Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

La tassa sui libri sociali per il 2016

Come ogni anno, entro il 16 marzo occorre pagare la tassa annuale sui libri sociali. A quanto ammonta? E chi è tenuto al pagamento?

La tassa sui libri sociali per il 2016 - Come ogni anno, entro il 16 marzo occorre pagare la tassa annuale sui libri sociali. A quanto ammonta? E chi è tenuto al pagamento?

Un tributo che non subisce mai variazioni, ormai da tanti anni, è la tassa per la vidimazione dei libri sociali. In effetti, sia il novero dei soggetti passivi che l’importo, sia la scadenza che le modalità di versamento sono sempre gli stessi ormai da molti anni. 

 

I libri sociali a cui facciamo riferimento sono quelli previsti dall’articolo 2421 del codice civile per le società per azioni (S.p.A.); in virtù di appositi rimandi legislativi, il discorso si estende anche ai libri detenuti dalle società a responsabilità limitata (S.r.l.) e dalle società in accomandita per azioni (S.A.p.A.), nonché dalle S.r.l. semplificate e dalle società consortili. Sono invece escluse le imprese individuali, le società di persone e le cooperative. 

 

Formalmente il tributo viene definito come tassa di concessione per il servizio di numerazione e bollatura che le Camere di Commercio eseguono sui libri sociali prima che essi siano utilizzati. Di fatto, però, altro non è che una tassa fissa che ricade sui soggetti passivi descritti, del tutto indipendentemente dai libri sociali istituiti e materialmente utilizzati. Nessuno, infatti, potrebbe sottrarsi all’imposizione invocando il mancato utilizzo dei libri sociali; così come non c’è alcuna differenza fra chi in un anno ha compilato in un dato registro una sola pagina oppure duecento. 

 

Nella sostanza, quindi, si tratta di una tassa che tutte le società di capitali e consortili devono versare ogni anno, indipendentemente da qualunque altra considerazione. 

L’importo della tassa è di € 309,87 per i soggetti il cui capitale sociale (o il cui fondo di dotazione) non supera l’importo di € 516.456,90 con riferimento al primo gennaio dell’anno di riferimento; se invece si supera questa soglia, la tassa ammonta a € 516,46

Il versamento deve essere eseguito entro il 16 marzo con modello F24, ricordando che il codice tributo è 7085. Nel primo anno, però, occorre invece versare l’importo con il bollettino postale n. 6007 intestato all’Agenzia delle Entrate e prima della presentazione della dichiarazione di inizio attività. 

 

E per chi non paga? Data la facilità con la quale è possibile constatare chi ha pagato e chi no, l’arrivo della sanzione è pressoché inevitabile e potrà variare fra il 100% e il 200% dell’importo evaso.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dr. Giuseppe Aymerich - Cagliari (CA)

Dr. Giuseppe Aymerich

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Fleming 2/A

09125 - Cagliari (CA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Diritto camerale 2016

Anche quest’anno i titolari di reddito d’impresa sono tenuti al versamento del diritto annuale alla Camera di Commercio. Ma quanto si paga?

Continua

Il regime IVA sulla raccolta dei tartufi

Chi trova un tartufo, si sa, trova un tesoro. Ma come la mettiamo con il Fisco?

Continua

L'indegnità nelle successioni

Il marito eredita dalla moglie e la moglie dal marito. Ma è sempre così? Cosa accade se uno dei due ha assassinato l'altro?

Continua

Il numero di partita IVA sulla homepage

Se quasi ogni imprenditore e professionista ha ormai varato il proprio sito web, non tutti sanno che il Fisco sanziona una piccola violazione formale

Continua

Cessione/affitto d'azienda: divieto di concorrenza

Colui che cede o affitta la sua azienda ha l'obbligo di astenersi dalla concorrenza nei confronti della controparte. Che contorni ha questo divieto?

Continua

Esenzione canone Rai per over-75

Le persone di età avanzata e con un reddito modesto possono chiedere di essere totalmente esentati dal canone Rai. Ma quali sono i requisiti?

Continua

Le quote di legittima

Coniuge, figli e genitori possono pretendere una parte dell'eredità del defunto, qualunque cosa dica il testamento? E quali sono le varie ipotesi?

Continua

Le imposte sulla dichiarazione di successione

Quali tasse occorre pagare quando si presenta la dichiarazione di successione? E come si calcolano? Scopriamolo insieme!

Continua

Agevolazioni INPS per i contribuenti forfettari

Gli imprenditori aderenti al regime forfettario hanno tempo fino al 28 febbraio per richiedere all'INPS le agevolazioni sui contributi minimi!

Continua

La marca da bollo sulle fatture

Ma sulle fatture va messa la marca da bollo? E quando? Vediamo di fare chiarezza!

Continua

Come pagare un modello F24

Ormai la grande maggioranza dei pagamenti di imposte e contributi avviene con il modello F24. Ma quali sono i vincoli che occorre rispettare?

Continua