Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto tributario

Buste paga inferiori al lavoro svolto

Cosa succede quando una busta paga è inferiore al lavoro effettivamente prestato?

Buste paga inferiori al lavoro svolto - Cosa succede quando una busta paga è inferiore al lavoro effettivamente prestato?

Oggi ci occupiamo di un annoso problema, molto frequente nei contratti di lavoro e che ci vede ogni giorno impegnati in questo senso: la stipula di contratti di lavoro che non rispecchiano l'effettiva quantità e quantità di lavoro apportato dal prestatore di lavoro subordinato. 

Infatti, spesso, parte datoriale tende ad inquadrare i lavoratori sotto categorie contrattuali non confacenti alla reale portata del lavoro svolto. E' il classico caso,  ad esempio,  di lavoratori assunti, formalmente, a tempo determinato e parziale (c.d. Part Time), ma che, invece,  lavorano a tempo indeterminato e Totale. Tale circostanza provoca in capo al lavoratore  un grave ed ingiusto danno economico, risarcibile in sede giurisdizionale mediante la c.d.  "vertenza", ossia un iter processuale che vada a riqualificare il rapporto di lavoro nelle categorie contrattuali corrette, consentendo al lavoratore di recuperare le somme non percepite in precedenza. 

Tale assunto si basa sull'antecedente giuridico per il quale la retribuzione costituisce l’elemento fondamentale del rapporto di lavoro che ha la sua origine in un contratto sinallagmatico o a prestazioni corrispettive, caratterizzato dal connotato dell’onerosità e dall’esistenza di un nesso funzionale tra prestazione lavorativa e controprestazione economica. L’obbligo retributivo, pertanto, in virtù del sinallagma contrattuale, costituisce il principale adempimento del datore di lavoro a cui corrisponde la prestazione lavorativa della controparte, considerando che la corresponsione economica dovrà essere adeguata a quella dell’obbligazione lavorativa. L’ art.2094 Codice Civile, ai fini dell’elaborazione della nozione di retribuzione, stabilisce che il prestatore di lavoro subordinato è colui che si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell'imprenditore (Cassazione 22/9/1999, n.10314). 

Requisito fondamentale della nozione di retribuzione è l’obbligatorietà, laddove essa costituisce l’oggetto di un’obbligazione pecuniaria da parte del datore di lavoro. 

Ne deriva, pertanto, che sarà parte integrante della remunerazione tutto ciò che è dovuto al prestatore di lavoro in via necessaria e non eventuale, come compenso di una specifica attività lavorativa (artt.1277 e seguenti cod. civ).
Inoltre, come disposto dall’art. 2099 cod. Civ , letto in combinato disposto con l’art 36 Cost., è sancito che la retribuzione sia subordinata alla qualità e alla quantità del lavoro effettivamente prestato, assumendo come parametro valutativo le disposizioni dei Contratti Collettivi Nazionali applicabili nel settore. Tale garanzia apposta dall’art. 36 Cost. a tutela del lavoratore subordinato non si riferisce solo ai singoli elementi retributivi, bensì al trattamento economico Globale, comprensivo della retribuzione per lavoro straordinario, come riconosciuto dalla Corte Costituzionale con sentenza N. 470/2002. 
Nel caso oggetto di quest'articolo accade che il datore di lavoro, abbia corrisposto al lavoratore una retribuzione non confacente a quella che era la quantità e la qualità del lavoro prestato, rendendosi parzialmente inadempiente, ai sensi del richiamati artt. 2094 e 2099 cod. civ. e 36 Cost., nei confronti del lavoratore. 

Tale circostanza legittima il lavoratore non solo a chiedere le dimissioni per giusta causa (che gli consentono di percepire lo stesso l'indennità di disoccupazione), ma anche e soprattutto a "fare vertenza" nei confronti del datore di lavoro. Tale atto dovrà però essere preceduto da analitici e veritieri conteggi, effettuati da un professionista esterno e adeguatamente reso edotto dei fatti di causa, che vadano a calcolare in modo compiuto quanto effettivamente spetta al lavoratore. 

Il giudizio per il lavoratore sarà poi piuttosto economico. Infatti la legge prevede l'esenzione dal contributo unificato per i lavoratori monoreddito che abbiano un reddito inferiore ai 34.000 euro circa. Con le recenti riforme il rito del Lavoro mira anche a essere più breve e aperto a transazioni, sia stragiudiziali sia in corso di causa, che possano consentire al lavoratore di vedere più velocemente tutelate le proprie istanze.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto tributario

Studio Legale Scavo & Associati - Bari (BA)

Studio Legale Scavo & Associati

Avvocati / Civile

Via Martin Luther King 21

70124 - Bari (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Come ottenere il risarcimento per insidia stradale

Il manto stradale era maltenuto e presentava buche? Ecco una guida rapida su come ottenere un risarcimento derivante da un danno da insidia stradale

Continua

La Stabile Organizzazione in Italia

Breve commento sulla definizione di stabile organizzazione alla luce delle recenti normative Italiane e Comunitarie

Continua

Che tipo di società scegliere in fase di startup?

Quale forma giuridica adottare per la propria impresa? Differenza tra ditta individuale, società di persone, SRL ed SRLS

Continua

Registrazione Software e i Vantaggi per l'Impresa

Come fare per registrare un software? Come Attrarre investitori? Quali sono i vantaggi economici, fiscali e giuridici per l'impresa?

Continua

Anatocismo: Sent. Cass. N. 17150 del 17/08/2016

Nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi anatocistici maturati con riguardo ad un contratto di apertura di credito

Continua

Costituire una start-up

Ecco i passi da intraprendere e una guida ai finanziamenti!

Continua

Rottamazione delle cartelle e cartelle pazze

Ecco quando non conviene rottamare

Continua

L'acquisto di immobili alle aste giudiziarie

Ecco quali sono i vantaggi e i possibili rischi da cui tutelarsi

Continua

I contratti di Rete

I Contratti di Rete: un utile strumento per accrescere la produttività della tua azienda senza dover necessariamente effettuare corposi investimenti

Continua

Studi settore: obbligo di motivazione rafforzata

E' illegittimo l'accertamento, basato su Studi di settore, che non tenga conto di quanto affermato dal contribuente in sede di contraddittorio

Continua

IRI: Cosa cambia per le Imprese

La nuova imposta proporzionale (24%) per le imprese individuali e le società di persone: domande e risposte

Continua

Ipoteca Eccessiva? La Banca deve risarcire!

Se la Banca iscrive ipoteca per un valore eccessivo, secondo la Cassazione il comportamento è illegittimo e deve risarcire il danno. C.Cass. 6533/16

Continua

Cambiamenti nei contratti bancari

Nel caso in cui la Banca modifichi in peius le condizioni di un contratto, deve, a pena di nullità, pattuirlo con il cliente in maniera esplicita

Continua

Come costituire una StartUp: i passi da fare

Guida pratica alle scelte da compiere nel momento di ideazione e costituzione di una StartUp

Continua

Mantenimento figli: come si dividono le spese

Come si dividono le spese di mantenimento dei figli tra coniugi: le spese ordinarie e straordinarie

Continua

Rimborso Azioni Banche Popolari

Nuove interpretazioni che riconoscono il diritto del cliente a vedersi rimborsate le azioni nel momento in cui egli lo richiede

Continua

Investimenti in Ricerca e Sviluppo: agevolazioni

Chiarimenti, modalità applicative e ambito del credito d'Imposta per attività di ricerca e Sviluppo.

Continua