Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto bancario e assicurativo

Intermediari Finanziari: nuovo albo unico

Pillole normative

Intermediari Finanziari: nuovo albo unico - Pillole normative

Lo scorso 12 febbraio è scaduto il termine per iscriversi al nuovo “albo unico“ degli intermediari finanziari previsto dall’art.106 del D.Lgs. 385/1993, come modificato dal D.Lgs. 13 agosto 2010, n.141 (“Nuovo TUB”). 

 

Tale obbligo coinvolge gli intermediari iscritti nell’elenco generale ex art.106 TUB (nel testo precedente la riforma di cui al citato D.Lgs. 141/2010, “Vecchio TUB”) che esercitano nei confronti del pubblico in via professionale l'attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma. 

 

Gli intermediari che confluiranno nell’ Albo unico istituito ai sensi del Nuovo TUB dovranno esercitare almeno una delle seguenti attività: 

 

• concessione dei finanziamenti sotto qualsiasi forma nei confronti del pubblico; 

 

• riscossione dei crediti ceduti e servizi di cassa e di pagamento ai sensi dell’art. 2, commi 3, 6 e 6-bis, legge 130, 30 aprile 1999  in materia di cartolarizzazione dei crediti (“servicing”). 

 

Inoltre, tali intermediari potranno: 

 

• emettere moneta elettronica e prestare servizi di pagamento se autorizzati ai sensi dell’art. 114-quinquies, comma 4, TUB, ed iscritti nel relativo albo; 

 

• prestare solo servizi di pagamento, se autorizzati ai sensi dell’art. 114-novies, comma 4, TUB, ed iscritti nel relativo albo;  

 

• prestare servizi di investimento, se autorizzati ai sensi dell’art. 18, comma 3, D. Lgs. n. 58/1998 (“TUF”); 

 

• effettuare le altre attività previste da norme di legge, da svolgersi in via subordinata rispetto alle attività di concessione di finanziamenti;  

 

• prestare attività connesse e strumentali. 

 

Non saranno più considerate attività riservate né l’assunzione di partecipazioni né quella di intermediazione in cambi. 

 

La nuova normativa inoltre prevede: 

 

• l’introduzione di una nuova soglia pari a 150 mln di Euro di totale attivo che suddivide gli intermediari in maggiori e minori

 

• il rafforzamento del principio di proporzionalità secondo cui l’ampiezza e la profondità delle regole cambiano sulla base di complessità operativa, dimensionale ed organizzativa dell’intermediario, nonché sulla base della natura specifica dell’attività svolta; 

 

• l’introduzione della nozione di Gruppo Finanziario, ovvero gruppo composto da un intermediario e dalle società finanziarie (come definite dall’art. 59, comma 1, lett. b), che sono controllate direttamente o indirettamente da un intermediario finanziario ovvero controllano direttamente o indirettamente un intermediario finanziario e non sono sottoposte a Vigilanza consolidata ai sensi delle disposizioni previste dal D. Lgs. n. 58/1998. 

 

Decorsi i termini stabiliti dal combinato disposto dei commi 1 e 3 dell’art.10 del D.Lgs. 141/2010, ossia entro il 12 maggio 2016, gli Intermediari Finanziari che non abbiano presentato istanza di autorizzazione, iscrizione o cancellazione ai sensi del comma 4, lettere a), b), c) ed e) (rispettivamente: a- attività di assunzioni di partecipazione; b- intermediari iscritti nell'elenco 107 o inclusi nella vigilanza consolidata; c- società che esercita intermediazioni in cambi; e- gli altri soggetti – residuale n.d.r.) deliberano la liquidazione della società ovvero modificano il proprio oggetto sociale eliminando il riferimento ad attività riservate ai sensi di legge. 

 

Le stesse alternative vincolano chi presenta l'istanza ma non ottiene l'autorizzazione.  

 

Ed infatti, "in caso di mancato accoglimento delle istanze di cui al comma 4, lettere b), c) ed e), i soggetti ivi indicati deliberano la liquidazione della società ovvero modificano il proprio oggetto sociale eliminando il riferimento ad attività riservate ai sensi di legge"(art. 10, comma 6). 

 

Gli intermediari fianziari che hanno presentato l'istanza continuano peraltro ad operare, anche oltre il termine previsto dal comma 1 dell’art.10 D.Lgs. 141/2010. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto bancario e assicurativo

Avv Stefano Ilari - Pescara (PE)

Avv Stefano Ilari

Avvocati / Civile

Via Giuseppe Misticoni 3

65127 - Pescara (PE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Social Housing e finanza etica

Un'opportunità di investimento

Continua

Concordato preventivo e società partecipate

Applicabilità della legge fallimentare all'imprenditore pubblico

Continua

Social Housing e finanza etica

Un'opportunità di investimento

Continua

Concordato preventivo e società partecipate

Applicabilità della Legge fallimentare all'imprenditore pubblico

Continua

Usura nei contratti di finanziamento

Breve contributo in materia di usura presunta

Continua

Società pubbliche e vincoli di spesa di personale

1. Ambito di applicazione - 2. Società in house e società strumentali - 3. Vincoli

Continua