Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Minori: omessa corresponsione mezzi sostentamento

Lettura critica del delitto: è necessario un inadempimento serio e sufficientemente protratto a prescindere da un provvedimento del giudice civile

Minori: omessa corresponsione mezzi sostentamento - Lettura critica del delitto: è necessario un inadempimento serio e sufficientemente protratto a prescindere da un provvedimento del giudice civile

Il mantenimento del figlio configura un vero e proprio obbligo giuridico in capo al genitore. 

Mantenimento, istruzione ed educazione, sono i diritti dei figli stabiliti dell’art. 30 Cost., e gravano sui genitori per il solo fatto della procreazione. 

L’art. 315 bis c.c., ispirato al citato principio costituzionale, rubricato “Diritti e doveri dei figli” delinea i diritti dei figli rispetto ai genitori: essi hanno il diritto di essere mantenuti, educati, istruiti e assistiti moralmente, nel rispetto delle loro capacità, inclinazioni e aspirazioni. 

È significativo che gli obblighi gravanti in capo ai genitori non siano più espressi in termine di dovere del genitore medesimo, ma siano indicati quali veri e propri diritti dei figli. Il legislatore ha, quindi, profondamente cambiato prospettiva: lo scopo non è più imporre doveri ai genitori ma riconoscere una serie precisa di diritti di cui risultano titolari i figli stessi. 

Per questo motivo, i diritti dei figli permangono nei confronti dei genitori anche in caso di separazione ovvero di cessazione degli effetti civili del matrimonio, e, in modo più ampio, indipendentemente dal vincolo che lega i genitori. 

Tuttavia, frequentemente, si verifica l’ipotesi in cui un genitore omette di contribuire al mantenimento della prole, obbligando l’altro a provvedervi integralmente. 

L’ordinamento giuridico offre diversi rimedi nei confronti del coniuge inadempiente sia in sede civile, attraverso le tutele fornite al coniuge e ai figli (art. 156 c.c.), sia in sede penale. 

L’omesso versamento acquista rilievo penale nei limiti di cui all’art. 570, co. II, n. 2, c.p. che, così come modificato dal D.Lgs. 154/2013, sanziona chiunque “fa mancare i mezzi di sussistenza ai discendenti di età minore, ovvero inabili al lavoro, agli ascendenti o al coniuge, il quale non sia legalmente separato per sua colpa”

La condotta descritta dalla norma consiste nel far mancare, totalmente o parzialmente, i mezzi di sussistenza, vale a dire le cose strettamente necessarie alla vita, e, quindi, presuppone, nonostante il silenzio della norma, lo stato di bisogno della persona offesa. 

Lo stato di bisogno del figlio minore, come è noto, è presunto, essendo costui, per l’età, privo di capacità lavorativa e di produrre reddito proprio, rappresentando la minore età “in re ipsa” una condizione soggettiva dello stato di bisogno. 

La norma incriminatrice, per come formulata, non consente però di giudicare penalmente rilevante una condotta di omessa assistenza materiale che tuttavia non si risolva nell’aver fatto venire meno i mezzi di sussistenza. Il concetto di mezzi di sussistenza è più restrittivo rispetto del concetto di alimenti ex art. 438 c.c. concernendo esclusivamente le cose necessarie alla vita come il vitto, l’abitazione, il vestiario, i medicinali, la frequenza scolastica e similari. 

Resta interessante approfondire l’evoluzione della portata applicativa della norma. 

Un’interpretazione restrittiva della norma sembrerebbe individuare quale elemento costitutivo del reato il provvedimento di separazione del matrimonio pronunciato del giudice civile. 

Alla sentenza di separazione, successivamente è stato equiparato il provvedimento giudiziale di cessazione degli effetti civili del matrimonio: l’art. 12 bis della L. 898/1970, introdotto dal legislatore del 1987, ha esteso le pene previste dall’art. 570 c.p. a chi si sottrae agli obblighi imposti dal giudice con la sentenza di cessazione degli effetti civili del matrimonio. 

Recentemente, la giurisprudenza della Suprema Corte è, invece, ormai consolidata nell’affermare che non vi è equiparazione tra il fatto penalmente sanzionato e l’inadempimento civilistico, considerato che la norma contenuta nel codice penale non fa riferimento a singoli mancati pagamenti bensì ad una condotta di volontaria e prolungata inottemperanza degli obblighi imposti dalla legge. Secondo tale ultimo orientamento, pertanto, l’obbligo di somministrare i mezzi di sussistenza nasce dal momento in cui l’obbligato viene a conoscenza dello stato di bisogno dell’avente diritto, indipendentemente dall’esistenza di un provvedimento definitivo o provvisorio del giudice civile, dalla presentazione di una domanda giudiziale o da una messa in mora. 

 

Pertanto, in conclusione, indipendentemente da qualsivoglia provvedimento del giudice civile, il genitore, sia esso legittimo o naturale, è obbligato a garantire alla prole i mezzi di sussistenza e risponde penalmente in caso di inadempimento serio e sufficientemente protratto per un tempo tale da incidere apprezzabilmente sulla disponibilità dei mezzi del figlio.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale - Bergamo (BG)

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale

Avvocati / Civile

Via Jacopo Palma Il Vecchio 45

24122 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Revoca dell’amministratore di una Srl

Devono sussistere gravi irregolarità nella gestione della società. Ecco un caso

Continua

Precetto: mancato avviso di composizione crisi

Precetto valido: commento a Tribunale di Milano, n. 4347/2016

Continua

Convivente more uxorio: opposizione dell`archiviazione

Il convivente more uxorio può presentare opposizione nel caso in cui la persona offesa sia deceduta in conseguenza del reato

Continua

Immobile assegnato al coniuge

Quale tutela per il terzo acquirente di immobile assegnato al coniuge non proprietario ma affidatario dei figli minori?

Continua

Stepchild adoption a due papà

L`istituto è di fatto già esistente nel nostro ordinamento. Sentenza storica del Tribunale per i Minorenni di Roma

Continua

Direttiva 2014/17/UE

Con l`attuazione della Direttiva 2014/17/UE, l`abrogazione del divieto di patto commissorio?

Continua

Incostituzionale la legge pinto

La Consulta boccia il termine per il procedimento volto all’equo indennizzo determinato da irragionevole durata del processo

Continua

Identità genere: cambio di sesso senza operazione

La Suprema Corte interviene sulla necessità o meno dell’intervento chirurgico quale presupposto per la rettifica anagrafica del sesso

Continua

Consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto

Azione revocatoria: la prescrizione è interrotta dalla consegna all’ufficiale giudiziario dell’atto, indipendentemente dalla ricezione

Continua

Opposizione a D.I.: a chi spetta la mediazione

Spetta all`opponente, a pena di improcedibilità, esperire il tentativo di mediazione obbligatoria

Continua

Ristrutturazione: edifici crollati o demoliti

Rassegna della giurisprudenza sull'art. 3, d.p.r. 380/2001 così come modificato dal c.d. Decreto del Fare.

Continua

Gestione dei rifiuti: natura del FIR

Brevi precisazioni in merito alla sentenza della Corte di Cassazione N. 43613 del 29/10/2015 sulla distinzione tra il FIR e il certificato di analisi dei rifiuti

Continua

La compensazione delle spese di lite

Come la compensazione delle spese premierebbe la contumacia dei debitori di crediti “irrisori” – Quali diritti per chi agisce?

Continua

SCIA: luci e ombre anche dopo la riforma della PA

Lettura critica della segnalazione certificata di inizio attività

Continua