Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Le novità sulle collaborazioni dal 2016

A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 81/2015 è stata abrogata la disciplina del contratto a progetto

Le novità sulle collaborazioni dal 2016 - A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 81/2015 è stata abrogata la disciplina del contratto a progetto

A più di un mese dall’entrata in vigore delle nuove disposizioni sulle collaborazioni coordinate e continuative previste dagli artt. 2 e 54 del D.Lgs. 81/2015, il Ministero del Lavoro, con circolare 3 del 1° febbraio 2016, ha fornito le prime indicazioni operative per il personale ispettivo. 

Ricordiamo che a seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 81/2015, dal 25 giugno 2015 è stata abrogata la disciplina del contratto a progetto, fermo restando la possibilità di instaurare contratti di collaborazione coordinata e continuativa: in riferimento a tali rapporti di lavoro, a decorrere dal 1° gennaio 2016, l’art. 2, comma 1 del D.Lgs. 81/2015 prevede l’applicazione della disciplina del lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretano in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative e le cui modalità di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro. 

In virtù di tale disposizione, le collaborazioni vigenti al 1° gennaio 2016, a prescindere dalla data di instaurazione del rapporto, saranno soggette alla disciplina del lavoro subordinato se caratterizzate da una forte rilevanza dell’organizzazione del lavoro, in particolare per quanto riguarda i tempi e il luogo della prestazione. 

Tali condizioni devono sussistere congiuntamente. 

 

Riguardo all’applicazione delle regole del lavoro subordinato, la circolare ministeriale evidenzia che la formulazione utilizzata dal legislatore, “di per sè generica, lascia intendere l’applicazione di qualsivoglia istituto, legale o contrattuale (ad es. trattamento retributivo, orario di lavoro, inquadramento previdenziale, tutele avverso i licenziamenti illegittimi ecc.), normalmente applicabile in forza di un rapporto di lavoro subordinato”. In chiave ispettiva, secondo il Ministero, il meccanismo previsto dall’art. 2 ha inteso far derivare le medesime conseguenze ad una riqualificazione del rapporto, “semplificando di fatto l’attività ispettiva che, di fatto, potrà limitarsi ad accertare la sussistenza di una etero – organizzazione”. 

La contestazione dell’etero-organizzazione in sede ispettiva si accompagnerà dall’irrogazione delle sanzioni in materia di collocamento (comunicazioni di assunzione e dichiarazione di assunzione). 

La disposizione relativa all’etero-organizzazione non si applica alle ipotesi previste dal comma 2 dell’art. 2 del D.Lgs. 81/2015 (ipotesi previste da CCNL, iscrizione albi professionali, componenti organi amministrazione, collaborazioni istituzionali associazioni sportive), fermo restando la possibilità che tali rapporti siano oggetto di una riqualificazione in termini di subordinazione: a tal fine non sarà sufficiente verificare una etero organizzazione del lavoro, ma una vera etero direzione, caratteristica fondante del lavoro subordinato. 

 

Riguardo alla stabilizzazione, prevista dall’art. 54 del D.Lgs. 81/2015, due sono stati i chiarimenti del Ministero del Lavoro: 

se la procedura di stabilizzazione è avviata successivamente all'accesso ispettivo e quindi all'inizio dell'accertamento, non si potrà beneficiare della estinzione degli illeciti che verranno eventualmente accertati all’esito dell'ispezione;la procedura non inficia la possibilità di avvalersi dell'esonero contributivo previsto dalla Legge di Stabilita 2016, attesa l’assenza di esplicite previsioni in senso contrario, sempreché risultino rispettate anche le altre condizioni che l’ordinamento richiede per il godimento di benefici normativi e contributivi. 

Complessivamente, la circolare non sembra approfondire molte delle questioni connesse con la nuova regolamentazione, anche perché a breve avremo una modifica di notevole importanza: il disegno di legge sul lavoro autonomo presentato dal Governo prevede una modifica dell’art. 409 c.p.c., in base al quale la collaborazione si intende coordinata quando, nel rispetto delle modalità di coordinamento stabilite di comune accordo dalle parti, il collaboratore organizza autonomamente la propria attività lavorativa. L’effetto è quello di escludere le collaborazioni etero organizzate dalle collaborazioni coordinate e continuative, così da trasformare l’art. 2 del D.Lgs. 81/2015 in norma prevalentemente “sanzionatoria” (così come fa il Ministero del Lavoro) e non come fonte di una possibile fattispecie autonoma di collaborazioni coordinate e continuative.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Note di variazione Iva nelle procedure concorsuali

Il fornitore può emettere la nota di variazione Iva dalla data di avvio della procedura

Continua

Deduzione dei contributi per colf e badanti

Il tetto massimo di deduzione dal reddito è di euro 1.549,37 annui

Continua

L'esonero contributivo per il tempo indeterminato

L`Inps, con la circolare 57 pubblicata il 29.03.2016, affronta gli aspetti procedurali circa gli adempimenti per usufruire dell`esonero contributivo

