Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto

Azione revocatoria: la prescrizione è interrotta dalla consegna all’ufficiale giudiziario dell’atto, indipendentemente dalla ricezione

Consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto - Azione revocatoria: la prescrizione è interrotta dalla consegna all’ufficiale giudiziario dell’atto, indipendentemente dalla ricezione

In materia di azione revocatoria, come noto, l'interruzione della prescrizione quinquennale del diritto restitutorio ex art. 2903 c.c. sussiste con la proposizione dell'azione giudiziale, a nulla rilevando le diverse forme generalmente considerate interruttive, come la messa in mora. 

Con sentenza n. 24822 emessa in data 7 luglio 2015 e depositata in data 9 dicembre 2015, le sezioni unite hanno composto una annosa controversia giurisprudenziale: da un lato era ritenuto assolto il dovere dell'avente diritto di interruzione della prescrizione con la consegna dell'atto all'ufficiale giudiziario, dall’altro, al contrario, il suddetto onere era ritenuto assolto solo se, nel termine di legge previsto per la prescrizione, l'atto giungeva nella sfera giuridica del destinatario. 

 

La nota sentenza della Corte costituzionale 26.11.2002 n. 477 ha stabilito una scissione degli effetti della notificazione nelle sfere giuridiche, rispettivamente, del notificante e del destinatario: gli effetti sostanziali dell'atto si perfezionano alla consegna dell'atto all'ufficiale giudiziario mentre gli effetti processuali si perfezionano nel momento della consegna dell'atto al destinatario (“È illegittimo costituzionalmente il combinato disposto dell'art. 149 c.p.c. e dell'art.4 comma 3, l. 20 novembre 1982 n. 890, nella parte in cui prevede che la notificazione, a mezzo posta, si perfezioni, per il notificante, alla data di ricezione dell'atto da parte del destinatario, anziché quella, antecedente, di consegna dell'atto all'ufficiale giudiziario” massima redazionale, banca dati CEDAM PLURIS). 

 

Tale principio è stato assorbito dalla Suprema Corte nella sentenza in commento e, pertanto, sono stati estesi - in forza ad un parametro di “costituzionalità della ragionevolezza” - gli effetti sostanziali dell’atto al momento del compimento, da parte dell’avente diritto, dell’unica azione che rientra nella sua sfera decisionale (redazione atto di citazione e relativa consegna all’ufficiale giudiziario per la notifica). L’effettiva consegna dell’atto di citazione al destinatario non è, infatti, un atto nella disponibilità dell’avente diritto e pertanto, secondo la Suprema Corte, gli effetti di questa azione non possono ricadere nella sfera giuridica dell’avente diritto stesso. 

 

All’evidenza tale principio trova applicazione nell’ambito dei diritti potestativi a necessario esercizio giudiziale con conseguente natura costitutiva dell’azione, come l’azione revocatoria, in tutti gli altri casi il diritto può essere fatto valere anche al di fuori del processo. 

In ultima considerazione, si evidenzia che non sussistono ostacoli all’applicazione del principio espresso nella sentenza in commento anche all’istituto della revocatoria fallimentare ex art. 67 l.f.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale - Bergamo (BG)

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale

Avvocati / Civile

Via Jacopo Palma Il Vecchio 45

24122 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La nuova responsabilità medica

Il doppio binario introdotto con la riforma Gelli-Bianco (L. 24/2017)

Continua

Revoca dell’amministratore di una Srl

Devono sussistere gravi irregolarità nella gestione della società. Ecco un caso

Continua

Precetto: mancato avviso di composizione crisi

Precetto valido: commento a Tribunale di Milano, n. 4347/2016

Continua

Convivente more uxorio: opposizione dell`archiviazione

Il convivente more uxorio può presentare opposizione nel caso in cui la persona offesa sia deceduta in conseguenza del reato

Continua

Immobile assegnato al coniuge

Quale tutela per il terzo acquirente di immobile assegnato al coniuge non proprietario ma affidatario dei figli minori?

Continua

Stepchild adoption a due papà

L`istituto è di fatto già esistente nel nostro ordinamento. Sentenza storica del Tribunale per i Minorenni di Roma

Continua

Minori: omessa corresponsione mezzi sostentamento

Lettura critica del delitto: è necessario un inadempimento serio e sufficientemente protratto a prescindere da un provvedimento del giudice civile

Continua

Direttiva 2014/17/UE

Con l`attuazione della Direttiva 2014/17/UE, l`abrogazione del divieto di patto commissorio?

Continua

Incostituzionale la legge pinto

La Consulta boccia il termine per il procedimento volto all’equo indennizzo determinato da irragionevole durata del processo

Continua

Identità genere: cambio di sesso senza operazione

La Suprema Corte interviene sulla necessità o meno dell’intervento chirurgico quale presupposto per la rettifica anagrafica del sesso

Continua

Opposizione a D.I.: a chi spetta la mediazione

Spetta all`opponente, a pena di improcedibilità, esperire il tentativo di mediazione obbligatoria

Continua

Ristrutturazione: edifici crollati o demoliti

Rassegna della giurisprudenza sull'art. 3, d.p.r. 380/2001 così come modificato dal c.d. Decreto del Fare.

Continua

Gestione dei rifiuti: natura del FIR

Brevi precisazioni in merito alla sentenza della Corte di Cassazione N. 43613 del 29/10/2015 sulla distinzione tra il FIR e il certificato di analisi dei rifiuti

Continua

La compensazione delle spese di lite

Come la compensazione delle spese premierebbe la contumacia dei debitori di crediti “irrisori” – Quali diritti per chi agisce?

Continua

SCIA: luci e ombre anche dopo la riforma della PA

Lettura critica della segnalazione certificata di inizio attività

Continua