Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Architettura e design

ll PIANO CASA in Veneto

Applicazione del Piano Casa in Veneto: ampliamento, demolizione e ricostruzione di edifici esistenti

ll PIANO CASA in Veneto - Applicazione del Piano Casa in Veneto: ampliamento, demolizione e ricostruzione di edifici esistenti

In Veneto la Legge Regionale n.14 dell’8 luglio 2009, “Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l’utilizzo dell’edilizia sostenibile e modifiche alla legge regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche”, è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 56 del 10 luglio 2009, a carattere straordinario. 

Il termine per la presentazione delle istanze (D.I.A. o Permesso di Costruire) del Piano Casa è il 17 maggio 2017

La norma prevede interventi di ampliamento, demolizione e ricostruzione di edifici residenziali e non residenziali, in deroga a strumenti urbanistici e regolamenti edilizi vigenti. 

Viene data la possibilità di aumentare la volumetria dei fabbricati esistenti al 31 ottobre 2013 e di riqualificarli dal punto di vista energetico e architettonico. Diventa infatti possibile ricavare una o più stanze aggiuntive per rispondere al fabbisogno abitativo o produttivo. 

AMPLIAMENTO VOLUMETRICO PER GLI EDIFICI RESIDENZIALI

-       Sugli edifici esistenti al 31 ottobre 2013 sono consentiti ampliamenti volumetrici del 20%; è comunque consentito un ampliamento fino a 150 mc per gli edifici residenziali unifamiliari da destinarsi a prima casa di abitazione. È consentito un ulteriore 10% se si prevede l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile con una potenza non inferiore a 3 kwh. È ammesso un ulteriore bonus del 15% in caso di riqualificazione energetica di tutto l’edificio in classe B. La percentuale di ampliamento è elevata di un ulteriore 5% se l’intervento prevede la messa in sicurezza sismica dell’intero edificio. Per gli interventi che comportano la rimozione della copertura in amianto è concesso un ampliamento fino al 10%. Non contribuiscono a formare volumetria aggiuntiva le pensiline e le tettoie per l’installazione di impianti solari e fotovoltaici con potenza di picco non superiore ai 6 kwp. È anche possibile il recupero dei sottotetti esistenti al 31 ottobre 2013, in linea con le disposizioni della L.R. 12/1999, a eccezione di quelli oggetto di contenziosi. È ammesso il cambio di destinazione d’uso degli edifici, a condizione che la nuova destinazione sia consentita dalla disciplina di zona. La riduzione degli oneri è fissata al 60% se gli interventi sono destinati alla prima abitazione. I Comuni possono stabilire ulteriori riduzioni se si utilizzano tecniche di risparmio energetico, bioedilizia ed energie rinnovabili. 

AMPLIAMENTO VOLUMETRICO PER DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI

-       La demolizione e ricostruzione degli edifici situati in zona territoriale omogenea propria può avvenire anche parzialmente e può prevedere incrementi del volume fino al 70% qualora vengano utilizzate tecniche costruttive che portino la prestazione energetica dell’edificio in classe A. Il bonus può arrivare fino all’80% in caso di utilizzo di tecniche costruttive di bioedilizia. In questi casi è sempre obbligatorio il rispetto delle regole dell’edilizia sostenibile contenute nella L.R. 4/2007. È inoltre previsto un premio volumetrico fino al 50% per la demolizione di un edificio in area a rischio idrogeologico e la sua ricostruzione in un’area diversa. Sono previste riduzioni del 60% dei contributi di costruzione, ma solo nel caso in cui i lavori vengano effettuati sulla prima casa di abitazione. Gli interventi possono essere realizzati con Dia. È invece necessario il permesso di costruire se l’intervento implica una ricomposizione planivolumetrica per la ricostruzione del nuovo edificio su un’area diversa. 

AMPLIAMENTO VOLUMETRICO PER EDIFICI NON RESIDENZIALI

-       Il Piano Casa consente l’incremento del 20% della superficie coperta per gli edifici destinati ad uso diverso da quello residenziale: capannoni industriali - locali commerciali - immobili destinati ad artigianato o servizi. È ammesso un premio ulteriore del 10% se si utilizzano tecnologie che prevedono l’uso di fonti rinnovabili con una potenza non inferiore a 3 kwh. La percentuale di ampliamento è elevata di un ulteriore 10% se l’intervento prevede la messa in sicurezza sismica dell’intero edificio. Per gli interventi sugli edifici esistenti che comportano la rimozione della copertura in amianto è concesso un ampliamento fino al 10%. Anche per gli edifici non residenziali è possibile il recupero dei sottotetti esistenti. 

AMPLIAMENTO VOLUMETRICO PER DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE DI EDIFICI NON RESIDENZIALI

-       Per gli edifici non residenziali esistenti al 31 ottobre 2013 situati in zona territoriale omogenea propria sono previsti bonus di superficie fino al 70% se si utilizzano tecniche costruttive che portino la prestazione energetica dell’edificio in classe A. Il bonus può arrivare fino all’80% in caso di utilizzo di tecniche costruttive di bioedilizia. È inoltre previsto un premio fino al 50% per la demolizione di un edificio in area a rischio idrogeologico e la sua ricostruzione in un’area diversa. 

Tuttavia il Piano Casa prevede delle esclusioni nell’applicazione della Legge, in particolare per: 1) gli immobili ubicati nei centri storici o nelle zone classificate come “A” sui quali sono imposti vincoli di tutela; 2) gli edifici sottoposti a vincolo monumentale; 3) gli immobili situati in aree di rispetto e aree di inedificabilità assoluta; 4) gli immobili abusivi; 5) gli edifici ricadenti in aree dichiarate ad alta pericolosità idraulica o geologica; 6) gli edifici posti sotto tutela dagli strumenti urbanistici; 7) i sottotetti oggetto di contenzioso. 

Prima di procedere all’applicazione del Piano Casa è necessaria una verifica presso l’ufficio tecnico del Comune ove è ubicato l’immobile, da parte del cittadino o del progettista incaricato.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Architettura e design

Arch. Mirko Zonta - Galliera Veneta (PD)

Arch. Mirko Zonta

Architetti / Architetti

Via Leonardo Da Vinci 49

35015 - Galliera Veneta (PD)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

10 punti chiave dell`edilizia ecologica

Progettazione di edifici ecologici seguendo i principi della bioarchitettura

Continua

SERRAMENTI IN FERRO, una soluzione da valutare

Un'alternativa valida nella scelta degli infissi è il serramento in ferro

Continua

Obbligo cambio residenza entro 18 mesi

A decorrere dalla data del rogito la legge concede un periodo di 18 mesi per trasferire la propria residenza nel Comune dove si acquista la prima casa

Continua

Detrazioni fiscali in edilizia nel 2016

Principali detrazioni fiscali valide entro il 31.12.2016 per le ristrutturazioni e le riqualificazioni edilzie

Continua

Scale per interni, come scegliere?

Tipologie di scale interne, forme e materiali. Dimensionamento di una scala e normativa di riferimento

Continua