Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psichiatrica

La motivazione dei comportamenti alimentari

Il rapporto tra il cibo e la motivazione dei comportamenti alimentari implica il bisogno di gratificazione, il provare emozioni e molti altri fattori

La motivazione dei comportamenti alimentari - Il rapporto tra il cibo e la motivazione dei comportamenti alimentari implica il bisogno di gratificazione, il provare emozioni e molti altri fattori

Racconta Plutarco (1) che un giorno Cicerone sostenesse in pubblico che Lucullo, un patrizio romano passato alla storia per i suoi banchetti sontuosi, era in grado di imbandire una mensa abbondante e sfarzosa soltanto se avvisato molto tempo prima. Lucullo raccolse la sfida e invitò tutti i presenti a venire immediatamente a casa sua, senza avvertire i cuochi. Appena arrivò a casa, chiese ai servi di preparare da mangiare con quello che c’era e di servire la cena nella sala d’Apollo. Tra la sorpresa dei commensali, compreso Cicerone, fu servita una cena a base di frutti di mare, scampi, pasticcio d'ostrica, murene e storioni, porchetta, anitra, lepre, pavoni, pernici, verdure, dolci e vini. 

Evidentemente per Lucullo, ma anche per i suoi commensali, il cibo era qualcosa di più, molto di più, che un modo per far cessare la fame

 

Però, se all’uomo della strada viene chiesto che cosa ci motiva ad assumere del cibo, la prima risposta, ovvia, sarà probabilmente: la fame! Ma per quanto ovvia, tale risposta è quantomeno insufficiente, spesso eccessivamente semplice, talvolta addirittura sbagliata. 

Infatti se ci chiediamo che cosa motiva una persona anoressica a “non” assumere cibi, nonostante la fame sia un meccanismo fisiologico comune a tutte le persone, siamo in difficoltà a trovare una risposta plausibile. 

 

Al punto tale che i primi studiosi di questo disturbo alimentare, forse disperati per l’apparente assurdità di tale comportamento, la chiamarono appunto “anoressia” che significa “mancanza di desiderio”, e ne individuarono la causa in una non meglio identificata “lesione dell’ipofisi” con conseguente squilibrio ormonale. 

 

E chiunque si sia cimentato in un rapporto clinico con una persona anoressica sa quanto questa definizione sia profondamente sbagliata, sia per quanto riguarda la mancanza di desiderio, che lo squilibrio ormonale, almeno come cause del problema. 

Siamo generalmente più propensi a comprendere il comportamento patologico opposto, quello “bulimico” (assunzione eccessiva e incontrollata di cibo) perché l’idea che all’assunzione di cibo sia associato un piacere (“gratificazione”) è molto più presente alla nostra coscienza. 

 

Il rapporto quindi tra il cibo e la motivazione dei comportamenti alimentari è molto più complesso della semplice risposta allo stimolo della fame. Implica, oltre a quest’ultima, il bisogno di gratificazione, il provare emozioni, positive ma anche negative, la rappresentazione mentale di sé e del proprio mondo, il contesto di consuetudini, “credenze” e regole sia dell’individuo che del gruppo sociale a cui appartiene, e così via. (continua) 

  

(1). Plutarco, Vite parallele. Vita di Cimone e Lucullo. BUR, 1989

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psichiatrica

Dr. Andrea Flego  Psichiatra E Psicoterapeuta - Trieste (TS)

Dr. Andrea Flego Psichiatra E Psicoterapeuta

Psicologi e Psichiatri / Psichiatri

Via Di Romagna 176

34134 - Trieste (TS)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

“Fermati OTELLO”, ovvero “dell’infedeltà amorosa”

La poligamia è comportamento antico e nella nostra società persiste come trasgressione. La società dei consumi e i social ne amplificano i problemi

Continua

La gelosia pericolosa: come prevenirla e gestirla?

Valutare precocemente il partner su: rispetto, capacità di reggere la separazione, attenzione alla persona. Nel separarsi attenzione anche all'altro

Continua

Cibo, Gratificazione, Craving

Il cibo è grandemente legato al piacere. Fame e piacere del cibo sono fenomeni diversi. Mangiare sano significa anche rieducare al piacere del cibo

Continua

Amore vuol dir gelosia? Prima parte

Dall'innamoramento allo "stalking. Gelosia normale? Patologica? Meglio parlare di "gelosia pericolosa". A certe condizioni la gelosia lo è sempre.

Continua

Bullismo: tragedia in minore

Il bullismo è un fenomeno o un reato? Nasce dalla degenerazione delle dinamiche nel "gruppo dei pari" e nell'era digitale sta diventando un'emergenza

Continua

Fine anno: i bilanci delle donne

Le donne di mezza età si interrogano sulla loro vita e se il bilancio non è soddisfacente possono ricorrere a psicofarmaci e psicoterapia. Che fare?

Continua

Natale con i tuoi. Cosa fare. Trappole da evitare

Le Festività, da momento importante per l'individuo e la comunità possono trasformarsi in un momento di sofferenza. Cose da fare. Trappole da evitare

Continua

Carni rosse e lavorate: allarme o allarmismo?

Non sensazionalismo ma miglioramento di tecnologia ed educazione continua, specie delle giovani generazioni, per piaceri e tradizioni più sane nel cibo

Continua

Il malessere della coppia si può curare?

SECONDA PARTE: come prenderne cura. Lo "stato della coppia", lo "stato del sentimento", lo "stato della comunicazione". Il "dentro" e il "fuori".

Continua

Il malessere della coppia si può curare?

PRIMA PARTE: come nasce il "malessere". L'innamoramento evolve in modo diseguale, i diversi "mondi" nella coppia, l'interferenza di relazioni esterne

Continua

Psicofarmaci: prendere o lasciare?

Gli psicofarmaci in "terapia integrata" possono diminuire la sofferenza, aiutando la psicoterapia a creare emozioni e comportamenti più funzionali

Continua

Psicologia dell'alimentazione: QUANDO LA DIETA NON FUNZIONA

A volte la dieta, pur corretta sul piano nutrizionale, non funziona. Una psicoterapia centrata sul quadro emozionale riguardo al cibo può aiutare.

Continua