Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Terapia del Dolore

I Cannabinoidi: indicazioni e uso terapeutico

I farmaci cannabinoidi costituiscono una risorsa importante nell'ambito della Terapia del Dolore. Recentemente in Italia è stato approvato il loro uso terapeutico

I Cannabinoidi: indicazioni e uso terapeutico - I farmaci cannabinoidi costituiscono una risorsa importante nell'ambito della Terapia del Dolore. Recentemente in Italia è stato approvato il loro uso terapeutico

Quando si parla di uso terapeutico dei cannabinoidi, nella maggior parte dei casi il pensiero va all’impiego “ricreativo” della marijuana, oppure ai centri di recupero per tossicodipendenti. In realtà è ormai un dato di fatto che alcune sostanze presenti nella marijuana hanno un’azione terapeutica estremamente rilevante e un ampio campo di applicazione. Per questo motivo il Ministero della Salute ne ha autorizzato la prescrizione e l’assunzione a scopo terapeutico

  

Nell’ambito della Terapia del Dolore i cannabinoidi stanno trovando sempre più spazio grazie al loro forte potere analgesico ed alla loro grande sicurezza. Infatti i recettori molecolari dei cannabinoidi sono ampiamente rappresentati nel Sistema Nervoso Centrale, ma sono completamente assenti nel Tronco Encefalico, che è l’area del cervello deputata al controllo d’importanti funzioni vitali, quali la respirazione, la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca. Per questo anche “un’overdose” di cannabinoidi non espone il paziente a rischio di vita. Inoltre i cannabinoidi esercitano una forte azione rilassante sulla muscolatura, il che li rende particolarmente indicati nelle patologie dolorose associate a spasmo muscolare. 

  

I farmaci di riferimento per la Terapia del Dolore attualmente sono gli oppioidi, il cui capostipite è la Morfina. I farmaci oppioidi sono degli ottimi farmaci analgesici, efficaci in differenti forme di dolore, tuttavia hanno degli effetti collaterali che spesso ne limitano l’impiego, perché scarsamente tollerati dal paziente, quali soprattutto la nausea, il vomito, la disappetenza e la stitichezza. I cannabinoidi al contrario non inducono stitichezza e stimolano l’appetito, il che è un effetto rilevante soprattutto per i pazienti oncologici che devono assumere farmaci chemioterapici, i quali già di per sé inducono nausea. 

  

I recettori per i cannabinoidi sono presenti anche nelle cellule del sistema immunitario. La loro attivazione riduce la risposta infiammatoria. Questo è un altro aspetto rilevante, soprattutto per le patologie caratterizzate da un quadro d’infiammazione cronica, quali la totalità delle patologie autoimmuni che interessano le articolazioni, i muscoli o altri tipi di tessuto. 

  

In Italia i cannabinoidi sono disponibili in gocce oleose, in cartine da consumare sotto forma di decotti oppure possono essere assunte sotto forma di vapore, grazie all’impiego di vaporizzatori che riscaldano il farmaco senza provocarne la combustione. L’assunzione in forma di fumo, attraverso lo “spinello”, è sconsigliata sia in quanto nociva per la salute e sia perché gran parte del principio attivo viene perso con la combustione. 

  

Qualsiasi medico può prescrivere farmaci cannabinoidi, anche se è sempre più opportuno rivolgersi a specialisti della Terapia del Dolore, in grado d’individuare i pazienti che possono trarre giovamento dal loro impiego e le formulazioni farmaceutiche più adatte. 

  

Purtroppo i farmaci cannabinoidi attualmente in molte regioni non sono rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale e il loro costo può essere un limite per impostare un adeguato piano terapeutico. La spesa varia in base al prodotto e alla quantità di farmaco che deve essere assunto quotidianamente, comunque si aggira in media sui 180 Euro mensili.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Terapia del Dolore

Dr. Michele Naclerio - Milano (MI)

Dr. Michele Naclerio

Medici legali / Medicina del Dolore (Terapia del Dolore)

Via G.b. Grassi 74 C/o A.o. Ospedale L. Sacco

20100 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La nevralgia post-erpetica

E’ una patologia secondaria alla riattivazione del virus Varicella-Zoster. Spesso dura 12 mesi, talvolta però può persistere per sempre

Continua

La cefalea a grappolo e il nervo grande occipitale

L’infiltrazione con steroide del nervo Grande Occipitale riduce la frequenza delle crisi cefalgiche

Continua

La sindrome delle Faccette Articolari

Costituisce una delle cause più comuni di mal di schiena. La neuromodulazione con radiofrequenza o con crio-analgesia permette di ridurre significativamente il dolore

Continua

Il mal di schiena

Dietro il termine di “mal di schiena” si nascondono differenti tipi di patologie. Solo una corretta diagnosi può portare a individuare il corretto trattamento

Continua

Il mal di schiena: perché e come trattarlo

È una tra le patologie più comuni nei paesi occidentali e spesso ha come causa delle alterazioni della colonna vertebrale che non devono essere trascurate

Continua

Radiofrequanza e Crioanalgesia: indicazioni e tecnica

Se correttamente impiegate, in alcuni tipi di patologie possono portare una riduzione significativa del dolore per un periodo variabile da tre a sei mesi

Continua

Il dolore postoperatorio cronico

Un trattamento mirato può risolvere il problema o comunque portare a una riduzione significativa del dolore

Continua

Dolore postoperatorio persistente

E’ un evento molto più comune di quanto si possa pensare. Una diagnosi precoce evita inutili sofferenze

Continua

Uso terapeutico dei Cannabinoidi: cosa c'è da sapere

Numerose ricerche scientifiche hanno evidenziato i molteplici effetti terapeutici. Molte sono le patologie individuate che possono giovarsi di tali sostanze

Continua

Il Dolore Pelvico Cronico

Il Dolore Pelvico Cronico richiede un approccio multispecialistico. La Terapia del Dolore prevede l’impiego di più farmaci, tra i quali i Cannabinoidi

Continua

Nevralgia Occipitale o Nevralgia di Arnold

La Nevralgia occipitale è una patologia rara, sebbene non rarissima, dovuta a un’irritazione del nervo occipitale (nervo di Arnold). Il trattamento può essere medico o chirurgico

Continua

La Neuropatia Diabetica

Il trattamento della Neuropatia Diabetica è complesso e richiede un approccio polispecialistico. Una corretta Terapia del Dolore può migliorare la qualità di vita dei pazienti

Continua

Nevralgia Posterpetica: perché alcuni pazienti guariscono e altri no?

I pazienti sottoposti agli stessi trattamenti spesso hanno risultati clinici differenti: non sempre viene attuata una strategia terapeutica razionale

Continua

La disfunzione delle articolazioni sacro-iliache

Le alterazioni del bacino sono una causa frequente di lombalgia acuta persistente

Continua

La Mesoterapia non serve solo a dimagrire

La Mesoterapia è un valido strumento terapeutico per molti tipi di dolore, soprattutto di natura muscoloscheletrica

Continua

Che cosa è la Terapia del Dolore

Il dolore da sintomo può diventare in alcuni casi malattia. Combatterlo significa rifiutare il dolore inutile

Continua

Herpes Zoster: perché non sottovalutarlo

L'Herpes Zoster, o Fuoco di Sant'Antonio, in alcuni casi può essere responsabile della Nevralgia Posterpetica. Un trattamento tempestivo e mirato è sempre opportuno

Continua