Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Le quote di legittima

Coniuge, figli e genitori possono pretendere una parte dell'eredità del defunto, qualunque cosa dica il testamento? E quali sono le varie ipotesi?

Le quote di legittima - Coniuge, figli e genitori possono pretendere una parte dell'eredità del defunto, qualunque cosa dica il testamento? E quali sono le varie ipotesi?

Ogni persona può liberamente disporre della sorte del proprio patrimonio dopo la morte redigendo un testamento. 

Tuttavia, tale libertà trova dei limiti nell’ipotesi in cui, al momento della scomparsa, il de cuius lasci dietro di sé il coniuge e/o dei parenti in linea retta: i figli e i genitori

Per legge infatti, queste persone hanno diritto ad una porzione del patrimonio ereditario, e qualora pertanto il defunto nelle sue disposizioni testamentarie avesse trascurato questi diritti, gli interessati hanno la possibilità di farli valere ricorrendo ad un’azione giudiziaria chiamata “azione di riduzione”. Con essa, infatti, si domanda che le scelte del defunto siano ridimensionate al fine di lasciare libera quella quota del patrimonio che era destinata alle categorie di eredi descritti, definiti “legittimari”. Tale azione può essere estesa anche alle donazioni eseguite in vita dal de cuius, se a loro volta hanno danneggiato così tanto il suo patrimonio da ledere i diritti dei legittimari. 

Le parti del patrimonio del defunto destinate per legge ai soggetti citati sono definite “quote di legittima”. Ma a quanto ammontano le quote di legittima? Per saperne di più dobbiamo spulciare gli articoli dal n. 536 al n. 548 del codice civile. 

Dobbiamo distinguere l’ipotesi in cui il caro estinto abbia lasciato dietro di sé il coniuge (anche quando i due fossero stati separati, purché a carico di costui o costei non vi sia stato l’addebito della colpa della separazione) da quella in cui egli fosse invece celibe/nubile, divorziato o vedovo. Iniziamo da quest’ultima ipotesi. 

In assenza di un coniuge, gli unici legittimari sono i figli. In caso di figlio unico, egli gode di una quota di legittima pari al 50% del patrimonio lasciato dal defunto; se invece fossero due o più, a tutti loro spettano due terzi del patrimonio da suddividersi in parti uguali. Appare superfluo ricordare che non esiste differenza alcuna fra figli nati dentro e fuori dal matrimonio nonché fra costoro e i figli adottivi. 

Se oltre al coniuge non vi sono nemmeno figli, allora le quote di legittima sorgono per i genitori del defunto (o altri eventuali ascendenti), per un ammontare pari a un terzo del patrimonio, da suddividersi in parti uguali. 

Cosa succede, invece, se il de cuius ha lasciato un vedovo o vedova? In caso di assenza di figli e ascendenti, al coniuge spetta una quota di legittima pari al 50% dell’asse ereditario. 

Se però concorre un unico figlio, a entrambi spetta una quota di legittima pari a un terzo; qualora invece concorrano due o più figli, a costoro spetta una quota di legittima pari alla metà del patrimonio del de cuius (da suddividere in parti uguali) mentre un quarto spetta al coniuge. 

Se infine il defunto non ha lasciato figli ma oltre al coniuge ha lasciato degli ascendenti, al primo spetta una quota di legittima pari al 50% del patrimonio e ai secondi il 25% da suddividere in parti uguali. 

Va inoltre ricordato che, in ogni ipotesi, al coniuge spetta il diritto di abitazione sulla casa coniugale (qualora inclusa nell’asse ereditario) inclusi tutti i mobili e gli arredi. 

C’è però un’eccezione importante ai diritti del coniuge, cui abbiamo già accennato. Se i due erano separati e al superstite è stata addebitata dal giudice la colpa della separazione, la quota di legittima cui avrà diritto consisterà solamente in un assegno vitalizio di entità conforme agli alimenti che gli erano stati eventualmente riconosciuti. 

Ricordiamo, infine, che il disegno di legge sulle unioni civili, attualmente in corso di esame parlamentare, prevede per coloro che sottoscrivono tale contratto una totale parificazione dei diritti successori riconosciuti al coniuge. 

  

  

  

  

  

  

  

  

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dr. Giuseppe Aymerich - Cagliari (CA)

Dr. Giuseppe Aymerich

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Fleming 2/A

09125 - Cagliari (CA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Diritto camerale 2016

Anche quest’anno i titolari di reddito d’impresa sono tenuti al versamento del diritto annuale alla Camera di Commercio. Ma quanto si paga?

Continua

Il regime IVA sulla raccolta dei tartufi

Chi trova un tartufo, si sa, trova un tesoro. Ma come la mettiamo con il Fisco?

Continua

L'indegnità nelle successioni

Il marito eredita dalla moglie e la moglie dal marito. Ma è sempre così? Cosa accade se uno dei due ha assassinato l'altro?

Continua

Il numero di partita IVA sulla homepage

Se quasi ogni imprenditore e professionista ha ormai varato il proprio sito web, non tutti sanno che il Fisco sanziona una piccola violazione formale

Continua

Cessione/affitto d'azienda: divieto di concorrenza

Colui che cede o affitta la sua azienda ha l'obbligo di astenersi dalla concorrenza nei confronti della controparte. Che contorni ha questo divieto?

Continua

Esenzione canone Rai per over-75

Le persone di età avanzata e con un reddito modesto possono chiedere di essere totalmente esentati dal canone Rai. Ma quali sono i requisiti?

Continua

Le imposte sulla dichiarazione di successione

Quali tasse occorre pagare quando si presenta la dichiarazione di successione? E come si calcolano? Scopriamolo insieme!

Continua

La tassa sui libri sociali per il 2016

Come ogni anno, entro il 16 marzo occorre pagare la tassa annuale sui libri sociali. A quanto ammonta? E chi è tenuto al pagamento?

Continua

Agevolazioni INPS per i contribuenti forfettari

Gli imprenditori aderenti al regime forfettario hanno tempo fino al 28 febbraio per richiedere all'INPS le agevolazioni sui contributi minimi!

Continua

La marca da bollo sulle fatture

Ma sulle fatture va messa la marca da bollo? E quando? Vediamo di fare chiarezza!

Continua

Come pagare un modello F24

Ormai la grande maggioranza dei pagamenti di imposte e contributi avviene con il modello F24. Ma quali sono i vincoli che occorre rispettare?

Continua