Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto ambientale

Rumore da traffico ferroviario

Alcuni principi fondamentali nelle cause promosse dai disturbati per intollerabilità del rumore

Rumore da traffico ferroviario - Alcuni principi fondamentali nelle cause promosse dai disturbati per intollerabilità del rumore

RUMORE DA TRAFFICO FERROVIARIO 

 

ALCUNI PRINCIPI FONDAMENTALI NELLE CAUSE PROMOSSE DAI DISTURBATI 

 

Negli ultimi due anni si sono succedute varie sentenze in tema di disturbo da traffico ferroviario, che hanno accolto la domanda dei disturbati ex art. 844 c.c. ed ordinato a RFI di provvedere a quanto necessario per contenere il rumore nei limiti del tollerabile nonché  riconosciuto il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale (di tipo biologico, esistenziale). 

 

Segnalo due sentenze della Corte di Cassazione, la n. 22116/14 e la n. 8474/15 degne di nota per i principi enunciati e la chiarezza di esposizione. 

 

Ne sintetizzo i passaggi  a mio avviso più significativi

 

a) Quando un soggetto disturbato dal rumore ferroviario  propone azione ex art.  844 c.c. e art. 2043 c.c. (per far inibire il rumore, per il futuro, e per ottenere il risarcimento del danno, per il passato), la competenza (o meglio, la giurisdizione) spetta al Giudice civile e non al Giudice amministrativo. 

 

Ben può il Giudice civile ordinare a RFI (come del resto a qualsiasi Ente pubblico e/o concessionario di servizi pubblici) di “fare” oppure di “non fare” determinate attività tutte  le volte in cui l’Ente non osserva nella gestione e manutenzione dei beni le regole tecniche o canoni di diligenza e prudenza, e da ciò derivi un danno alla salute o alla qualità della vita,  diritti che non ammettono compromissione  alcuna, neppure  da parte della Pubblica Amministrazione. 

 

Se l’Ente, in altre parole, nella gestione del traffico ferroviario ometta di prendere cautele idonee ad evitare ripercussioni su diritti fondamentali  ed incomprimibili della persona ovvero trascura di provvedere al contenimento acustico pur nella consapevolezza di una situazione  pregiudizievole, ebbene quell’Ente commette un illecito, sul quale spetta al Giudice civile ordinario  pronunciarsi. 

 

b)  Quand’anche  il rumore prodotto dalla rete ferroviaria rispetti i limiti previsti dalla normativa pubblica (L. 447/95 e Regolamento esecutivo DPR 459/98), ciò non esclude che il disturbato, se prova la intollerabilità del rumore (ex art. 844 c.c.), possa ottenere dal Giudice civile un provvedimento contro l’Ente dal contenuto, come ripeto, sia inibitorio che risarcitorio. 

 

Anche l’art. 6 ter della Legge n. 13/2009 – come  ho avuto altre volte  occasioni di dire – non costituisce un ostacolo alla applicazione di questi principi cardine della tutela privatistica. 

 

c) Allorché il rumore, in questo caso ferroviario -  ma il principio è applicabile a qualsiasi altra attività – compromettono il diritto alla salute (inteso in senso ampio) non è rilevante il fatto che l’attività che lo produce sia preesistente. 

 

d) Nel risarcimento del danno non patrimoniale il Giudice può anche prescindere dalla rigorosa prova della sua effettiva entità, ben potendo ricorrere al criterio equitativo ed  alla presunzione che deriva dall’essere ormai accertato dalla scienza medica che la sottoposizione a rumore prolungato nel tempo, ha effetti pregiudizievoli per la salute e l’equilibrio psico-fisico delle persone. 

 

Avv. Santo Durelli

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto ambientale

Avv. Santo Durelli - Genova (GE)

Avv. Santo Durelli

Avvocati / Civile

Via Fieschi 20

16121 - Genova (GE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Rumore da traffico stradale: come tutelarsi

Conseguenze per il nostro organismo; Iniziative per la tutela; Rapporto tra tutela privatistica e pubblicistica; Aspetti operativi; Azione giudiziale.

Continua

Risarcimento danno non patrimoniale da immissioni

Criteri di liquidazione e recente sentenza del Tribunale di Genova

Continua

Tutela dal rumore. Il doppio binario

Rapporto tra tutela privatistica apprestata dall’art. 844 c.c. e la tutela pubblicistica ex L. 447/1995 e successivi decreti di attuazione

Continua

Come tutelarsi dal rumore?

Ecco tutto ciò che dovete sapere su normativa, normale tollerabilità ed accettabilità, differenze, tipologia di danni e possibili iniziative

Continua

Vicini rumorosi o carenza di isolamento?

Necessità di distinguere la causa del rumore, rimedi diversi

Continua