Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

L`Agenzia delle Entrate spiega il nuovo regime forfetario

L’Agenzia delle Entrate con una recente circolare ha fornito chiarimenti in ordine al nuovo regime forfetario

L`Agenzia delle Entrate spiega il nuovo regime forfetario - L’Agenzia delle Entrate con una recente circolare ha fornito chiarimenti in ordine al nuovo regime forfetario

Introdotto dalla L. 190/2014. Di seguito si sintetizzano gli aspetti salienti.
Applicabilità di precedenti chiarimenti ufficiali
In primo luogo per alcuni aspetti vengono ritenuti ancora applicabili nel nuovo regime, i chiarimenti ufficiali forniti relativamente al regime dei contribuenti minimi e al regime di vantaggio con riferimento: 

• ai requisiti per valutare la novità dell’attività ai fini della fruizione della tassazione ridotta al 5% per il primo quinquennio;
• alla possibilità di correggere le fatture emesse erroneamente con addebito dell’IVA mediante l’emissione di una nota di variazione (da conservare, ma senza obbligo di registrazione ai fini IVA);
• al trattamento delle fatture emesse durante il regime (senza addebito dell’IVA), ma pagate dopo la fuoriuscita dallo stesso (tali documenti non vanno integrati poiché l’operazione si considera effettuata al momento dell’emissione della fattura);
• alle modalità di cessazione dell’attività nel caso in cui esistano ancora ricavi e compensi fatturati, ma non riscossi, ovvero costi e oneri per i quali manca ancora la manifestazione numeraria.
Viene confermato che è possibile transitare dal 2016 al regime forfetario da parte di coloro che, nel 2015, avevano optato per il regime ordinario o per quello di vantaggio.
Requisiti d’accesso
Ai fini del computo del limite di 20.000,00 euro di costo complessivo per i beni strumentali, i beni immobili non concorrono alla formazione di detto limite comunque siano acquisiti, anche mediante contratto di locazione.
Rispetto al computo della soglia dei 30.000,00 euro di redditi di lavoro dipendente e assimilati nell’anno precedente, per l’accesso al regime nel 2016, rilevano i redditi percepiti nel 2015. Tale limite:
 non opera se il rapporto di lavoro dipendente è cessato nel corso dell’anno precedente, a condizione che, nel medesimo anno, non sia stato percepito un reddito di pensione che, in quanto assimilato al reddito di lavoro dipendente, assume rilievo, anche autonomo, ai fini del raggiungimento della citata soglia (viene precisato che rilevano esclusivamente le cessazioni del rapporto di lavoro intervenute nell’anno precedente a quello di applicazione del regime forfetario);
 rileva nell’ipotesi in cui, nello stesso anno, il contribuente abbia cessato il rapporto di lavoro dipendente, ma ne abbia intrapreso uno nuovo, ancora in essere al 31.12 dell’anno precedente.
Sono esclusi dal regime forfetario coloro che si avvalgono di regimi speciali ai fini IVA o di determinazione del reddito.
Determinazione del reddito
Il reddito è determinato applicando all’ammontare dei ricavi o compensi percepiti il relativo coefficiente di redditività. In tale operazione non rilevano plusvalenze e minusvalenze, né sopravvenienze, sia attive che passive. In presenza di ricavi o compensi derivanti dal contemporaneo esercizio di attività riconducibili a codici ATECO diversi, il contribuente determina il reddito lordo applicando ai ricavi/compensi imputabili a ciascuna attività il relativo coefficiente di redditività.
Gli immobili non vanno considerati nel regime forfetario; il reddito prodotto dagli immobili strumentali o patrimoniali eventualmente posseduti va imputato, quale reddito di fabbricati, alla persona fisica titolare dell’impresa o dell’attività di lavoro autonomo.
Adempimenti dichiarativi
La circolare afferma la possibilità di scomputare in dichiarazione dei redditi le eventuali ritenute erroneamente subite quale alternativa all’istanza di rimborso.
Relativamente all’obbligo di indicazione, quale conseguenza dell’esclusione dagli studi di settore, nel quadro RS di UNICO di alcuni dati relativi all’attività quali, ad esempio, informazioni riguardanti i lavoratori dipendenti, i mezzi di trasporto, i costi e le spese sostenute, i compensi corrisposti, i consumi, la circolare precisa che i dati richiesti nel prospetto dichiarativo devono essere indicati con riguardo alla documentazione ricevuta o emessa da tali soggetti. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dott. Stefano Bonaldo - Venezia (VE)

Dott. Stefano Bonaldo

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Guglielmo Pepe 12 Venezia Mestre

30172 - Venezia (VE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Professionisti e agenti pagano l'IRAP?

