Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Errore medico: chi paga?

Il risarcimento danni derivanti da cattiva pratica medica dopo la Legge Balduzzi

Errore medico: chi paga? - Il risarcimento danni derivanti da cattiva pratica medica dopo la Legge Balduzzi

La richiesta di risarcimento danni derivanti da cattiva pratica medica è una delle questioni più attuali e diffuse del momento. Proprio nell’interesse e la diffusione di azioni risarcitorie dirette avverso aziende ospedaliere ed i medici che vi lavorano, ha indotto il legislatore recentemente ad intervenire. 

 

Recentemente infatti la materia è stata interessata da una importante novella legislativa, con l’entrata in vigore del d.l. 158/2012 conv.in L. 189/2012. cd Legge Balduzzi,  con cui ci si è posti il problema di inquadrare correttamente la questione della responsabilità medica alla luce della nuova disciplina. 

In precedenza, la responsabilità civile da medical malpractice era stata costantemente ricondotta alla responsabilità contrattuale per inadempimento di cui all’art. 1218 cc., in combinato disposto con l’art. 1173 cc. che comportava l’applicazione di un regime di favore nei confronti del paziente, che aveva dieci anni per promuovere azione risarcitoria ed oneri probatori più facilitati. 

L’interpretazione letterale dell’art. 3 della suddetta legge, invece, ha portato ad un cambio di rotta in materia, inducendo piuttosto a considerare la responsabilità del medico un’ipotesi di illecito aquiliano

 

Più precisamente, per tutte le condotte non configurabili quali inadempimento di un contratto d’opera diverso da quello concluso con la struttura ospedaliera, la nuova disciplina imporrebbe di considerare la responsabilità di coloro che esercitano le professioni sanitarie sussumibile nell’art. 2043 cc, ovvero da responsabilità per illecito aquiliano. 

Di conseguenza, perché tale responsabilità possa almeno sussistere, devono manifestarsi e dimostrarsi in giudizio tutti i presupposti dell’illecito extracontrattuale, ovvero la lesione del diritto, il danno ingiusto, il nesso causale tra condotta ed evento, dolo o colpa, il cui onere probatorio incombe sul danneggiato, mentre il termine prescrizionale passa dall’ordinario termine decennale a quello quinquennale. 

 

Appare quindi evidente che svincolare la responsabilità dei professionisti dalle regole generali sull’adempimento delle obbligazioni, in ogni caso in cui il paziente non sia legato al professionista da un rapporto contrattuale, ha delle notevoli ricadute tanto sul piano teorico quanto sul piano pratico. 

Un’altra importante modifica legislativa che ha interessato la materia è stata introdotta dal DL n.98/2013 (Decreto del fare) convertito con modificazioni nella L 98/2013 , che stabilisce  che la mediazione è obbligatoria, oltre che nei casi di responsabilità medica, anche nei casi di responsabilità sanitaria, intesa come responsabilità degli esercenti professioni sanitarie ossia quelle controversie aventi ad oggetto il risarcimento del danno derivante da rapporti instaurati tra paziente e struttura sanitaria pubblica e privata. 

Il legislatore prende atto ormai dell’evoluzione giurisprudenziale in materia e della sostanziale equiparazione, sotto il profilo della responsabilità nei confronti del paziente, fra la prestazione del medico e quella della struttura sanitaria, sul presupposto che il rapporto che si instaura tra il paziente e la struttura sanitaria (pubblica e privata) deve qualificarsi alla stregua di un contratto d’opera professionale. 

 

Pertanto, anche la responsabilità dell’ente ospedaliero o clinico, dovendo considerarsi come disciplinata dalle norme che regolano la responsabilità professionale medica, è stata correlata alla disposizione di cui all’art. 2236 cc. 

In questo modo, oltre alla classica responsabilità del medico quale prestatore d’opera intellettuale nei confronti del paziente vengono ricondotte nell’ambito della mediazione obbligatoria quelle fattispecie che attengono a prestazioni proprie delle strutture sanitarie inquadrate dalla giurisprudenza di legittimità nel cd rapporto da contatto sociale e nei contratti di spedalità. 

 

Con il rapporto da contatto sociale si fa riferimento a tutti quei casi in cui l’ente ospedaliero risponde a titolo contrattuale per i danni subiti da un privato a causa della non diligente esecuzione della prestazione medica da parte di un medico all’interno della struttura sanitaria, 

In tale fattispecie, l’obbligazione del medico, ancorché non fondata su contratto e connotata dall’affidamento che il malato pone nella professionalità dell’esercente una professione protetta, ha natura contrattuale e tale natura viene individuata non con riferimento alla fonte dell’obbligazione, ma al contenuto del rapporto. 

Per quanto attiene invece al contratto di spedalità si fa riferimento alle modalità di gestione e di organizzazione delle cure mediche ed alla circostanza che i servizi erogati dalla struttura sanitaria sono di fatto distinti ed ulteriori rispetto a quelli del personale medico. 

