Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

La mediazione trasformativa

Il lato umanistico del conflitto giuridico.Distinzione metodologica con l'intervento in mediazione diretto al problem solving.

La mediazione trasformativa - Il lato umanistico del conflitto giuridico.Distinzione metodologica con l'intervento in mediazione diretto al problem solving.

La mediazione è uno strumento alternativo di risoluzione dlle controversie , altrenativo al Tribunale. Attraverso l'intervento di un terzo nautrale le parti si impegnano a trovare soluzioni al conflitto. Nella medizione cosidetta trasformativa l'intervento del mediatore non si concentra solo  sulla soluzione  a quella determinata specifica cpntroversia, ma sulla qualità della interazione tra le parti. La soluzione della controversia quindi dovrà arrivare passando attraverso una migliore interazione tra i soggetti  coinvolti nel conflitto stesso, ovvero trasformando le dianamiche relazionali   da negative e distruttive, tipiche del conflitto, a posizioni costruttive e collaborative che poi dovranno essere le basi  dell' accordo. In altre parole il conflitto non viene cosndierato come una patologia dei rapporti interpresonali bensi  come  una inveitabile e normale fase della vita di relazione sociale.Il conflitto nasce dalla difficoltà di comunicare  e ralazionarsi con il prossimo, difficolta insita nella natura dell'uomo. Obbiettivo  primario della mediazione trasoformativa è dunque  quello di ristabilire una comunicazione interrotta e ben si adatta   alle  liti che toccano: i rapporti di famiglia, di vicinato, tra soci ovvero tutti quei rapporti che necessitano di una continuità di relazione anche dopo il conflitto stessoo; ovvero laddove  è forse più importante  la continuità del rapporto relazione/sociale che non la soluzione; la soluzione sarà un passo successivo, la  ricostruzione del rapporto umano fa si che le parti possano arrivare da sole all'accordo migliore possibile. Il perscorso mediante il quale la mediazione trasformativa porta alla risoluzione della lite passa necessariamente attraverso due aspetti fondamentali: il primo è costitutito dalla cosidetta "empowerment" termine che non ha una vera e propria traduzione letterale  italiana, ma che sta a significare un aumento della percezione del proprio valore e della propria dignità di persona nel rapporto interpesonale, che solitamente durante  il conflitto è assente, tale consapevoleza tende ad aumentare la fiducia in se stessi, ed è il punto di partenza per trovare l'accordo. Il secondo aspetto è la cosidetta "recongnition" ovvero il riconscimento  e la capcità di comprendere anche le ragioni dell'altra persona, uscendo dalla mera interpretazione  soggettiva della relatà. L'intervento in mediazione trasofrmativa può concludersi senza un accordo vero e prorpio, ma se le parti avranno ripreso il dialogo e si saranno liberate della corazza che il conflitto gli ha eretto intorno , potrà considerarsi conclusa postivamente, perchè sarà necessariamente un ottimo punto di partenza per trovare un accordo e continuare  poi cosi nella relazione continuativa qualsiasi essa sia.Compito del mediatore trasformativo è quindi quello di guidare le parti  in questo complesso e tortuso viaggio nella loro relazione , il mediatore dovrà utilizzare le prorprie capacità piu che per cogliere gli interessi delle parti,  per sostenere le parti nel ritrovare il proprio "empowerment" e la propria "recognition"in modo che siano le parti  stesse a trovare le soluzioni,non è quindi  compito del mediatore trasformativo affrontare il conflitto in termini negoziali . In altre parole  il mediatore "problem solving" mette a disposizoni della parti la propria professionalità per individuare soluzioni alternative alla specifica controversia , tipica tecincia di questo tipo di mediazione è il cosidetto Brain storming: fare emergere una quantitià di soluzioni alla specifica controversia per trovare poi  quella migliore, il mediatore trasformativo invece interviene direttamente sulla qualità della interazione fra le persone   che si sono rivolte a lui.  E' chiaro che un approcco alla medizione in termini cosi umanistici è guardato con  diffidenza da chi considera la mediazione  uno strumento alternativo al Tribunale, ovvero come un procedimento che al pari di quello giudiziale deve neccessariamente arrivare ad un accordo. In realtà pero questo approccio mette le parti  nella migliore condizione per afforntare la proprio controversia ed il lato cosidetto tecnico giuridico che condurrò all'accordo  potrà essere affrontato in modo più soddfiaciente una volta risolta quello umanistico.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La morosità incolpevole nella locazione

Guida pratica su cosa fare nei casi della cosiddetta morosità incolpevole per evitare lo sfratto per morosità

Continua

Inquilino moroso? Ecco cosa fare

Gli strumenti a disposizione del proprietario di un immobile locato quando l'inquilino non paga più il canone di locazione .

Continua

Le Unioni civili: un pasticcio tutto italiano

La nuova legge sulle unioni civili se da un parte tutela i diritti delle coppie omosessuali, dall'altra non risolve appieno la discriminazione

Continua

Novità riguardo l' assegno di mantenimento

Al fine di determinare l'assegno di mantenimento dei figli anche maggiorenni ,si deve tenere conto dei debiti dei coniugi.

Continua

Il sovraindebitamento dei privati, uscirne si può

La L n 3/2013 ha introdotto una procedura per facilitare il risanamento dei debiti da parte dei privati, di che cosa si tratta?

Continua

Bambini, privacy e Facebook

Ecco perché è altamente sconsigliato pubblicare foto di bambini piccoli su Facebook

Continua

La pratica collaborativa, che cosa è?

Una serie di domande e risposte per conoscere la Pratica collaborativa. Capire che esiste un altro modo per risolvere le controversie familiari.

Continua

Mantenimento dei figli: cosa dice la legge

Spese ordinarie e spese straordinarie, in mancanza di un preciso riferimento normativo la Suprema Corte tenta di fare un po' di chiarezza

Continua

Come proteggere i figli durante la separazione

Piccoli consigli su come rendere la separazione meno traumatica per i minori, una guida su come i genitori si dovrebbero comportare.

Continua

La convenzione di negoziazione nella separazione

A tre mesi dall'entrata in vigore della negoziazione assistita, le prime riflessioni sull'utilità della firma della convenzione e sul suo valore

Continua

Mediatore familiare: né avvocato né psicologo

Qual è il ruolo del mediatore familiare nel procedimento di separazione e di divorzio? Una figura professionale che ad oggi ancora non è conosciuta

Continua

La pratica collaborativa: uniti per separarsi

Il paradosso della pratica collaborativa: tutti uniti per separarsi, una procedura che minimizza l'impatto del conflitto sui figli e sulla coppia

Continua

La mediazione familiare reclama il suo spazio

La Mediazione, il migliore strumento per la risoluzione extra giudiziale delle controversie familiari, ancora una volta snobbata dal legislatore

Continua