Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto immobiliare

Contratto di locazione, nullo se non tempestivamente registrato

I contratti di locazione sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati

Contratto di locazione, nullo se non tempestivamente registrato - I contratti di locazione sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati

L'art. 1, C. 346 della L. 311/2004 stabilisce che “i contratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati

 

La nullità del contratto non registrato prevista dalla norma appena menzionata rientra fra quei casi di nullità previsti dalla legge ai quali fa riferimento l'ultimo comma dell'art. 1418 c.c. (C. Cost. 05.12.2007 n° 420[1]), ai sensi del quale “Il contratto è altresì nullo negli altri casi stabiliti dalla legge” 

 

Tale nullità, peraltro, è insanabile, come recentemente affermato da Corte di Appello di Roma, n. 3753 del 24.06.2015, avallata dalla Suprema Corte (Cass. Sez. Un. n. 18213 del 17.09.2015) con enunciazione del principio che, seppur in fattispecie parzialmente diversa da quella oggetto del presente giudizio, costituisce chiaro orientamento nel senso della nullità insanabile del contratto di locazione non registrato. 

 

Infatti, l’eventuale sanatoria dell’illecito tributario non potrà in alcun modo riverberare i propri effetti sulla nullità assoluta del contratto 

 

Alla nullità del contratto consegue inevitabilmente la inammissibilità delle azioni fondate sull’esistenza del contratto nullo e tra tali azioni rientra evidentemente quella di sfratto per morosità o per finita locazione

 

Si segnalano, tuttavia, posizioni divergenti della giurisprudenza di merito in base alle quali la successiva registrazione del contratto avrebbe effetti validanti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto immobiliare

Studio Legale Avv. Fabio Tamma - Bari (BA)

Studio Legale Avv. Fabio Tamma

Avvocati / Civile

Via Tanzi 7/b

70121 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Avvocati: recupero del credito professionale

La liquidazione degli onorari dell'avvocato deve essere trattata con il procedimento sommario anche se la domanda riguardi l'an della pretesa

Continua

Esecuzione illegittima ed intervento

L’originaria mancanza del titolo esecutivo da parte del creditore procedente inficia la legittimità dell’esecuzione e travolge tutti gli interventi

Continua

Vendita immobiliare e normativa urbanistica

E’ valida la compravendita di un immobile non in regola con la normativa urbanistica?

Continua

Espropriazione Equitalia sospesa su unico immobile

Inibizione espropriazione Equitalia su unico immobile del debitore adibito ad abitazione con fissazione residenza anagrafica.

Continua