indicare in dichiarazione dei redditi il codice fiscale del percettore delle somme che non sono state assoggettate a ritenuta.

Gli imprenditori che applicano il regime forfetario, obbligati al versamento previdenziale presso le gestioni speciali artigiani e commercianti, possono usufruire di un sistema di maggior favore anche in ambito previdenziale (c.d. regime contributivo agevolato).

Fino al 2015 prevedeva la determinazione del contributo a percentuale sul reddito dichiarato, senza considerare il c.d. minimale di reddito (ossia quel reddito minimo sul quale i contributi sono sempre dovuti, anche se il reddito d'impresa dichiarato è inferiore a quella soglia minima); dal 2016, a seguito delle modifiche apportate dalla Legge di Stabilità 2016, il reddito derivante dall'attività soggetta al regime forfetario, costituisce base imponibile ai fini previdenziali con una contribuzione ridotta del 35%

Calcolo del reddito
Ai fini delle imposte dirette, il reddito imponibile si ottiene applicando ai ricavi/compensi un coefficiente di redditività differenziato a seconda del codice ATECO che contraddistingue l’attività esercitata, senza tener conto delle spese sostenute nell'anno. Una volta determinato il reddito imponibile, si scomputano da esso i contributi previdenziali versati in base alla legge. Il reddito così determinato è soggetto ad un’imposta pari al 15%, sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali, nonché dell'IRAP. Il versamento dell'imposta sostitutiva segue le stesse regole previste per l'Irpef.

Regime forfetario start up
Per favorire l'avvio di nuove iniziative produttive, l'aliquota sostitutiva del regime agevolato viene ridotta dal 15 al 5% per i primi 5 anni di attività. Per beneficiare dell’aliquota ridotta è necessario il verificarsi dei seguenti requisiti:
1. Il contribuente non ha esercitato, nei 3 anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare; 

2. L’attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente / autonomo, escluso il caso in cui la stessa costituisca un periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio dell’arte / professione; 

3. Qualora l’attività sia il proseguimento di un’attività esercitata da un altro soggetto, l’ammontare dei ricavi / compensi del periodo d’imposta precedente non sia superiore ai limiti di ricavi / compensi previsti per il regime forfetario.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Fragnelli - Finanza Agevolata - Napoli (NA)

Studio Fragnelli - Finanza Agevolata

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Sebastiano Veniero 17

80125 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Prorogate le detrazioni IRPEF su ristrutturazioni

La Legge di Stabilità per l’anno 2017 ha prorogato le agevolazioni fiscali riguardanti i lavori di ristrutturazione edilizia ed il bonus mobili

Continua

Legge di Stabilità 2017: proroga Sabatini Ter

Legge di Stabilità 2017: proroga Sabatini Ter per acquisto di nuovi macchinari, 20% delle risorse per PMI che investono in digitalizzazione

Continua

Finanziamenti agevolati per internazionalizzazione

Nelle Circolari SIMEST tutti i chiarimenti sui finanziamenti per l'internazionalizzazione delle imprese a valere sul Fondo rotativo 394/81

Continua

Cultura Crea

Il regime di aiuto per la filiera culturale e creativa nelle Regioni in ritardo di sviluppo - cioè Basilicata, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia

Continua

Garanzia Giovani - Al via la Misura 7.1

Nell’ambito del programma Garanzia Giovani Campania è attiva la Misura 7.1 “Attività di Accompagnamento all’avvio di impresa e supporto allo start-up"

Continua

Cedolare secca

Per usufruire dell’imposizione sostitutiva sul reddito fondiario assume rilievo l’effettiva destinazione abitativa dell’immobile

Continua

Rafforzamento della rete regionale dei Confidi

12 milioni di euro per la concessione di garanzie da parte dei Confidi sui prestiti bancari concessi alle piccole e medie imprese

Continua

Legge di Stabilità 2016

Esonero contributivo per gli assunti a tempo indeterminato nel 2016

Continua

Credito d'imposta per il Sud

Il credito d’imposta riguarda gli investimenti per l’acquisto di beni strumentali come macchinari e impianti

Continua

Tranched cover: finanziamenti per PMI

In Campania Banca Popolare di Bari, Monte dei Paschi di Siena e Unicredit hanno avviato la fase di presentazione delle domande da parte delle PMI

Continua

Autoimprenditorialità - Nuove imprese a tasso zero

Finanziamenti a favore di giovani under 35 e donne che vogliono "fare impresa". Le domande potranno essere inviate a partire dal 13 gennaio 2016.

Continua

SELFIEmployment - Finanziamenti a tasso zero

Più facile chiedere prestiti a tasso zero per l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali

Continua

Voucher per l’innovazione nel campo delle ICT

Finanziamenti a fondo perduto fino a 10mila euro per le PMI per favorire l'utilizzo di tecnologie digitali

Continua

120 milioni di euro per le PMI della Campania

Intervento Straordinario per la Competitività

Continua