Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Counseling

Crescita personale e crescita professionale

Counselor, psicologi, coach, medici, assistenti sociali... Per tutte le figure che si occupano di relazioni di aiuto crescere è essenziale

Crescita personale e crescita professionale - Counselor, psicologi, coach, medici, assistenti sociali... Per tutte le figure che si occupano di relazioni di aiuto crescere è essenziale

Da qualche anno, in Italia, c’è un libro che fa capolino dagli scaffali delle librerie e che parla di: Usare il cervello per arrivare al cuore, lo ha scritto Gianfranco Damico.

Da poco, a Cosenza, è in programma un corso che si intitola Dal cervello al cuore e dal cuore al cervello, fatto di 10 laboratori esperienziali che accompagnano chi li segue ad esplorare una porzione del mondo interpersonale ed una del mondo intrapersonale, condotto da me che sto scrivendo e da un’ottima collega.

Al centro di ciò, tra un libro ed un corso, nell’ampio campo spazio-temporale che li unisce e li separa, c’è un concetto, spesso inseguito, a volte esplicitato, in altri casi evocato, in talune circostanze banalizzato, ma quasi sempre rispettato: crescita personale.

Basta poco per rendersi conto di quanta energia e di quante aspettative vi ruotino intorno, è sufficiente digitare le due paroline sulla tastiera e la connessione fa il resto, propone immagini, indirizzi, web e non, libri, appuntamenti formativi, video, audio, lettere di chi chiede aiuto e risposte di chi lo offre.

C’è un grande mercato che si muove e che esprime un fatto palese, ovvero che esiste, nei singoli e nei tanti, la tensione verso qualcosa che dia una risposta e che garantisca una condizione migliorativa rispetto all’attuale.

Detto ciò possiamo aprire la polemica, sì perché ho appena usato tre parole che possono fare indignare, soprattutto se si parla del disagio delle persone, le parole sono: mercato, risposta e garanzia.

Eppure la realtà così come essa è, perciò spesso ben differente da come la vorremmo, mostra dati oggettivi, cioè che il mercato c’è e che la domanda e l’offerta di aiuto ne regolano l’andamento.

È stato così, lo è e lo sarà, quindi occorre una bussola, ovvero uno strumento che consente di tenere nella propria mano un’opportunità di orientamento e che suggerisce l’esistenza  di due presupposti: la direzione e il viaggio.

Ansia, angoscia, paura, rabbia, rifiuto, sconcerto, guadagno, conflitto, vuoto sono solo alcune delle tante orme del lungo percorso che si snoda all’interno ed all’esterno degli individui, sono tracce di vita che si imprimono nei campi professionali ed in quelli sentimentali.

Si tratta di contrassegni che ciascuno cerca, come sa e come può, di organizzare e di rendere il meno dolorosi possibile, spesso ignorando o dimenticando che il senso che attribuiamo loro è frutto di come siamo abituati a giudicare, apponendo etichette che frequentemente diventano prigioni.

Così occorre tornare alla base, a quell’origine semplice e biologica che consente di riposizionare i nostri mattoni, per imparare a scegliere così come abbiamo imparato a camminare: prima gattonando.

La direzione e il viaggio sono i presupposti di ciò che ogni individuo chiama vita, lo sono anche nella loro assenza, assenza di direzione ed assenza di movimento, che però conducono lo stesso da qualche parte: per esempio in un gorgo che si avvita su se stesso, come accade a chi, estremizzando, precipita nelle dipendenze, o nello stallo, come accade a chi, sempre estremizzando, si invischia immancabilmente in rapporti violenti; un blocco che fa ripetere giorni, errori ed atti come se fossimo canne imprigionate in un pantano.

Oppure no. Almeno non solo.

Accogliere l’idea che la crescita personale sia un concetto ovvio, per poi accettare quella che sia fattibile farne un concetto unico, è uno di quei mattoni.

Accogliere l’idea che questo concetto, divenuto unico, sia anche disponibile a farsi da parte un po’, per consentire la relazione e ad affermarsi un altro po’, per consentire la differenziazione, è un altro di quei mattoni.

Mattoni che ogni individuo può modellare, incastrare nella propria storia e fermare con la malta di un’esperienza che non ha mercato, perché nessuno ha il potere di racchiuderla in una pagina, per quanto ben scritta, né in un’attività didattica, per quanto ben calibrata.

Non c’è la risposta né c’è la garanzia.

C’è invece un pezzetto di strada, una porzione di quella lunga e a volte scorrevole, altre volte accidentata, minacciosa e bellissima via, piena di insidie e di scoperte, per affrontare la quale ciascuno cerca una soluzione.

Che non c’è, almeno non quella univoca ed assoluta che in fondo desideriamo.

È questo il cuore della crescita personale, che c’è a prescindere, perché pulsa e batte comunque, ed è in questo che essa rivela di possedere anche un cervello, perché può essere decodificata, presa ed usata, anche per imparare a lasciare andare.

Decidere, usando quel libero arbitrio di cui disponiamo, di procurarsi aiuti, stimoli ed opportunità per dirigere, orientare, nutrire e definire ciò che siamo, sappiamo e sentiamo, è un atto connaturato nell’essere umano, il solo a poter usare la parola consapevolezza, comprendendo che essa è sempre nel qui ed ora.

 Perché, dopotutto, domani è un altro giorno.

 
Riferimenti bibliografici dell’articolo:
Gianfranco Damico, Il codice segreto delle relazioni. Usare il cervello per arrivare al cuore, Urra, Milano 2013
Giorgio Nardone e Paul Watzlawick, L’arte del cambiamento, Ponte alle Grazie , Milano 1990
Ronald D. Siegel, Qui e Ora. Strategie quotidiane di mindfulness, Erickson, Trento 2010
W. Hugh Missildine, Il bambino che sei stato, Erickson, Trento 1996,
Viktor E. Frankl, Uno psicologo nei Lager, Ares, Milano 2012



articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Counseling

Studio Di Consulenza Personale, Di Coppia E Di Gruppo Ancarani Dr.ssa Paola - Castrolibero (CS)

Studio di Consulenza personale, di coppia e di gruppo Ancarani Dr.ssa Paola

Counseling e coaching / Sviluppo e benessere

Via Aldo Moro 20

87040 - Castrolibero (CS)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

TI AMO, TI SPOSO, TI LASCIO: coppie che scoppiano

Spesso i partner arrivano a vivere l'iter della delusione sentimentale. I progetti si infrangono e i cuori si spezzano. Ma davvero non si può evitare?

Continua

Il potere terapeutico della parola scritta

La narrazione è uno strumento e al tempo stesso uno scrigno, nel quale si conservano le gemme della nostra storia personale

Continua

PSICHE E SOMA: le parole del corpo

Malesseri, dolori, disfunzioni, sono segnali che il nostro corpo invia per dirci qualcosa. Facciamo i conti con la somatizzazione?

Continua

Affrontare perdite e lutti

Ci sono eventi della vita che costringono ad affrontare un carico di cambiamenti e di emozioni che possono sembrare invalicabili. A volte serve aiuto.

Continua

FAST RESET - Guarire emotivamente in modo rapido

Tra le molte tecniche valide per facilitare, velocizzare e migliorare il percorso di aiuto di chi sceglie di affrontare un disagio, c'è il FastReset.

Continua

Mutismo (selettivo) o timidezza?

Bambini che non parlano a scuola ma parlano a casa. Spesso li si considera "solo" timidi e se invece non fosse così? NON sempre il silenzio è d'oro

Continua