 

La giurisprudenza di legittimità, nel delineare questa nuova figura contrattuale, ha messo in luce oltre alla principale prestazione di curare il paziente erogata dalla struttura sanitaria, anche tutta una serie di altre prestazioni (l’alloggio, l’alimentazione, gli impianti e le attrezzature cliniche le risorse umane sanitarie e non), che concorrono in modo complesso ed unitario a garantire il risultato finale e da cui possono derivare , nei confronti dei pazienti, responsabilità della struttura sanitaria che prescindono dall’attività del personale medico.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Avv. Laura Mezzena - Milano (MI)

Avv. Laura Mezzena

Avvocati / Civile

Via Alfonso Lamarmora 33

20122 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La Sindrome di Alienazione Parentale

Rappresenta un criterio valido dal punto di vista giuridico?

Continua

Il testamento biologico. Brevi cenni

Ecco cosa sono le DAT e cosa prevede la normativa in vigore dal 31 gennaio 2018

Continua

Overbooking, cancellazione e ritardo del volo

Nell’era del boom delle compagnie low-cost, quali sono le tutele per i passeggeri?

Continua

Affidamento dei figli in caso di trasferimento

Il trasferimento lontano dall'altro genitore non fa perdere l'affidamento dei figli

Continua

La responsabilità del notaio

La responsabilità del notaio per la violazione del dovere di consiglio

Continua

Le novità in materia delle locazioni brevi

I nuovi obblighi fiscali dell’intermediatore immobiliare

Continua

Lavoro accessorio: i nuovi Voucher

Al via dal 10 luglio la nuova piattaforma online sul sito dell’INPS

Continua

Permesso di soggiorno, nuovi contributi

Con il decreto del 9 giugno variano gli importi per il rilascio del permesso di soggiorno

Continua

IUS SOLI, cosa potrebbe cambiare?

In questi giorni, in Italia, si discute animatamente circa la legge sulla cittadinanza. Ma cosa prevede?

Continua

La svolta epocale sugli assegni di mantenimento

La sentenza n. 11504 del 2017 e il revirement della Corte di Cassazione sul “medesimo tenore di vita” dei coniugi

Continua

Sul cosiddetto mobbing immobiliare

Il mobbing immobiliare consisterebbe nelle pressioni, anche illegali, dei proprietari "per cacciare gli inquilini" allo scopo di sfruttare meglio l'immobile

Continua

Parto anonimo: ricerca delle origini

Esiste per il figlio adottato il diritto a conoscere la propria madre biologica?

Continua

Accettazione dell’eredità con beneficio di inventario

Per evitare di pagare i debiti del defunto con il proprio patrimonio, gli eredi possono ricorrere a un particolare tipo di accettazione dell’eredità

Continua

Vizi: sospensione dei canoni di locazione?

L'inquilino deve pagare il canone anche se la casa affittata presenta dei vizi

Continua

Sulla rottamazione delle cartelle esattoriali

Come scegliere l'alternativa migliore tra rottamazione e rateizzazione

Continua

Rottamazione delle cartelle di Equitalia

Ultimi aggiornamenti sulla definizione agevolata e procedura per chiedere la rottamazione

Continua

Ipoteca immobiliare: trauma da stress

Il trauma da stress provocato dall’Agente delle tasse che iscrive erroneamente ipoteca su un immobile di proprietà va risarcito come danno biologico

Continua

Il nuovo amministratore e i controlli contro i morosi

La Riforma del condominio ha introdotto due novità legislative importanti su amministratori e controlli serrati contro i morosi

Continua

Unioni civili e convivenze 2016

Domenica 5 giugno 2016 è entrato in vigore il ddl Cirinnà. Ecco i punti principali

Continua

La responsabilità medica 2016

In materia di inquadramento giuridico della responsabilità medica, il punto di partenza del ragionamento è la natura della responsabilità.

Continua

Le nuove procedure esecutive 2016

Le novazioni più rilevanti al codice di procedura sono contenute nelle “Disposizioni in materia di espropriazione forzata”

Continua

Il nuovo divorzio breve

I nuovi istituti si applicano non solo alle separazioni e ai divorzi, ma anche alle modifiche delle condizioni stabilite nelle separazioni e divorzi già sanciti

Continua

Il nuovo procedimento di esdebitazione per il consumatore

Permette la cancellazione dei debiti pregressi del debitore, compresi quelli verso il fisco

Continua

Il corretto valore delle c.d. tabelle milanesi

Cass. Sent. n. 9367 del 10 maggio 2016: le cd. tabelle milanesi non costituiscono fonte di diritto

Continua

Obbligo di assistenza familiare nonostante la disoccupazione

Obblighi di assistenza familiare: lo stato di disoccupazione non esime dal mantenimento dei figli

Continua

Recupero crediti, quando si configura un abuso del diritto?

Anche l’eccesso di tutela del credito fatto valere in giudizio configura una ipotesi di abuso del diritto

Continua

Fondo di solidarietà per il coniuge in stato di bisogno

Lo Stato anticipa l’assegno che non è stato versato dall’ex coniuge a chi versa in stato di bisogno

Continua

Spese extra di istruzione in caso di separazione, chi deve pagare?

Anche se non vi è stato un accordo preventivo, vi è l’obbligo di corresponsione delle spese extra da parte di entrambi i genitori

Continua

Sulla medicina estetica correttiva

Brevi cenni sul consenso informato e responsabilità medica

Continua