Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto immobiliare

Espropriazione Equitalia sospesa su unico immobile

Inibizione espropriazione Equitalia su unico immobile del debitore adibito ad abitazione con fissazione residenza anagrafica.

Espropriazione Equitalia sospesa su unico immobile - Inibizione espropriazione Equitalia su unico immobile del debitore adibito ad abitazione con fissazione residenza anagrafica.

Effettuata la richiesta di pagamento e la contestuale comunicazione di iscrizione ipotecaria, Equitalia informava un contribuente che, in mancanza di adempimento, avrebbe proceduto con la vendita all’asta dell’immobile


La Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia, in accoglimento della relativa istanza, ha sospeso l’atto impugnato, inibendo all'Agenzia della Riscossione di dar corso alla procedura espropriativa, atteso che, a norma dell'art. 76 d.P.R. 29 settembre 1973 n. 602, come modificato dall'art. 52 d.l. 21 giugno 2013 n. 69, conv. nella l. 9 agosto 2013 n. 98, l'agente della riscossione non può dare corso all'espropriazione se trattasi dell'unico immobile di proprietà del debitore, non rientrante tra le abitazioni di lusso aventi le caratteristiche individuate dal d.m. lavori pubblici 2 agosto 1969 Comm. trib. prov.le Reggio Emilia, 10 marzo 2015, n.73, sez. III)



In proposito, si segnala il precedente intervento della Suprema Corte che, intervenuta la modifica dell'art. 76 del d.p.r. n. 602 del 1973 con l'art. 52, comma 1, del d.-l. 21 giugno 2013 n. 69, convertito, con modificazioni dalla l. 9 agosto 2013, n. 98, ha affermato che “ove l'espropriazione abbia ad oggetto l'unico immobile di proprietà del debitore, non di lusso e destinato a sua abitazione, con fissazione della residenza anagrafica, l'azione esecutiva diviene improcedibile”, e che tale improcedibilità “comporta la cessazione della materia del contendere sull'opposizione all'esecuzione concernente la pignorabilità del bene” (Cass., Sez. III, 12 settembre 2014 n. 19270)

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto immobiliare

Studio Legale Avv. Fabio Tamma - Bari (BA)

Studio Legale Avv. Fabio Tamma

Avvocati / Civile

Via Tanzi 7/b

70121 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Avvocati: recupero del credito professionale

La liquidazione degli onorari dell'avvocato deve essere trattata con il procedimento sommario anche se la domanda riguardi l'an della pretesa

Continua

Contratto di locazione, nullo se non tempestivamente registrato

I contratti di locazione sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati

Continua

Esecuzione illegittima ed intervento

L’originaria mancanza del titolo esecutivo da parte del creditore procedente inficia la legittimità dell’esecuzione e travolge tutti gli interventi

Continua

Vendita immobiliare e normativa urbanistica

E’ valida la compravendita di un immobile non in regola con la normativa urbanistica?

Continua