Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Rivalutazione delle immobilizzazioni (immobili)

Opporunità di risparmio fiscale per chi ha un immobile in bilancio a costo storico basso o riscattato dal leasing

Rivalutazione delle immobilizzazioni (immobili) - Opporunità di risparmio fiscale per chi ha un immobile in bilancio a costo storico basso o riscattato dal leasing

Dopo cinque anni (l'ultima risaliva al 2008/2009, è di nuovo possibile rivalutare con effetto fiscale il valore delle immobilizzazioni iscritte in bilancio, pagando una imposta sostitutiva.  

L'opportunità potrebbe essere interessante soprattutto per chi possiede immobili patrimonio, iscritti in bilancio tra le immobilizzazioni, acquistati molti anni fa ad un prezzo inferiore al valore attuale, o ancora per chi ha riscattato immobili dal leasing ad un prezzo anch'esso inferiore al valore attuale di mercato.  

La rivalutazione comporta il pagamento di una imposta sostitutiva del 16% o del 12% rispettivamente per i beni ammortizzabili e per quelli non ammortizzabili (ad es. terreni), calcolata sul maggior valore attribuito all'immobilizzazione per effetto della rivalutazione . 

 

Con il pagamento dell’imposta sostitutiva, il maggior valore attribuito all’immobile viene riconosciuto a decorrere dal terzo esercizio successivo a quello con riferimento al quale la rivalutazione è stata eseguita (1° gennaio 2016 per le società con esercizio sociale coincidente con l’anno solare).  

 

Il versamento dell’imposta sostitutiva sul maggior valore attribuito all’immobile ovvero sull’affrancamento della riserva di rivalutazione deve essere effettuato in tre rate annuali di pari importo, senza pagamenti di 

interessi, di cui la prima da versare entro il termine di versamento del saldo delle imposte sui redditi (es.: 16 giugno 2014) e le altre due con scadenza entro il termine rispettivamente previsto per il versamento a saldo delle imposte sui redditi relative ai periodi d’imposta successivi (cioè 16 giugno 2015 e 16 giugno 2016). 

 

E' inoltre possibile affrancare fiscalmente la riserva da rivalutazione, con il pagamento di un ulteriore imposta sostitutivadel 10%.  

 

Il nostro Studio è a disposizione per una prima consulenza GRATUITA, e se vorrete per approfondire ulteriormente questa e altre opportunità o problematiche fiscali e societarie.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il modello 730 precompilato

A partire dal 15 aprile 2015 sarà messo a disposizione del contribuente il nuovo modello in un`apposita sezione del sito internet dell`Agenzia delle Entrate

Continua