Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

INFORMATION SYSTEMS GOVERNANCE

INFORMATION SYSTEMS GOVERNANCE E ASSETTI ORGANIZZATIVI

INFORMATION SYSTEMS GOVERNANCE - INFORMATION SYSTEMS GOVERNANCE E ASSETTI ORGANIZZATIVI

Negli ultimi anni si è assistito a un sensibile aumento della complessità a tutti i livelli. 

 

Il dinamismo dei mercati ha messo in crisi molti dei modelli cui si sono basate le teorie e le prassi di management aziendale. L’avvento della cosiddetta economia digitale ha poi estremizzato e reso ancora più evidente il fenomeno della complessità aziendale e della inadeguatezza di molti degli schemi concettuali e operativi più diffusi. 

 

È crollato il mito della pianificazione di lungo periodo intesa come antidoto alla complessità. 

 

Le forme d’impresa si sono via via ampliate e diversificate. Si assiste, per esempio, a una influenza reciproca tra opportunità tecnologiche e strutture aziendali. Le imprese virtuali, le reti d’imprese, i distretti e altri modelli organizzativi fanno sì che i confini aziendali e conseguentemente quelli del sistema informativo diventino sempre meno coincidenti con il perimetro di consolidamento economico e, in generale, molto sfumati. 

 

Anche gli ambienti informatici divengono sempre più complessi. Contrariamente a quanto si sente talvolta affermare, le tecnologie IT non si stanno affatto banalizzando. 

 

L’aumentata disponibilità di dati e informazioni che descrivono sempre più dettagliatamente l’ambiente in cui vivono le aziende contribuisce anch’essa all’aumento della complessità e a proporre nuove sfide manageriali. Lo sviluppo dei sistemi informativi aziendali è avvenuto in un sistema in cui i dati e le informazioni erano un fattore scarso. 

Per fronteggiare i cambiamenti descritti, i sistemi informativi aziendali hanno subito molte trasformazioni e si sono concentrati di volta in volta su quelle metodologie e tecnologie che sembravano promettere le soluzioni piu’ adeguate. Nel tentativo di risolvere il problema dell’allineamento dei sistemi informativi a contesti sempre piu’ complessi, il management si è trovato “sovraesposto” sia in termini di responsabilità di business, sia sul fronte delle scelte tecnologiche e di partership. Nello scenario delineato il management aziendale è chiamato a trovare nuovi modelli di riferimento per la guida dei sistemi informativi che ne saranno l’emanazione.  

Una volta constatato che la complessità è un elemento strutturale e non riducibile, nasce l’esigenza di adottare logiche che permettano ai sistemi informativi di reagire alle nuove esigenze che via via emergono piuttosto che affidarsi solo al tentativo velleitario della anticipazione di eventi mediante l’analisi e la comprensione dei segnali che vengono dall’ambiente. Sembra quindi più coerente trovare nuovi paradigmi di riferimento che partano dalla accettazione dell’impossibilità di rimuovere la complessità e persone in grado di interpretarli con successo. 

L’unico obiettivo plausibile e coerente che oggi si possa dare a chi debba occuparsi di sistemi informativi è quindi la realizzazione di un sistema reattivo e capace di mantenere una buona performance anche a fronte di fabbisogni poco o non completamente anticipabili. Ciò non significa abbandonare budget, piani e ciò che è utile per gestire risorse e progetti che si estendono nel tempo, ma semmai ricordare che questi strumenti non danno la garanzia di meglio orientare l’impiego dell’Information Technology verso le esigenze aziendali. L’accettazione della necessità di un cambiamento anche radicale delle logiche di progettazione e gestione dei sistemi informativi non basta pero’, da sola, ad aumentare la coerenza tra sistema informativo ed azienda.Il nuovo paradigma per lo sviluppo dei sistemi informativi deve essere coniugato ed accompagnato da una strumentazione organizzativa e gestionale che sia parimenti nuova e coerente. 

La IS Governance può quindi essere descritta come: 

un insieme di logiche e strumenti finalizzati alla creazione di un assetto strutturale e di un contesto di governo del sistema informativo aziendale che lo rendano costantemente coerente con le esigenze aziendali in un contesto di economicità. 

L’obiettivo di un ben congegnato sistema di IS Governance è quindi quello di aumentare la capacità del sistema informativo di dare risposte alle esigenze informative e di controllo dei costi in un ambiente che non consente di anticipare compiutamente i fabbisogni aziendali. 

