Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Modello EAS: verifica necessaria entro il prossimo 31 marzo

Quali sono le regole di presentazione? E quali le variazioni che NON comportano l'obbligo di comunicazione?

Modello EAS: verifica necessaria entro il prossimo 31 marzo - Quali sono le regole di presentazione? E quali le variazioni che NON comportano l'obbligo di comunicazione?

Gli enti non commerciali di tipo associativo (e in ambito sportivo, anche le società di capitali sportive dilettantistiche) che hanno subito variazioni rispetto ai dati comunicati nel precedente modello Eas (si tratta spesso del primo e unico modello presentato) debbono effettuare le opportune verifiche al fine di ottemperare all’obbligo di ripresentazione del medesimo entro il prossimo 31 marzo. 

 

La verifica è particolarmente delicata in quanto non sempre risulta agevole comprendere quali siano le variazioni “rilevanti” che determinano l’obbligo di ripresentazione del modello, ma anche perché particolarmente gravose appaiono le conseguenze derivanti da tale inadempimento. 

 

Regole di presentazione e ripresentazione del modello

La presentazione del modello Eas costituisce un adempimento “una tantum” da effettuarsi entro 60 giorni dalla costituzione dell’ente, e va ripresentato unicamente in caso di variazione di talune informazioni fornite nel modello inviato precedentemente. 

La comunicazione delle variazioni deve avvenire, quindi, entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la variazione e pertanto, entro il prossimo 31 marzo 2016 dovranno essere comunicate, mediante ripresentazione telematica del modello Eas, le variazioni “rilevanti” intervenute nel corso dell’esercizio sociale chiuso al 31 dicembre 2015. 

Le variazioni che NON comportano obbligo di ripresentazione del modello 

 

Vi sono delle modifiche che non comportano l’obbligo di comunicazione delle variazioni e, quindi, della ripresentazione del modello Eas, in quanto ritenute “fisiologiche”. In tal senso, le istruzioni individuano i seguenti punti:  

·       Punto 20): attività di sponsorizzazione o pubblicità commerciale 

·       Punto 21): utilizzo di messaggi pubblicitari 

·       Punti 23) e 24): entrate e dimensioni dell’ente di tipo associativo  

·       Punti 30) e 31): erogazioni liberali e contributi pubblici 

·       Punto 33): organizzazione di manifestazioni per la raccolta fondi 

A esclusione delle predette situazioni, pertanto, le variazioni intervenute in un qualunque altro dei dati indicati nel primo modello Eas comportano l’obbligo di ripresentazione dello stesso.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Dr. Roberto Giovanetti - Conegliano (TV)

Studio dr. Roberto Giovanetti

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Cristoforo Colombo 19

31015 - Conegliano (TV)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sanzioni per le violazioni di reverse charge

Le violazioni che non comportano un danno per l`Erario risultano ora sanzionate nella più favorevole misura fissa rispetto a qualla previgente di tipo proporzionale

Continua

Ravvedimento operoso, modifiche e sanzioni

Il nuovo ravvedimento operoso è stato significativamente modificato ed esteso. Pari al 15% la sanzione per ritardati e omessi versamenti

Continua

Diritto CCIAA

Misura del diritto dovuto alle Camere di Commercio per l`anno 2016

Continua

Nuova rateazione delle somme iscritte a ruolo

Riammissione somme iscritte a ruolo

Continua

Compensazione dei crediti certificati verso la P.A

Esteso il termine di notifica delle cartelle di pagamento ai fini della compensabilità dei crediti

Continua

Conservazione sostitutiva

Comunicazione dell`Agenzia delle Entrate sulla conservazione in modalità elettronica delle fatture

Continua

L’omessa presentazione del Modello F24 a zero

Le sanzioni legate all`omessa presentazione del Modello F24 a zero

Continua

Il riaddebito delle spese tra professionisti

La natura del riaddebito - La ripartizione delle spese comuni - L’utilizzo in comune della segretaria

Continua