Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Jobs Act: quando scatta la prescrizione?

Contratti a tutele crescenti, dubbi sulla decorrenza della prescrizione

Jobs Act: quando scatta la prescrizione? - Contratti a tutele crescenti, dubbi sulla decorrenza della prescrizione

L’entrata in vigore del contratto a tutele crescenti (D.lgs. 23/2015) pone seri dubbi interpretativi in merito al regime di decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi connessi al rapporto lavoro.
Com’è noto in via generale la prescrizione comincia a decorrere dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere, mentre nell’ambito dei rapporti di lavoro è stata considerata la posizione di inferiorità del lavoratore nei confronti del datore di lavoro che non garantirebbe la piena libertà di esercizio dei diritti in corso di rapporto, nel senso che, temendo ripercussioni, il lavoratore sarebbe indotto a rinunciare a far valere i propri diritti.
Per tali ragioni la giurisprudenza ha creato un doppio regime di decorrenza della prescrizione, differenziato in relazione al grado di “stabilità” del rapporto: decorrenza immediata e in costanza di rapporto per i rapporti garantiti dalla tutela reale (ovvero nelle aziende con più di quindici dipendenti), e decorrenza invece solo dalla fine del rapporto per i rapporti non assistiti da questo tipo di tutela ma solo da tutela di tipo indennitario.
Le cose tuttavia si sono complicate con l'entrata in vigore del D.Lgs n. 23 del 2015 in virtù del quale ai lavoratori assunti a decorrere dal 7 marzo 2015 trova applicazione il c.d. contratto a tutele crescenti.
Per questi ultimi, fatta salve le ipotesi residuali previste dall'art. 2 (i licenziamenti discriminatori, nulli ed intimati in forma orale sono sanzionati con la reintegrazione nel posto di lavoro) ed il licenziamento disciplinare per fatto materiale insussistente, la c.d. tutela reale di cui all'art. 18 Stat. Lav. non trova applicazione.
La giurisprudenza sarà, quindi, certamente chiamata ad affrontare il tema di quale regola trovi applicazione ai lavoratori assunti a decorrere dal 7 marzo 2015.
Applicando i principi elaborati dalla giurisprudenza si potrebbe ritenere che non essendo più garantita, in caso di licenziamento illegittimo, la c.d. stabilità reale, il decorso dei termini della prescrizione dovrebbe decorrere, per tutti i lavoratori assunti a decorrere dal 7 marzo 2015, a partire dalla cessazione del rapporto di lavoro.
Potrebbe tuttavia obiettarsi che la indennità risarcitoria prevista dal c.d. Jobs Act per la maggior parte dei casi di illegittimità del licenziamento può essere considerata mezzo sufficiente ad assicurare un adeguato strumento di tutela contro il licenziamento illegittimo e, di conseguenza, sufficiente anche a "controbilanciare" il metus del lavoratore, ovvero il "timore" di un recesso ingiustificato.
E’ anche logico comunque ipotizzare che la decorrenza della prescrizione verrà legata al crescere delle tutele e quindi della forza contrattuale del dipendente, cosicchè un lavoratore che potrà richiedere l’indennizzo economico nella misura massima o comunque in una misura consistente, avendo una forza contrattuale maggiore, maturerà la prescrizione in corso di rapporto, mentre un neoassunto la maturerà successivamente al raggiungimento di un numero di anni che potrà rappresentare un deterrente per il proprio licenziamento.
Non mancano già ora comunque le prime pronunce dei giudici di merito, tra cui è degna di segnalazione una sentenza del Tribunale di Milano, Sezione Lavoro - Giudice Di Leo, del 16 dicembre 2015, in cui, già con riferimento alle novità della Legge Fornero, si è statuito che “…si deve prendere atto dell’entrata in vigore dal 18 luglio 2012 della L. n. 92/2012 che ha modificato la tutela reale di cui all’art. 18 S.L. , prescrivendo, al comma cinque di tale norma, delle ipotesi nelle quali, anche a fronte di un licenziamento illegittimo, la tutela resta solo di tipo indennitario. Sicchè si deve ritenere che da tale data i lavoratori, pur dipendenti da azienda sottoposta all’art. 18 S.L., potessero incorrere – per la durata della relazione lavorativa – nel timore del recesso nel far valere le proprie ragioni, a fronte della diminuita resistenza della propria stabilità…”.
Ad ogni modo, la conclusione più conforme ai principi costituzionali dovrebbe essere quella che a fronte di una netta e drastica limitazione delle tutele sancite dal vecchio art.18 salvaguardi il più possibile il diritto del lavoratore ad avanzare le proprie pretese retributive senza incorrere in prescrizioni estintive legate all’inutile decorso del tempo nel corso del rapporto di lavoro.

Avv. Sigmar Frattarelli

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto del lavoro

Avv. Sigmar Frattarelli - Alba Adriatica (TE)

Avv. Sigmar Frattarelli

Avvocati / Civile

Via Adriatica 7/c

64011 - Alba Adriatica (TE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Lecito svolgere un altro lavoro in malattia

Illegittimo il licenziamento se il lavoro svolto durante la malattia non compromette nè ritarda la guarigione

Continua

La riforma della responsabilità medica: le novità

Cosa cambia con l'entrata in vigore della Riforma Gelli sulla responsabilità penale e civile dei medici

Continua

Sanzionata l'assenza a visita fiscale

Legittimo il licenziamento del dipendente assente ingiustificato alla visita fiscale

Continua

Cassazione: nessun legame tra vaccini e autismo

Non esiste alcuna prova scientifica che i vaccini possano causare malattie dello spettro autistico

Continua

Non è licenziabile il dipendente maleducato

Illegittimo il licenziamento del lavoratore che ha comportamenti maleducati con i colleghi o accusa l'azienda di mobbing

Continua

Il licenziamento ritorsivo e per rappresaglia

Reintegrazione nel posto di lavoro anche dopo l'entrata in vigore del Jobs Act

Continua

Fondo patrimoniale e salvaguardia dei propri beni

Quando è possibile opporre ai creditori l'impignorabilità dei beni del fondo patrimoniale

Continua

L'infortunio nel percorso casa-luogo di lavoro

Infortunio in itinere. Concetto di infortunio "occasionato dal lavoro"

Continua

Lecito adescare e spiare il dipendente su Facebook

Confermata la legittimità del licenziamento del dipendente colto a chattare su Facebook

Continua

Oltre al mobbing esiste anche lo straining

Il lavoratore vittima di vessazioni e atti ostili da parte dei suoi colleghi nella consapevolezza del datore di lavoro

Continua

Vittima incidente. Risarcibile anche la fidanzata

Il danno morale non spetta solo ai parenti o al coniuge ma anche ai soggetti che siano stati legati alla vittima da uno stretto legame affettivo

Continua

Responsabilità solidale tra clinica e medico

Non occorre che clinica e medico siano legati da un vincolo contrattuale. Il medico agisce comunque come ausiliario dell’organizzazione aziendale

Continua