Il cuore di un sistema di IS Governance è rappresentato dall’insieme degli strumenti adottati per garantire continuativamente una buona rispondenza del sistema informativo ai fabbisogni aziendali. I metodi per l’allineamento del sistema informativo alle esigenze del business sono il risultato della combinazione di due aspetti: 

· l’assetto organizzativo della funzione sistemi informativi, il disegno delle deleghe e i meccanismi di responsabilizzazione economica; 

· il sistema di definizione ed erogazione dei servizi offerti agli utenti interni ed esterni all’azienda. 

Questa componente della governance definisce quali organi sono coinvolti nell’indirizzare e gestire i vari aspetti che compongono il sistema informativo aziendale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

AUTOTRASPORTI, NUOVA CIRCOLARE PER GLI ISCRITTI

Settore dell’autotrasporto, obbligo di attestazione della capacità finanziaria per mantenere l’iscrizione all’Albo.

Continua

IL PROCESSO DI GESTIONE STRATEGICA

La gestione strategica è il modo di condurre un’organizzazione in base ad una strategia.

Continua

IL BREAK EVEN POINT: IL PUNTO DI PAREGGIO

E' un’analisi che studia la relazione che c’è tra i costi di struttura, i costi variabili e i volumi di produzione.

Continua

JUST IN TIME

...produrre solo ciò che è stato venduto o che si prevede di vendere in tempi brevi...

Continua

INSIDER TRADING

Le vicende della Banca Antonveneta hanno riempito le pagine dei giornali di termini economici non sempre comprensibili al grande pubblico,

Continua

IL LEAN THINKING

Il business non va più visto in termini di funzioni, divisioni e reparti, ma in termini di processi chiave.

Continua

TARGET COSTING

Il target costing è una tecnica di controllo dei costi che consente di determinare il prezzo del prodotto in funzione del valore percepito dal cliente

Continua

LA PNL NEL MONDO DEL LAVORO

Essere affiancati da collaboratori efficienti: il sogno di ogni imprenditore.

Continua

IL FLEET MANAGEMENT

IL FLEET MANAGEMENT, come soluzione per il parco auto, si avvicina al noleggio a lungo termine:

Continua

Leveraged buy out

Il leveraged buy-out è una forma di acquisizione societaria sviluppatasi negli Stati Uniti e diffusasi successivamente.

Continua

Legge 28 maggio 1997 n.140

Incentivi fiscali a sostegno dell'innovazione nelle imprese industriali

Continua

La fiscalità in Romania

L'ingresso della Romania nell'Unione Europea, offre lo spunto per una breve analisi del suo regime fiscale.Infatti tra le misure che il governo romeno adotterà ci sono anche quelle a carattere fiscale, volte ad allineare la legislazione romena agli standard dell'aquis comunitario.

Continua

Fattori di attrazione degli investimenti esteri in Irlanda

I regimi impositivi irlandesi di cui tanto si è discusso, e che sono stati oggetto di numerose critiche da parte dell'U.E., incidevano con un'aliquota societaria ( c.d.corporate tax) preferenziale del 10% (contro l'ordinaria del 24%) su determinate attività d'impresa, caratterizzate qu

Continua

Agevolazioni per l'imprenditoria femminile

La legge 215/92 "Azioni positive per l'imprenditoria femminile" costituisce senz'altro il fondamento degli interventi attuativi del disegno di riequilibrio tra i sessi in relazione al mondo dell'imprenditoria.

Continua

Il K. A. M.: gestire strategicamente le relazioni

Approcciare e descrivere il Key Account Management (da ora in poi KAM) non è semplice.

Continua

L'outsourcing

Affidare all'esterno alcune funzioni tipiche dell'impresa, al fine di ottenere una maggiore flessibilità o risultati di maggiore qualità.

Continua

L'Olanda nelle strutture internazionali

Nonostante l'Olanda sia un paese con una notevole pressione fiscale,offre numerose opportunità per molti gruppi di aziende internazionali attraendo di conseguenza le società finanziarie e di royalties e le holdings internazionali.

Continua

Business Intellicence

Trasformare i "dati" in "informazioni" e le informazioni in conoscenza, sono obiettivi imprescindibili per qualunque azienda.

Continua

Life Coaching Aziendale

Il coaching professionale è un rapporto di partnership che si stabilisce tra coach e cliente con lo scopo di aiutare quest'ultimo ad ottenere risultati ottimali sia in ambito lavorativo che personale.

Continua