Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Assegnazione della casa familiare

Il provvedimento di assegnazione della casa familiare non modifica il contenuto del titolo iniziale di godimento

Assegnazione della casa familiare - Il provvedimento di assegnazione della casa familiare non modifica il contenuto del titolo iniziale di godimento

Per giurisprudenza e dottrina consolidate il provvedimento di assegnazione della casa familiare, di proprietà di un terzo, emesso a favore del coniuge affidatario della prole non modifica, in alcun modo, la natura ed il contenuto del titolo di godimento iniziale con la conseguenza che le questioni, relative alla natura ed alla durata di tale godimento, restano disciplinate dal contratto originario (Cass. Civ. n. 16559/2008 - Cass. Civ. n. 19939/2008 - Trib. Modena 03-07-2012 - Cass. Civ. n. 23361/2012). 

 

Il provvedimento di assegnazione non determina una modifica del titolo di godimento ma presuppone, unicamente, una "concentrazione" di detto titolo nella persona dell'assegnatario

 

Nell'ipotesi in cui sia cessato il diritto, vantato in forza del titolo di godimento iniziale - si pensi all'ipotesi del contratto di comodato in precedenza risolto dalle parti o dal Giudice - il provvedimento di assegnazione non può avere alcuna efficacia nei confronti del proprietario in quanto è venuto a mancare il titolo originario di godimento. 

 

Anche l'eventuale trascrizione del provvedimento di assegnazione, effettuata in data successiva all'avvenuta risoluzione dell'originario titolo di godimento, pone solamente il proprietario a conoscenza del provvedimento di assegnazione senza incidere nella correttezza della procedura esecutiva posta in essere per la liberazione dell'immobile: la condanna al rilascio di un immobile ha effetto non soltanto nei confronti di colui al quale è rivolta la statuizione ma anche nei confronti del terzo, se occupante senza titolo o se il titolo in base al quale costui si trova nella detenzione dell'immobile deriva da quello del condannato, nel senso che lo presuppone (Cass. Civ. n. 15083/00 e n. 3183/03)

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Responsabilità civile

Avv. Stefano Geri - Faenza (RA)

Avv. Stefano Geri

Avvocati / Civile

Corso Garibaldi 10

48018 - Faenza (RA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo