Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Tassazione delle stock option

Dal punto di vista fiscale le stock option sono da considerarsi a tutti gli effetti come i fringe benefit

Tassazione delle stock option - Dal punto di vista fiscale le stock option sono da considerarsi a tutti gli effetti come i fringe benefit

I piani di stock option costituiscono uno strumento di incentivazione retributiva e di fidelizzazione della forza lavoro beneficiaria (dipendenti o amministratori) ritenuta strategicamente importante per l’azienda.
Attraverso l’assegnazione di stock option, la società offre ad un dipendente il diritto (opzione) ad acquistare un proprio pacchetto azionario - o di altra società facente parte dello stesso gruppo - in un arco temporale futuro prestabilito e ad un prezzo predeterminato, solitamente pari al valore delle azioni all’atto dell’offerta stessa.
In un piano di stock option possono pertanto essere distinti i seguenti momenti fondamentali:
il granting c.d. diritto di opzione, ovvero il momento in cui il beneficiario riceve un diritto a divenire azionista della società datrice di lavoro o di altra società appartenente al medesimo gruppo. In questo momento viene anche il fissato il c.d.strike price, ovvero il prezzo di esercizio; il vesting period, ovvero il periodo di maturazione intercorrente dall’ offerta dell’opzione al termine iniziale per la sua esercitabilità, la quale, a sua volta, può essere diluita nel tempo;l’exercising, cioè la data in cui viene effettivamente esercitato il diritto di opzione e quindi l’azione viene effettivamente acquisita alle condizioni fissate nella fase del granting.
Questa è la struttura base di un piano di stock option, che dovrà poi essere disciplinato nei particolari dallo specifico Regolamento che le società sono tenute a perfezionare ed approvare per definire le specifiche condizioni, quali ad esempio:
l’aumento di capitale a servizio del piano, o le condizioni a cui far fronte agli impegni presi con il piano con titoli già detenuti;la possibile o meno cedibilità delle opzioni; il subordinare l’esercizio delle opzioni al raggiungimento di determinate performance(individuali o aziendali); la previsione di un periodo massimo di vita del piano allo scadere del quale le opzioni maturate e non esercitate decadono; la limitazione all’esercizio delle opzioni in caso di cessazione del rapporto di lavoro.
La società può pertanto, mantenuta la struttura essenziale, articolare un piano di stock option nel senso più congeniale rispetto alle proprie esigenze.
Dal punto di vista fiscale, le stock option, dopo l’abrogazione del regime di favore esistente fino a giugno 2008, sono da considerare a tutti gli effetti come i fringe benefit.
Nella prima fase di attribuzione del diritto (granting) non si manifesta alcun fenomeno imponibile, mentre nel momento in cui esercita il diritto, il beneficiario pagherà di regola un prezzo (strike price) inferiore al valore in quel momento del titolo sottostante.
Poiché il beneficio deriva dalla condizioni di lavoratore subordinato (o assimilato nel caso di amministratori), deve essere considerato a tutti gli effetti come reddito di lavoro dipendente, per il principio di onnicomprensività secondo cui tutte le somme e i valori che il dipendente riceve in relazione al rapporto di lavoro, costituiscono reddito di lavoro dipendente (art. 51 Tuir).
Pertanto, quando il dipendente riceve azioni a fronte della partecipazione ad un piano di stock option, la differenza tra il valore normale dei titoli al momento dell’esercizio dell’opzione ed il prezzo pagato dal lavoratore  (strike price), si configura come reddito di lavoro dipendente, da assoggettare alla normale tassazione Irpef.
Per la determinazione del valore normale, l’art. 51, co. ,3 Tuir fa espresso rinvio all’art. 9 Tuir, che, con riferimento ai titoli azionari, lo individua:
per le azioni, obbligazioni e altri titoli negoziati in mercati regolamentati italiani o esteri, in base alla media aritmetica dei prezzi rilevati nell’ultimo mese;per le altre azioni, per le quote di società non azionarie e per i titoli o quote di partecipazione al capitale di enti diversi dalle società, in proporzione al valore del patrimonio netto della società o ente, ovvero, per le società o enti di nuova costituzione, all’ammontare complessivo dei conferimenti.
La qualificazione come reddito di lavoro dipendente, tuttavia, in deroga al principio di armonizzazione delle basi imponibili fiscale e contributiva, per esplicita previsione normativa (art. 82, co. 24-bis, D.L. 112/2008) non comporta la concorrenza dello stesso alla formazione dell’imponibile contributivo, ed è pertanto esentato da contribuzione.
Una volta esercitato il diritto di opzione, il nuovo azionista/beneficiario, verrà tassato secondo le regole generali sia per quanto riguarda l’eventuale percezione di dividendi durante il periodo di possesso del titolo che per quanto riguarda la tassazione dell’eventuale plusvalenza realizzata all’atto di cessione del titolo stesso; in caso di vendita, il costo fiscale del titolo, da confrontare con il corrispettivo, sarà costituito dal valore normale dello stesso all’atto dell’esercizio del diritto di opzione, già affrancato come reddito di lavoro dipendente.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Note di variazione Iva nelle procedure concorsuali

Il fornitore può emettere la nota di variazione Iva dalla data di avvio della procedura

Continua

Deduzione dei contributi per colf e badanti

Il tetto massimo di deduzione dal reddito è di euro 1.549,37 annui

Continua

L'esonero contributivo per il tempo indeterminato

L`Inps, con la circolare 57 pubblicata il 29.03.2016, affronta gli aspetti procedurali circa gli adempimenti per usufruire dell`esonero contributivo

Continua

La detassazione dei premi di risultato

La Legge di Stabilità per il 2016 ha reintrodotto e reso strutturale la detassazione dei premi di risultato

Continua

L'agevolazione Sabatini ter per gli investimenti

Le domande potranno essere presentate dal 2.05.2016 collegandosi alla piattaforma del MiSe

Continua

Il regime forfettario

Nel primo quinquennio chi inizia l'attività applica un`imposta sostitutiva del 5% sul reddito

Continua

I finanziamenti dei soci

La novità introdotta prevede che la rinunzia dei soci ai crediti generi una sopravvenienza attiva solo per la parte che eccede il valore fiscale

Continua

Il reddito dell`impresa familiare

La ripartizione del reddito dell`impresa familiare tra titolare e partecipanti

Continua

Proroga della comunicazione "Black list"

Novità dell`ultima ora per la comunicazione "Black List" che quest`anno sarà autonoma e l'invio è rimandato a settembre

Continua

I nuovi criteri di valutazione dei debiti

Il nuovo OIC 19 definisce i criteri per la rilevazione, classificazione e valutazione dei debiti, con l'utilizzo del costo ammortizzato

Continua

Detrazioni per lavori immobiliari in 730 e unico

Prorogate ed ampliate le detrazioni per recupero edilizio/efficienza energetica e introdotti nuovi bonus per giovani coppie e per classe energetica

Continua

Lo spesometro: quali operazioni comunicare

L`adempimento dello spesometro quest`anno è escluso per i medici che hanno trasmesso le operazioni attraverso il STS, nonché per minimi e forfettari

Continua

Dimissioni: nuovo procedimento

Sul sito internet del Ministero del Lavoro si può trovare una versione dimostrativa della nuova procedura di dimissioni volontarie

Continua

I contributi previdenziali IVS 2016

Le nuove aliquote per i contributi previdenziali di artigiani e commercianti

Continua

Canone RAI: ecco il modello per l'esenzione

Entro il 30 aprile per posta o il 10 maggio in telematico deve essere presentato il modello approvato ieri dall'Agenzia delle Entrate

Continua

Le somme dovute per la successione entrano in F24

Dal 1° aprile 2016 le imposte sulle successioni verranno versati con il modello F24, fino al 31 dicembre 2016 sarà ancora possibile utilizzare l'F23.

Continua

L'estromissione agevolata degli immobili

L’imprenditore individuale estromette con il comportamento concludente: deve essere eseguita entro il prossimo 31 maggio 2016

Continua

L'accertamento fiscale e le prove atipiche

Nuove pronunce della Cassazione in merito alle difese poste in essere dal contribuente

Continua

I NUOVI LIMITI PER L'USO DEL CONTANTE

L'INNALZAMENTO DEL CONTANTE A 3.000€ SI INTRECCIA CON LE NORME SU ASSEGNI, LIBRETTI AL PORTATORE, MONEY TRANSFER E LOCAZIONI

Continua

Estromissione agevolata degli immobili

Entro il 31 maggio l'imprenditore potrà estromettere dai beni di impresa i propri immobili con una tassazione particolarmente agevolata

Continua

Le novità sulle collaborazioni dal 2016

A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 81/2015 è stata abrogata la disciplina del contratto a progetto

Continua

Deducibilità ridotta per i costi delle autovetture

Nuove opportunità di risparmi fiscali dopo la riduzione della deducibilità al 20%: autorizzazione all'uso dell'auto di proprietà dell'amministratore

Continua

Agevolazione per assunzioni a tempo indeterminato

Le assunzioni fatte nel 2015 di dipendenti a tempo indeterminato godranno di uno sgravio contributivo triennale

Continua

Auto in uso all'amministratore: i vantaggi fiscali

Nuove opportunità di risparmi fiscali dopo la riduzione della deducibilità al 20%: autorizzazione all'uso dell'auto di proprietà dell'amministratore

Continua

Sgravio contributivo per le nuove assunzioni

Per le assunzioni a tempo indeterminato fatte nel 2015 le imprese godranno di un beneficio circa i contributi previdenziali a carico dell'azienda

Continua

IL PASTICCIO DELL'IMU SUI TERRENI

IL GOVERNO HA MODIFICATO IN EXTREMIS I CRITERI PER STABILIRE L'IMU DOVUTA SUI TERRENI: VEDIAMO LE NOVITA' INTRODOTTE

Continua

Comunicazione dei veicoli aziendali in comodato

Un nuovo adempimento obbliga tutte le aziende a dover comunicare i dati degli utilizzatori degli autoveicoli, a fronte di pesanti sanzioni

Continua

Agevolazioni fiscali per l`acquisto di macchinari

Le imprese che acquistino macchinari nuovi entro il 30/06/2015 avranno uno sconto fiscale pari al 15% dell'investimento

Continua

Deducibilità ridotta per i costi delle autovetture

Nuove opportunità di risparmi fiscali dopo la riduzione della deducibilità al 20%: autorizzazione all'uso dell'auto di proprietà dell'amministratore

Continua