Continua

La detassazione dei premi di risultato

La Legge di Stabilità per il 2016 ha reintrodotto e reso strutturale la detassazione dei premi di risultato

Continua

L'agevolazione Sabatini ter per gli investimenti

Le domande potranno essere presentate dal 2.05.2016 collegandosi alla piattaforma del MiSe

Continua

Il regime forfettario

Nel primo quinquennio chi inizia l'attività applica un`imposta sostitutiva del 5% sul reddito

Continua

I finanziamenti dei soci

La novità introdotta prevede che la rinunzia dei soci ai crediti generi una sopravvenienza attiva solo per la parte che eccede il valore fiscale

Continua

Il reddito dell`impresa familiare

La ripartizione del reddito dell`impresa familiare tra titolare e partecipanti

Continua

Proroga della comunicazione "Black list"

Novità dell`ultima ora per la comunicazione "Black List" che quest`anno sarà autonoma e l'invio è rimandato a settembre

Continua

Tassazione delle stock option

Dal punto di vista fiscale le stock option sono da considerarsi a tutti gli effetti come i fringe benefit

Continua

I nuovi criteri di valutazione dei debiti

Il nuovo OIC 19 definisce i criteri per la rilevazione, classificazione e valutazione dei debiti, con l'utilizzo del costo ammortizzato

Continua

Detrazioni per lavori immobiliari in 730 e unico

Prorogate ed ampliate le detrazioni per recupero edilizio/efficienza energetica e introdotti nuovi bonus per giovani coppie e per classe energetica

Continua

Lo spesometro: quali operazioni comunicare

L`adempimento dello spesometro quest`anno è escluso per i medici che hanno trasmesso le operazioni attraverso il STS, nonché per minimi e forfettari

Continua

Dimissioni: nuovo procedimento

Sul sito internet del Ministero del Lavoro si può trovare una versione dimostrativa della nuova procedura di dimissioni volontarie

Continua

I contributi previdenziali IVS 2016

Le nuove aliquote per i contributi previdenziali di artigiani e commercianti

Continua

Canone RAI: ecco il modello per l'esenzione

Entro il 30 aprile per posta o il 10 maggio in telematico deve essere presentato il modello approvato ieri dall'Agenzia delle Entrate

Continua

Le somme dovute per la successione entrano in F24

Dal 1° aprile 2016 le imposte sulle successioni verranno versati con il modello F24, fino al 31 dicembre 2016 sarà ancora possibile utilizzare l'F23.

Continua

L'estromissione agevolata degli immobili

L’imprenditore individuale estromette con il comportamento concludente: deve essere eseguita entro il prossimo 31 maggio 2016

Continua

L'accertamento fiscale e le prove atipiche

Nuove pronunce della Cassazione in merito alle difese poste in essere dal contribuente

Continua

I NUOVI LIMITI PER L'USO DEL CONTANTE

L'INNALZAMENTO DEL CONTANTE A 3.000€ SI INTRECCIA CON LE NORME SU ASSEGNI, LIBRETTI AL PORTATORE, MONEY TRANSFER E LOCAZIONI

Continua

Estromissione agevolata degli immobili

Entro il 31 maggio l'imprenditore potrà estromettere dai beni di impresa i propri immobili con una tassazione particolarmente agevolata

Continua

Deducibilità ridotta per i costi delle autovetture

Nuove opportunità di risparmi fiscali dopo la riduzione della deducibilità al 20%: autorizzazione all'uso dell'auto di proprietà dell'amministratore

Continua

Agevolazione per assunzioni a tempo indeterminato

Le assunzioni fatte nel 2015 di dipendenti a tempo indeterminato godranno di uno sgravio contributivo triennale

Continua

Auto in uso all'amministratore: i vantaggi fiscali

Nuove opportunità di risparmi fiscali dopo la riduzione della deducibilità al 20%: autorizzazione all'uso dell'auto di proprietà dell'amministratore

Continua

Sgravio contributivo per le nuove assunzioni

Per le assunzioni a tempo indeterminato fatte nel 2015 le imprese godranno di un beneficio circa i contributi previdenziali a carico dell'azienda

Continua

IL PASTICCIO DELL'IMU SUI TERRENI

IL GOVERNO HA MODIFICATO IN EXTREMIS I CRITERI PER STABILIRE L'IMU DOVUTA SUI TERRENI: VEDIAMO LE NOVITA' INTRODOTTE

Continua

Comunicazione dei veicoli aziendali in comodato

Un nuovo adempimento obbliga tutte le aziende a dover comunicare i dati degli utilizzatori degli autoveicoli, a fronte di pesanti sanzioni

Continua

Agevolazioni fiscali per l`acquisto di macchinari

Le imprese che acquistino macchinari nuovi entro il 30/06/2015 avranno uno sconto fiscale pari al 15% dell'investimento

Continua

Deducibilità ridotta per i costi delle autovetture

Nuove opportunità di risparmi fiscali dopo la riduzione della deducibilità al 20%: autorizzazione all'uso dell'auto di proprietà dell'amministratore

Continua