In vista della scadenza della prossima dichiarazione dei redditi professionisti, agenti e piccoli imprenditori dovranno valutare se pagare o meno IRAP

Continua

Esclusione da IRAP anche con un dipendente

La Corte di Cassazione ha stabilito che manca l'autonoma organizzazione, e quindi vi è esclusione dall'IRAP, anche in presenza di un dipendente

Continua

Sempre assoggettato ad Iva il compenso riscosso

La Corte di Cassazione ha stabilito che il compenso riscosso è imponibile ai fini IVA anche se incassato dopo la cessazione dell'attività

Continua

Il nuovo leasing finanziario abitativo

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto un nuovo strumento volto ad agevolare l'acquisto di immobili ad uso abitativo

Continua

La riforma degli interpelli - parte seconda

La circolare n. 9/E dell'Agenzia delle Entrate commenta la riforma della disciplina degli interpelli tributari

Continua

La riforma degli interpelli - parte prima

La riforma della disciplina degli interpelli operata dal D.Lgs. 156/2015 viene ora spiegata da una circolare dell'Agenzia delle Entrate

Continua

Primi orientamenti sul raddoppio dei termini

Le Commissioni Tributarie hanno emesso le prime pronunce a favore dei contribuenti in materia di raddoppio dei termini per violazioni penali

Continua

Finanziamento soci e prova della infruttuosità

La norma di comportamento n. 194 dell'AIDC illustra quali sono i documenti utilizzabili per provare l'infruttuosità dei finanziamenti dei soci

Continua

Detrazione Irpef del 50% dell`Iva versata al costruttore

La legge di stabilità del 2016 ha introdotto una detrazione dall’IRPEF del 50% dell’IVA relativa all’acquisto di particolari tipologie di immobili

Continua

Si può ridurre l'Iva nel concordato preventivo

Si è aperto uno spiraglio per chi deve presentare una proposta di concordato preventivo che preveda la falcidia dell'iva

Continua

Ecco le novità della dichiarazione IRAP 2016

La principale novità della dichiarazione IRAP è la deducibilità dei costi dei dipendenti a tempo indeterminato, ma non è l'unica

Continua

Cambia la tassazione nelle vendite giudiziarie

Immobili all`asta: regime agevolato riguardante le imposte di registro, ipotecaria e catastale nelle vendite giudiziarie

Continua

Redditometro, due sentenze pro contribuente

La Commissione Tributaria Regionale di Milano si è espressa in favore del contribuente con due recenti pronunce

Continua

Il bilancio delle micro imprese

Regime semplificato per la redazione del bilancio delle cosiddette "micro imprese"

Continua

Quali termini per la decadenza dell'accertamento?

In caso di oneri detraibili rateizzati l'accertamento può essere effettuato non oltre il quarto anno successivo a quello di sostenimento della spesa

Continua

Come ridurre i debiti con Equitalia

Grazie alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento si possono ridurre i debiti dei consumatori anche nei confronti di Equitalia

Continua

Non tutti i contribuenti devono pagare l'IRAP

Professionisti, agenti e piccoli imprenditori devono monitorare la propria situazione soggettiva per verificare l'assoggettamento o meno ad IRAP

Continua

Vanno pagate le imposte sui canoni non incassati?

Un tema di grande attualità a causa della perdurante crisi economica riguarda il fatto se sia obbligatorio pagare le imposte su canoni non riscossi

Continua

La rateizzazione con Equitalia può essere parziale

Nella domanda di rateazione ad Equitalia non è necessario chiedere la rateizzazione dell’intero debito, ma si può chiedere la dilazione anche parziale

Continua

Come compensare i debiti con Equitalia - parte 2

Il debito verso Equitalia per tributi erariali può essere estinto mediante compensazione con crediti relativi alle imposte erariali stesse

Continua

Come compensare i debiti con Equitalia - parte 1

Il debito verso Equitalia per tributi erariali può essere estinto mediante compensazione con crediti relativi alle imposte erariali stesse

Continua

Come pagare a rate le cartelle di Equitalia

L'articolo indica le diverse possibilità offerte al contribuente in materia di dilazione dei debiti nei confronti di Equitalia

Continua

Le "armi" a disposizione di Equitalia - parte 2

Equitalia ha alcune "armi" a disposizione quali fermo amministrativo, ipoteca, pignoramento, espropriazione forzata

Continua

Le "armi" a disposizione di Equitalia - parte 1

Equitalia ha alcune "armi" a disposizione quali fermo amministrativo, ipoteca, pignoramento, espropriazione forzata

Continua

Credito per imposte pagate all'estero

Con la circolare n. 9/E del 2015 l'Agenzia delle Entrate ha approfondito la disciplina del credito per le imposte pagate all'estero

Continua

E' tassabile la cessione del contratto preliminare

Secondo l'Agenzia delle Entrate la cessione del preliminare di compravendita immobiliare da parte di un soggetto non imprenditore è reddito diverso

Continua

Con un clic si rateizzano le cartelle di Equitalia

Nel sito di Equitalia sono a disposizione alcune funzioni rivolte ai contribuenti utili alla semplificazione del rapporto di riscossione dei tributi

Continua